Database Italia

500.000 squali verranno uccisi per produrre il vaccino contro il coronavirus

Circa 500.000 squali verranno uccisi per il vaccino contro il Coronavirus, così affermano gli esperti di Shark Allies. Gli squali vengono raccolti per lo squalene, un olio naturale prodotto nel fegato che viene utilizzato come adiuvante per aumentare l’efficacia di un vaccino. È elencato come ingrediente su un certo numero di candidati per il vaccino Covid-19, anche per gli antinfluenzali. Stefanie Brendl, fondatrice e direttrice esecutiva di Shark Allies, ha lanciato una petizione contro l’uso dello squalene animale per la produzione di vaccini contro il coronavirus.

Il cartello farmaceutico ha in programma di vaccinare l’intera popolazione del pianeta. Se uno di questi vaccini viene utilizzato in tutto il mondo, il gruppo ambientalista Shark Allies crede che circa 250.000 squali dovranno essere macellati per fornire una dose per ogni persona.

Tuttavia le case farmaceutiche iniziano a sostenere l’ipotesi della doppia dose necessaria per immunizzare la popolazione, il che significa che circa 500.000 squali dovrebbero essere macellati, secondo i calcoli del gruppo con sede in California.

 Lo squalene ottenuto dall’olio di fegato di squalo è usato più comunemente perché è economico da ottenere e facile da trovare, non perché sia più efficace di altre fonti.

Ciò potrebbe significare un potenziale disastro per gli squali e gli esseri umani poiché questa risorsa non è né sostenibile né affidabile per la produzione di massa di un vaccino COVID-19. La produzione di squalene di squalo fa affidamento su una popolazione limitata di animali selvatici. La maggior parte delle specie di squali si trova già a livelli critici e non resisterà all’aumento della domanda di un vaccino globale. I paesi che producono squalene di squalo potrebbero presto aver bisogno dell’olio per il proprio vaccino. La catena di approvvigionamento non è mai stata testata sulla scala richiesta da un vaccino contro il coronavirus. C’è anche pochissimo controllo di qualità e trasparenza nell’industria dello squalene di squalo. In poche parole, sfruttare gli squali per un ingrediente chiave del vaccino che può essere sostituito con alternative non animali più sostenibili e affidabili è un approccio dannoso e distruttivo.

COSA SONO GLI ADIUVANTI DEL VACCINO E PERCHÉ SONO RILEVANTI PER LA CONSERVAZIONE DEGLI SQUALI? 

Lo squalene è usato come agente idratante nei cosmetici, ma perché dovrebbe essere in un vaccino? Lo squalene è utilizzato in alcuni adiuvanti che sono un componente di alcuni vaccini. Gli adiuvanti sono un componente comune dei vaccini destinati ad aumentare la risposta immunitaria di un corpo umano al vaccino, aumentandone così l’efficacia. Inoltre, l’inclusione di adiuvanti nei vaccini consente di ridurre la quantità di ingredienti / antigeni attivi del vaccino (cioè virus o batteri morti o indeboliti) e di essere contenuti in una singola dose. Di conseguenza, è possibile produrre più vaccini. 

Per molti anni, i vaccini adiuvati con squalene sono stati usati per trattare o prevenire malattie come diversi ceppi di influenza e coronavirus (H1N1, H5N1, H7N9, H7N7, SARS-CoV e MERS-CoV, influenza e rabbia). Alcuni vaccini con un adiuvante a base di squalene di squalo sono attualmente utilizzati sul mercato per prevenire l’influenza. Inoltre, ci sono aziende come GSK, Seqirus e Clover Biopharmaceuticals, che producono adiuvanti a base di squalene o utilizzano tali adiuvanti nel test dei vaccini COVID-19. 

Molti degli adiuvanti utilizzati nei vaccini COVID-19 attualmente in fase di sperimentazione utilizzano squalene di squalo, mentre la fonte di squalene per altri non è confermata. MF59 è un comune adiuvante contenente squalene derivato dallo squalo che è stato testato nel trattamento di MERS-CoV, SARS-CoV e nell’uso di un vaccino antinfluenzale. Inoltre è attualmente in fase di test sui vaccini COVID-19. Poiché l’MF59 è stato utilizzato come componente di altri trattamenti contro il coronavirus, potrebbe essere efficace nei vaccini COVID-19. Di conseguenza, la domanda di squalene di squalo potrebbe salire alle stelle, portando a un aumento significativo delle uccisioni e della raccolta degli squali per i loro fegati. MF59 è solo uno degli adiuvanti contenenti squalene che viene utilizzato nei test del vaccino COVID-19.

Perché un’azienda dovrebbe scegliere di utilizzare lo squalene derivato dallo squalo nei propri adiuvanti, invece di alternative vegetali sostenibili? L’unica risposta che possiamo vedere è il costo. Lo squalene vegetale è circa il 30% più costoso dello squalene di squalo. Uno dei motivi per cui lo squalene di squalo è più economico è a causa della facilità di estrazione. Lo squalene con una purezza> 98% è ottenuto direttamente dall’olio di fegato di uno squalo dopo una singola fase di distillazione sotto vuoto a temperature di 200-230 gradi Celsius. Questo processo richiede solo 10 ore mentre sono necessarie quasi 70 ore di lavorazione per ottenere squalene di olio d’oliva con una purezza superiore al 92%. La purezza dello squalene non derivato dallo squalo, tuttavia, può essere paragonabile a quella dello squalene dello squalo.

Fonte: https://www.sharkallies.com/science-and-research

Firma La Petizione: https://www.change.org/p/us-fda-food-and-drug-administration-of-the-united-states-of-america-stop-using-sharks-in-covid-19-vaccine-use-existing-sustainable-options?utm_source=share_petition&utm_medium=custom_url&recruited_by_id=923ecf50-6a7c-0130-2a28-3c764e0455b2&use_react=false



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.