Deep StateEconomiaPolitica

A DAVOS MANCANO GLI INVITATI DI SERIE A

"L'incontro di quest'anno potrebbe riuscire a compiere qualche progresso in materia di clima, ma molti sostengono che il forum sia irrilevante in un mondo cambiato"

DAVOS, MANCANO GLI INVITATI DI SERIE A. Sabato 22 maggio 2022, The Guardian ha pubblicato un articolo del seguente tenore: “With no A-listers, can Davos still play a part on the global stage?” (Senza invitati di serie A, Davos può recitare ancora una parte sulla scena mondiale?). Perché le grandi personalità dello spettacolo hanno dato buca al grande evento WEF e i grandi milionari protestano contro Davos, chiedendo ai governi una tassazione che riduca il divario ricchi-poveri (QUI)? Potrebbe questo essere un segno del totale fallimento del NWO (vedi anche QUI)?

SENZA INVITATI DI SERIE A, DAVOS PUÒ RECITARE ANCORA UNA PARTE SULLA SCENA MONDIALE?

di Larry Elliott

Il momento clou dell’ultimo raduno dell’élite globale a Davos è stato un battibecco tra Greta Thunberg e Donald Trump. Era il gennaio 2020 e si prestava poca attenzione alle notizie su un nuovo virus recentemente individuato in Cina. La maggior parte di coloro che si sono recati nella località alpina svizzera erano troppo impegnati a manifestare la loro profonda preoccupazione per la disuguaglianza e l’emergenza climatica.

In questi 28 mesi sono successe molte cose. Quella che si pensava fosse una piccola difficoltà locale a Wuhan si è rivelata l’inizio di una crisi globale. La Davos del gennaio 2021 è stata un evento virtuale e l’incontro annuale del World Economic Forum (WEF) previsto per il gennaio 2022 è stato rinviato a causa della diffusione della variante Omicron di Covid-19.

L’incontro del WEF di questa settimana avrà un’atmosfera diversa, e non solo perché molte delle sue piste saranno verdi anziché bianche. L’affluenza è in calo rispetto ai livelli pre-pandemici e non ci sono personalità di spicco tra i protagonisti.

Nel 2006, Davos poteva attrarre personaggi del calibro di Angelina Jolie, vista qui con l’allora fidanzato Brad Pitt al seguito.
Fotografia: Fabrice Coffrini/AFP/Getty Images

Nessuno dei protagonisti dell’emergenza climatica del 2020 sarà presente. Trump è fuori dal suo ufficio e Thunberg ha rinunciato a Davos. Joe Biden non è sulla lista degli invitati, così come Boris Johnson, il presidente francese Emmanuel Macron o il primo ministro italiano, Mario Draghi. La reticenza è comprensibile: intrattenersi con i miliardari quando imperversa la crisi del costo della vita non è il massimo.

Negli anni passati, il Cancelliere dello Scacchiere del Regno Unito era l’ospite di un pranzo d’affari organizzato nell’elegante Grandhotel Belvédère di Davos. Quest’anno a Rishi Sunak è stato risparmiato l’imbarazzo di dover rifiutare l’invito, perché il pranzo non si terrà.

Klaus Schwab, che ha organizzato la prima Davos – nel 1971 – ed è presidente esecutivo del WEF, ha fatto buon viso a cattivo gioco per l’assenza dei grandi del mondo.

“L’incontro annuale è il primo vertice che riunisce i leader mondiali in questa nuova situazione caratterizzata da un mondo multipolare emergente a seguito della pandemia e della guerra”, ha dichiarato. “Il fatto che quasi 2.500 leader della politica, dell’economia, della società civile e dei media si riuniscano di persona dimostra la necessità di una piattaforma globale affidabile, informale e orientata all’azione per affrontare i problemi di un mondo guidato dalla crisi”.

Bill Gates e Bono al WEF 2008. Foto Jeff J MItchell, tratta da RollingStone
https://www.rollingstone.it/politica/la-lezione-dello-storico-ai-super-ricchi-di-davos-iniziate-a-pagare-le-tasse/443328/

La speranza di Schwab è che l’evento low-key di quest’anno sia solo una battuta d’arresto temporanea e che Davos torni alla normalità il prossimo gennaio, e potrebbe avere ragione. Gli amministratori delegati delle grandi multinazionali potrebbero essere meno disposti a volare in Svizzera in primavera rispetto all’inverno, soprattutto a causa dei severi requisiti sanitari per partecipare all’incontro. Come testimoniano le continue serrate in Cina, il Covid-19 non è stato eliminato.

È anche possibile che questa Davos dimostri il suo valore come centro di discussione globale facendo qualche progresso sull’emergenza climatica. Il politico americano di più alto livello sarà l’inviato di Biden per il clima, John Kerry, mentre Alok Sharma, che ha presieduto la riunione della Cop26 a Glasgow lo scorso novembre, sarà il principale rappresentante del governo britannico.

Esiste, tuttavia, una narrazione alternativa. Davos è sempre stata dedicata alla globalizzazione e da tempo desidera utilizzare il forum per affrontare problemi comuni come il riscaldamento globale e la disuguaglianza. Ma come farà a far fronte a un mondo frammentato in cui la globalizzazione è in ritirata? Vladimir Putin è stato uno degli oratori principali della Davos virtuale dell’anno scorso, ma con la guerra in Ucraina, questa volta non è stato invitato nessun russo. Il presidente cinese, Xi Jinping, ha tenuto un discorso a favore della globalizzazione a Davos cinque anni fa. È improbabile che faccia lo stesso discorso oggi.

La combinazione di pandemia e Putin ha accelerato una tendenza già esistente verso la deglobalizzazione e questo processo – piuttosto che i manifestanti fuori dall’anello d’acciaio – rappresenta la più grande minaccia per il futuro di Davos.

Un ex ministro del Regno Unito, un tempo habitué di Davos, ha dichiarato che l’incontro ha smesso di essere rilevante. “È diventato ridicolo”, ha detto. “Ci sono dirigenti che arrivano in Svizzera con jet privati e poi si impegnano a piantare milioni di alberi come compensazione delle emissioni di carbonio”.

Quest’anno sarà necessario piantare meno alberi.

Fonte: https://www.theguardian.com/business/2022/may/22/can-davos-with-no-a-listers-still-play-a-part-on-the-global-stage

Armando Savini

Armando Savini è un economista, saggista, cultore di esegesi biblica e mistica ebraica. Dopo la laurea in Scienze Politiche e un master in HR Management, si è occupato di scienza della complessità e delle sue applicazioni all’economia. Già cultore della materia in Politica economica presso la cattedra del Prof. Giovanni Somogyi alla Facoltà di Scienze Politiche de La Sapienza, è stato docente a contratto di storia economica, economia, HR management e metodi di ricerca per il business. Tra le sue ultime pubblicazioni: Sovranità, debito e moneta. Quello che dovresti sapere e non ti hanno mai detto (‎2021); Miti, storie e leggende. I misteri della Genesi dal caos a Babele (Diarkos 2020); Le due sindoni (Chirico, 2019); Il Messia nascosto. Profezie bibliche alla luce della tradizione ebraica e cristiana (Cantagalli-Chirico, 2019); Maria di Nazaret dalla Genesi a Fatima (Fontana di Siloe, 2017); Risurrezione. Un viaggio tra fede e scienza (Paoline, 2016); Dall’impresa-macchina all’impresa-persona. Ripensare l’azienda nell’era della complessità (Mondadori, 2009).

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!