CoronavirusEventi Avversi V.C.SaluteScienza e Tecnologia

ALLARME EPATITE, SECONDO UNO STUDIO PUBBLICATO SUL JOURNAL OF HEPATOLOGY LA COLPA SAREBBE DEI VACCINI COVID

Un nuovo studio scientifico pubblicato il 21 aprile 2022 ha concluso che la vaccinazione contro il Covid-19 può provocare una distinta epatite immuno-mediata (infiammazione del fegato) dominante a cellule T con un patomeccanismo unico associato all’immunità dei tessuti residenti antigene-specifica indotta dalla vaccinazione che richiede immunosoppressione SISTEMICA.

I risultati arrivano pochi giorni dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha emesso un “allarme globale” su una nuova forma di epatite grave che colpisce i bambini; e dopo che il governo del Regno Unito ha annunciato che avrebbe avviato un’indagine urgente dopo aver rilevato tassi di infiammazione del fegato (epatite) più elevati del solito tra i bambini, dopo aver escluso i virus comuni che causano la condizione.

Il 15 aprile 2022, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha emesso un avviso globale su una nuova forma di epatite acuta grave con un’eziologia (causa) sconosciuta che ha colpito bambini precedentemente sani nel Regno Unito nell’ultimo mese. Casi sono stati notificati anche in Spagna e Irlanda. I test hanno escluso tutti i virus dell’epatite precedentemente noti.

L’annuncio è arrivato dopo che l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha recentemente rilevato tassi di infiammazione del fegato (epatite) nei bambini più elevati del solito.

Al 25 aprile, è stato confermato che le infezioni da epatite hanno colpito bambini in dodici paesi diversi, con la maggior parte di questi casi in aumento nel Regno Unito. Almeno 169 casi erano stati segnalati a questa data e 17 bambini avevano richiesto un trapianto di fegato. Purtroppo, al 25 aprile, 1 bambino aveva perso la vita.

L’epatite è una condizione che colpisce il fegato e può verificarsi per una serie di motivi, comprese diverse infezioni virali comuni nei bambini. Tuttavia, nei casi in esame, i virus comuni che causano l’epatite non sono stati rilevati.

I sintomi dell’epatite includono:

  • urina scura
  • Feci pallide, di colore grigio
  • pelle pruriginosa
  • ingiallimento degli occhi e della pelle (ittero)
  • dolori muscolari e articolari
  • Temperatura elevata
  • Fiacchezza
  • stanchezza cronica
  • perdita di appetito
  • dolore alla pancia

Uno studio precedente condotto per conto di Pfizer nella seconda metà del 2020, ha rilevato che il contenuto dei vaccini Covid-19 e la proteina spike che istruiscono le cellule di una persona a produrre, non rimangono nel sito di iniezione e circolano invece verso tutte le parti del corpo per un minimo di 48 ore. Tuttavia, il tempo in cui circolano/accumulano potrebbe essere molto più lungo, ma gli scienziati che hanno condotto lo studio hanno osservato solo per 48 ore.

La più grande concentrazione dell’iniezione di Pfizer Covid-19 è stata osservata nel fegato, con il 16% della dose somministrata osservata nell’organo dopo 48 ore.

Fonte – Pagina 23

Negli animali che hanno ricevuto l’iniezione di BNT162b2, sono stati osservati effetti epatici reversibili, tra cui ingrossamento del fegato, vacuolazione, aumento dei livelli di gamma-glutamil transferasi (γGT) e aumento dei livelli di aspartato transaminasi (AST) e fosfatasi alcalina (ALP) [ fonte ]. Secondo i ricercatori, gli effetti epatici transitori indotti dai sistemi di rilascio di LNP sono stati riportati in precedenza [fonti 1 , 2 , 3 , 4 ]

Ora, un nuovo studio, pubblicato il 21 aprile 2022, ha concluso che la vaccinazione contro il Covid-19 può provocare un’epatite dominante a cellule T CD8.

Fonte

Gli scienziati che hanno condotto lo studio sono tutti impiegati dalle seguenti istituzioni:

  1. Dipartimento di Medicina II (Gastroenterologia, Epatologia, Endocrinologia e Malattie Infettive), Centro medico dell’Università di Friburgo, Facoltà di Medicina, Università di Friburgo, Friburgo, Germania
  2. Facoltà di Chimica e Farmacia, Università di Friburgo, Friburgo, Germania
  3. Istituto di Patologia Chirurgica, Centro medico dell’Università di Friburgo, Università di Friburgo, Friburgo, Germania
  4. Istituto di Neuropatologia e Center for Basics in NeuroModulation (NeuroModulBasics), Facoltà di Medicina, Università di Friburgo, Friburgo, Germania
  5. Signalling Research Centres BIOSS e CIBSS, Università di Friburgo, Friburgo, Germania
  6. Istituto di Patologia, Scuola di Medicina TUM, Università Tecnica di Monaco, Monaco di Baviera, Germania
  7. German Cancer Consortium (DKTK), sito partner di Friburgo, Germania

L’abstract del nuovo studio recita come segue:

“Gli episodi di epatite autoimmune sono stati descritti in seguito all’infezione e alla vaccinazione da SARS-CoV-2, ma la loro fisiopatologia rimane poco chiara. Qui, riportiamo il caso di un maschio di 52 anni, che presenta episodi bimodali di epatite acuta, ciascuno dei quali si verifica 2-3 settimane dopo la vaccinazione con mRNA BNT162b2 e abbiamo cercato di identificare i correlati immunitari sottostanti.

Gli scienziati hanno condotto lo studio con il seguente metodo:

“La citometria di massa di imaging per la profilazione immunitaria spaziale è stata eseguita sul tessuto della biopsia epatica. La citometria a flusso è stata eseguita per sezionare i fenotipi delle cellule T CD8 e identificare le cellule T specifiche per SARS-CoV-2 e specifiche per EBV longitudinalmente. Gli anticorpi indotti dal vaccino sono stati determinati mediante ELISA. I dati sono stati correlati con i laboratori clinici”.

I risultati sono stati i seguenti:

“L’analisi del tessuto epatico ha rivelato un infiltrato immunitario dominato quantitativamente da cellule T CD8 citotossiche attivate con distribuzione panlobulare. È stato anche osservato un arricchimento di cellule T CD4, cellule B, plasmacellule e cellule mieloidi rispetto ai controlli. L’infiltrato intraepatico ha mostrato un arricchimento per le cellule T CD8 con specificità SARS-CoV-2 rispetto al sangue periferico.

In particolare, la gravità dell’epatite era correlata longitudinalmente con un fenotipo citotossico attivato di cellule T CD8+ specifiche per SARS-CoV-2, ma non specifiche per EBV o immunoglobuline indotte dal vaccino.

Portando gli scienziati a concludere –

La vaccinazione COVID19 può provocare una distinta epatite immuno-mediata dominante a cellule T con un patomeccanismo unico associato all’immunità residente tissutale antigene-specifica indotta dalla vaccinazione che richiede immunosoppressione sistemica”.

In parole povere, ciò che gli scienziati hanno scoperto è che l’infiammazione del fegato (epatite) può verificarsi in alcuni individui dopo la vaccinazione e condivide alcune caratteristiche tipiche della malattia epatica autoimmune.

Ciò è causato da cellule T altamente attivate (chiamate anche linfociti T , un tipo di leucocita [globulo bianco] che è una parte essenziale del sistema immunitario ) che si accumulano nelle diverse aree del fegato.

All’interno di queste cellule T che si infiltrano nel fegato c’è un arricchimento di cellule T che sono reattive alla SARS-CoV-2, suggerendo che le cellule indotte dal vaccino Covid-19 stanno contribuendo all’infiammazione del fegato.

Il SSN ha iniziato a distribuire l’iniezione Pfizer Covid-19 a cinque milioni di bambini di età compresa tra 5 e 11 anni nel Regno Unito all’inizio di aprile 2022. In precedenza la somministrava a bambini piccoli ritenuti vulnerabili dalla fine del 2021.

È solo una coincidenza che poche settimane dopo un numero estremamente preoccupante di bambini soffra di epatite di causa sconosciuta? Una forma di epatite così grave da richiedere trapianti di fegato e in alcuni casi condurre alla morte.

Troppo tempo e denaro sono stati spesi per insistere sul fatto che le iniezioni di Covid-19 sono estremamente sicure ed efficaci affinché le autorità ammettano ora di essersi sbagliate. E hanno anche troppi soldi impegnati in Big Pharma per rischiare di perderli tutti così facendo.

Ma con gli studi che concludono che le iniezioni di Pfizer Covid-19 possono causare una grave epatite, sicuramente questo è uno dei primi posti in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’UKHSA dovrebbero cercare per evitare che altri bambini perdano la vita.

Fonti/Riferimenti

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!