Database Italia

Anche Deutsche Bank stoppa il finanziamento per l’estrazione di combustibili fossili e gas in zone sensibili. Parte “l’era delle energie rinnovabili”

Deutsche Bank ha deciso di stoppare immediatamente i finanziamenti per nuovi progetti legati all’estrazione di petrolio e gas nelle sabbie bituminose e nella regione Artica, diventando l’ultima grande banca ad aver deciso di riconsiderare le politiche legate ai prestiti per progetti sui combustibili fossili in aree sensibili.

Deutsche Bank non finanzierà più alcun nuovo progetto nell’Artico o nelle sabbie bituminose e rivedrà tutte le sue attività esistenti nel settore petrolifero e del gas, ha dichiarato la banca in un comunicato  lunedì.   

Deutsche Bank ha aggiornato la politica sui combustibili fossili  per stabilire nuovi limiti al finanziamento delle attività commerciali che coinvolgono petrolio, gas o carbone e si è impegnata a porre fine alle sue attività commerciali globali nell’estrazione del carbone entro il 2025 al più tardi “al fine di aiutare a guidare la trasformazione verso un’economia sostenibile “.

“Nella sua forma attuale, la Politica ci pone obiettivi ambiziosi e ci consente di aiutare i nostri clienti di vecchia data verso la trasformazione. Ci consentirà di fare la nostra parte nella protezione del clima e nell’aiutare l’UE a raggiungere il suo obiettivo di essere neutrali dal punto di vista climatico entro il 2050 ”, ha affermato il CEO Christian Sewing, che presiede anche il Consiglio di sostenibilità di Deutsche Bank.

L’anno scorso, Deutsche Bank e altre 129 banche – che rappresentano un terzo delle banche mondiali, per un valore complessivo di  $ 47 trilioni di dollari in attività , si sono impegnate ad allineare le loro attività all’accordo sul clima di Parigi, nel più grande impegno per la sostenibilità climatica da parte delle banche.

Molte banche, soprattutto in Europa, negli ultimi anni hanno dovuto far fronte alle crescenti pressioni del pubblico e degli  attivisti  per fermare il finanziamento di progetti sui combustibili fossili. Alcune di loro  hanno affermato che avrebbero smesso di  erogare finanziamenti specifici per progetti di centrali elettriche a carbone o di esplorazione e produzione di sabbie bituminose e petrolio nell’Artico. 

Negli Stati Uniti, a dicembre 2019, Goldman Sachs ha dichiarato che rifiuterà di finanziare le nuove esplorazioni e la produzione di petrolio nell’Artico e lo sviluppo di nuove miniere di carbone termico. Anche Wells Fargo  e JPMorgan hanno affermato che non finanzieranno più progetti legati al petrolio e al gas nell’Artico.

Fonte: Oilscore.com



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.