CoronavirusEventi Avversi V.C.PoliticaSaluteSocietà

ANCHE I BOLIVIANI SCONFIGGONO GLI OBBLIGHI VACCINALI

Il 19 gennaio il governo del presidente socialista Luis Arce ha abolito la necessità della prova della vaccinazione contro il coronavirus per accedere a qualsiasi istituzione pubblica o luogo di attività.

È piuttosto interessante vedere come i boliviani abbiano sconfitto l’obbligo di vaccinazione stabilito dalle loro autorità. Le proteste e i blocchi stradali hanno finalmente prodotto esiti favorevoli nel Paese.

Jeyson Auza, ministro della Salute, ha rilasciato una dichiarazione.
Il 28 dicembre, i rappresentanti del Movimento per il socialismo (MAS) hanno emanato i ” decreti supremi ” originali 4640 e 4641, che hanno suscitato proteste diffuse e contestazioni legali nelle province di Santa Cruz, La Paz, Cochabamba, El Alto e Sucre.
“Gli indigeni in Bolivia sono sempre stati diffidenti nei confronti delle iniziative mediche occidentali”, ha detto l’avvocato Alejandro Gutierrez a The Epoch Times.

I contrari agli obblighi di vaccinazione, secondo Gutierrez, facevano riferimento all’articolo 44 della costituzione del paese, che vieta la sperimentazione medica o scientifica senza autorizzazione, come giustificazione per ribaltare gli ordini illegittimi.

Il 17 gennaio i manifestanti hanno allestito posti di blocco tra El Alto e La Paz, la capitale boliviana.
Rudy Callisaya, capo del magistero rurale a La Paz, ha affermato che i blocchi sarebbero rimasti in 20 province nel dipartimento di La Paz fino a quando l’amministrazione non si fosse impegnata ad abrogare le normative sui vaccini.
Le rotte che Callisaya e altri manifestanti hanno promesso di bloccare sono una componente importante del sistema di approvvigionamento che consente a cibo e generi di prima necessità di raggiungere La Paz.
La vasta campagna boliviana fornisce la maggior parte dei prodotti della città.
Il 18 gennaio, le manifestazioni di solidarietà contro i decreti a Cochabamba si sono scontrate con una dura forza di polizia.
Gli oppositori dei regolamenti sui vaccini hanno organizzato blocchi stradali lungo Petrolera Avenue e altri siti nella parte meridionale della città.
Nel pomeriggio è arrivata la polizia che ha smantellato le barricate mentre lanciava gas lacrimogeni contro i manifestanti indifesi.
Più tardi quella sera, un gruppo più numeroso di manifestanti è riapparso e ha ricostruito i blocchi stradali.
L’amministrazione ha acconsentito a ritirare le direttive sulle prove di immunizzazione il 19 gennaio, dopo uno stallo di 48 ore con i residenti che si sono opposti agli obblighi.
Auza ha affermato che il governo ha preso la decisione al fine di “preservare la sicurezza della popolazione contro alcuni gruppi che non accettano la vaccinazione”.
Ha anche affermato che l’obiettivo dei regolamenti era già stato “soddisfatto”, con oltre un milione di dosi di vaccinazioni somministrate.
Da gennaio 2020, sono oltre 11 milioni le dosi di vaccinazioni preventive fornite.

Rispetto alle nazioni vicine come Cile e Perù, solo il 43% circa della popolazione è completamente vaccinato.
Il 7 gennaio, il Direttore Nazionale di Epidemiologia del Ministero della Salute boliviano, Freddy Armijo, ha annunciato la scoperta della nuova variante di Omicron a La Paz.

Articoli correlati
[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!