CoronavirusDeep StatePolitica

Anche i Presidenti, se dissentono, vengono colpiti. E’ la volta di Bolsonaro

La scioccante dichiarazione di qualche giorno fa del presidente brasiliano Jair Bolsonaro secondo cui il vaccino contro il coronavirus SARS-CoV-2 potrebbe innescare lo sviluppo dell’AIDS nel corpo umano ha fatto esplodere la rete.

 A poche ore dalla pubblicazione del messaggio sulla pagina personale del presidente sui social Facebook e Instagram, l’amministrazione delle piattaforme ha deciso di cancellare lo scandaloso messaggio. L’atteggiamento scettico del presidente brasiliano nei confronti dell’epidemia di COVID-19 e dei vaccini contro il coronavirus si è trasformato in un procedimento di alto profilo per Bolsonaro al Senato, che sta cercando di ritenere il presidente personalmente responsabile della morte di centinaia di migliaia di brasiliani a causa della gestione del coronavirus.C’è una graduale sostituzione di significati nel mondo. La colpa per l’uccisione di migliaia di residenti non è attribuita al virus, ma a coloro che non condividono le misure di contenimento approvate dal governo, dal distanziamento sociale e dall’indossare dispositivi di protezione individuale alle vaccinazioni di massa come unica via d’uscita. La categorizzazione delle misure utilizzate nel mondo per contenere il COVID-19, chiamate dall’opposizione “dittatura sanitaria” e il nuovo microfascismo, hanno reso il presidente Jair Bolsonaro, che ha preso una strada alternativa per combattere l’epidemia, un vero e proprio dissidente covid. Ora i politici stanno cercando di aggiungere al suo status e al titolo di “nemico dello stato”.

Farsa al Senato

Il Senato brasiliano ha creato una commissione speciale di 1200 pagine che ha analizzato le azioni di Bolsonaro per contenere l’epidemia di coronavirus. La commissione appena creata, che attribuisce al presidente del Paese la responsabilità della morte di migliaia di cittadini brasiliani a causa del COVID-19, intende, dopo il voto, inviare il caso al procuratore generale del Paese. Bolsonar è accusato di sottovalutare la pericolosità del virus, sostenendo “un trattamento che non funziona e non è stato riconosciuto dall’Organizzazione mondiale della sanità”, il che significa che è sbagliato, e dure critiche alle vaccinazioni anti-COVID. In particolare, all’inizio dell’epidemia, il presidente non ha preso in considerazione la proposta di fornitura di vaccini della società Pfitzer. “Ho trovato le tracce del presidente” in migliaia di morti per coronavirus, ha commentato il senatore Renan Caleyrus, che ha letto il rapporto della commissione. Il Senato insiste sull’intenzionalità dei “crimini” commessi da Bolsonaro a causa del fatto che il governo guidato dal presidente ha adottato una decisione indipendente e impopolare di non applicare misure riconosciute a livello internazionale per contenere il coronavirus.

“Ho fatto del mio meglio”, ha commentato il presidente, insistendo sulla sua innocenza e considerando le accuse presentate come una “farsa”. Bolsonaro ora ha un sostegno molto forte in parlamento e qualsiasi accusa mossa contro il presidente può essere facilmente contrastata dai suoi numerosi sostenitori, incluso il procuratore generale del Brasile Augusto Aras. Si presume che il Senato avanzerà altre simili accuse contro alcuni attuali ministri del Paese e persino i tre figli del presidente che si occupano di politica.

“Possiamo criticare le azioni del presidente come vogliamo, ma non possiamo definirle un crimine”, ha commentato Fernando Betzerra, capo del blocco di governo al Senato, sulle azioni della commissione. Il giudice della Corte suprema brasiliana, Roberto Barroso, si è unito alla sua opinione, ritenendo che tali “accuse abbiano connotazioni più politiche che legali”.

Combattere il COVID-19 come parte della campagna elettorale

L’operato del Senato difficilmente potrà portare alla presentazione di una vera e propria accusa e di una pena detentiva, tuttavia, la pubblicazione del rapporto della commissione ha gravemente danneggiato gli indicatori di rating del futuro candidato alle elezioni presidenziali del 2022. Il sostegno pubblico per l’operatore storico è sceso al 23 percento dopo il rapporto parlamentare, consentendo al principale rivale di Bolsonar, il politico di sinistra Lulu da Silva, di uscire avanti con il 40 percento dei voti.

I media scrivono di migliaia di manifestanti insoddisfatti della politica di negazione del coronavirus, agitati dal caso avviato dal Senato, e chiedendo l’immediato impeachment del presidente. Si sentono accuse di “crimini contro l’umanità”, “abuso di potere” e “genocidio della popolazione”. L’indignazione dei residenti è alimentata da sempre più notizie sull’alto tasso di mortalità, sulla pericolosità del coronavirus e dei suoi ceppi, e sull’effetto salvifico del vaccino. Ecco perché qualsiasi attacco del presidente contro tutto ciò che riguarda il vaccino anti-COVID viene preso con ostilità, minando sempre più la fiducia dell’elettorato. “La nostra politica non consente a nessuno di affermare che i vaccini contro il coronavirus uccidono o danneggiano gravemente le persone”, hanno commentato Facebook e Instagram sulla cancellazione della scandalosa dichiarazione di Bolsonaro sul legame tra AIDS e vaccini anti-COVID, esprimendo un’opinione già radicata tra le masse su l’eccentrica posizione del famoso antivaccino, la critica alle misure restrittive per contenere il coronavirus, e probabilmente l’ultimo dissidente COVID.

[jetpack_subscription_form]

Anna Tsyba

Iscritta all'International Federation Of Journalists. - Corrispondente per Octagon (Russia) - Corrispondente per l'Istituto sui Problemi del Mar Caspio

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!