CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the Morning

GERMANIA COME L’AUSTRALIA. OLTRE 15 PERSONE RECLUSE NEI CENTRI DI QUARANTENA COVID


Più di una dozzina di persone sono state forzatamente collocate in strutture di isolamento governativo in Germania e centinaia di persone sono detenute nei campi covid australiani, i paesi occidentali continuano ad incrementare l’uso di centri di quarantena forzata nel nome del presunto COVID- 19.

Leggi anche:
Caccia all’uomo in Australia. Tre adolescenti Covid-negativi fuggono da campo di quarantena
AUSTRALIA: POSITIVI E LORO CONTATTI TRASPORTATI CON CAMION MILITARI NEL CAMPO COVID-19 DI HOWARD SPRING. TAMPONI CASA PER CASA
Governo australiano: faremo in modo che i non vaccinati facciano una vita”misera” e siano”soli” per tutta la vita. Video
Australia, polizia interroga i cittadini sui post sui social media a sostegno delle proteste contro i lockdown. VIDEO
Distopia Australia – Il funzionario sanitario del NSW: “EVITATE LE CONVERSAZIONI CON AMICI E CONOSCENTI. Ora è il momento di ridurre al minimo le interazioni con gli altri.”VIDEO

Una recente inchiesta del quotidiano tedesco Welt am Sonntag ha rilevato che almeno 15 persone sono state portate in strutture di quarantena nelle 10 città più grandi della Germania dall’inizio dell’anno.

I 15 individui, che presumibilmente hanno violato i requisiti di isolamento per COVID-19, comprendono 11 persone a Monaco di Baviera, due a Stoccarda, e uno ciascuno a Düsseldorf e Francoforte, lo riferisce il Welt am Sonntag. Il numero totale di casi è probabilmente più alto, poiché le autorità di Berlino e Lipsia non hanno fornito dati al giornale.

Alcune delle strutture di quarantena si trovavano all’interno delle carceri, secondo Welt . “La maggior parte degli stati federali ha aree chiuse negli ospedali o nelle carceri per i casi di quarantena”, ha osservato il quotidiano. “A Eisenhüttenstadt, nel Brandeburgo, i malcapitati sono stati ospitati per l’ultima volta in un ex centro di detenzione per l’espulsione, nel Nord Reno-Westfalia, ad esempio, in una clinica di Solingen”.

La Germania ha a lungo consentito la quarantena forzata delle persone sospettate di avere malattie infettive e che rifiutano di sottoporsi ad altre misure di isolamento. La legge tedesca sulla protezione dalle infezioni del 2000 autorizza specificamente il “collocamento in un ospedale chiuso a chiave” o una “struttura chiusa a chiave” a tal fine. “Il diritto fondamentale alla libertà della persona può essere limitato in questo senso”, afferma la legge.

Con centinaia di migliaia di tedeschi soggetti a ordini di quarantena nazionali in un dato momento, le autorità cittadine in genere “controllano” i residenti “se c’è un sospetto specifico”, secondo Welt . A Stoccarda, i funzionari si affidano a “informatori speciali”, inclusi “vicini, conoscenti e parenti”.

Le 10 più grandi città della Germania hanno anche avviato più di 250 procedimenti amministrativi per violazioni della quarantena, ha osservato il quotidiano. Le multe andavano dai 250 ai 1.000 euro, anche se possono arrivare fino a 25.000 euro.

FONTE

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
nadia

……e la storia si ripete….. Gli errori e orrori del passato non sono serviti a nulla.
Quante altre persone dovranno soffrire per le LORO scelte ?
La libertà è un diritto fondamentale ….. si ma solo per LORO

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!