Database Italia

Anno zero in America. Abbattere le statue è solo l’inizio.

Scommetto che la maggior parte degli americani non sa chi fosse Pol Pot.

Pol Pot era un marxista-leninista, uno studente di Mao e il segretario generale del Partito comunista di Kampuchea dal 1963 al 1981. Trasformò la Cambogia in una dittatura a partito unico. Sognava di convertire il suo paese in una società socialista agraria che credeva si sarebbe evoluta in una società comunista. Per realizzare questo obiettivo, milioni furono costretti a lavorare in campagna. Gli “elementi cattivi” – intellettuali, funzionari governativi, buddisti, negozianti, etnie sfavorevoli – furono condannati a lavorare fino alla morte in collettivi rurali o giustiziati. 

Tra il 1975 e il 1979, si stima che tra 1,5 e 2 milioni di persone – quasi un quarto della popolazione – abbiano perso la vita. Il Khmer rosso ha fatto apparire Maximilien Robespierre e il Comitato di pubblica sicurezza durante la Rivoluzione francese come dei dilettanti al confronto. 

Pol Pot e il Khmer rosso definirono la loro campagna terroristica condotta contro la civiltà “Anno zero”, l’idea era che cultura, patrimonio, religione e storia dovessero essere completamente distrutti per far posto a un’avanguardia comunista e all’attuazione della cultura rivoluzionaria. In Cina e Russia, simili rivoluzioni hanno provocato la morte di circa 100 milioni di persone. Basti pensare per capire l’entità che i nazisti uccisero “solo” 16 milioni di persone. 

Avanti veloce fino al 2020. La fondatrice di Black Lives Matter ammette con orgoglio di essere una marxista “addestrata”.

“Vedo Black Lives Matter e Antifa come parte di uno sforzo marxista globale per distruggere gli Stati Uniti”, ha detto il dott. Carol M. Swain a Sputnik. 

I loro obiettivi riguardano più il raggiungimento del potere politico e del denaro che la protezione delle minoranze e il miglioramento della società. I loro obiettivi organizzativi potrebbero essere molto diversi da quelli dei manifestanti preoccupati per la brutalità e la discriminazione della polizia. 

Lenin ha scritto: “Quando arriverà il momento di impiccare i capitalisti, si scontreranno per il contratto sulla proprietà della corda”. Questo è certamente il caso ora che le multinazionali saltano sul carro di George Floyd. La Fondazione Ford (CIA), Amazon, Citibank, Facebook, Apple, YouTube e molte altre grandi società stanno sottoscrivendo gli sforzi per abbattere l’America sotto la bandiera della “giustizia sociale” e della distruzione del capitalismo. 

BLM e Antifa sono ora coinvolti nel sabotaggio e nello smantellamento della storia e della cultura americana. “Alla base, BLM è un’ideologia marxista rivoluzionaria”, scrive Andy Ngo, un giornalista attaccato e picchiato dai sicari della Antifa a Portland. “Gli Stati Uniti stanno ottenendo una piccola anteprima dell’anarchia per cui Antifa si è agitato, allenato e preparato. La fine dell’applicazione della legge è una condizione preliminare per il successo di Antifa e BLM nel monopolizzare la violenza “.

Abbattere le statue dei generali confederati e degli ex presidenti è solo l’inizio. I marxisti BLM-Antifa sono più in sintonia con Herbert Marcuse che con Lenin o Trotsky. 

“Una politica di disparità di trattamento proteggerebbe il radicalismo di sinistra da quello di destra”, scrisse Marcuse nel 1965. “Liberare la tolleranza, quindi, significherebbe intolleranza contro i movimenti di destra e tolleranza dei movimenti di sinistra”, ha continuato. 

“Marcuse ha respinto l’idea di libertà individuale protetta dalla legge a favore di una società marxista che favorisce gruppi apparentemente oppressi a spese di tutti gli altri. Una tale società, scrisse Marcuse, richiederebbe “il ritiro della tolleranza del linguaggio e dell’assemblea da gruppi e movimenti”, osserva Joseph D’Hippolito . “Marcuse ha persino giustificato la violenza:” esiste un “diritto naturale” di resistenza per le minoranze oppresse e sopraffatte nell’utilizzare mezzi extralegali se quelli legali si sono rivelati inadeguati “, ha scritto Marcuse.

La rivoluzione marxista BLM-Antifa sotto la copertura della fine del “razzismo sistemico” è controllata dall’élite al potere attraverso le sue fondamenta, gruppi di pensiero progressisti, ricchi liberali – e amministratori delegati aziendali. 

Il successo dipende dall’aiuto dei politici democratici opportunisti che credono che alzare un pugno chiuso e pappagallo li farà eleggere o rieleggere, perpetuando così un sistema di capitalismo clientelare e una guerra senza fine dietro una facciata democratica più gentile e gentile, che ora sta cadendo. 

Come ho scritto in precedenza, il socialismo e il comunismo – due facce della stessa medaglia – rappresentano un meccanismo di controllo sociale e politico quasi perfetto. 

Gary Allen scrisse nel 1971:

Se uno capisce che il socialismo non è un programma di condivisione della ricchezza, ma è in realtà un metodo per consolidare e controllare la ricchezza, allora l’apparente paradosso degli uomini superbi che promuovono il socialismo non diventa affatto un paradosso. Invece diventa lo strumento logico, persino perfetto per i megalomani. Il comunismo, o più precisamente, il socialismo, non è un movimento delle masse oppresse, ma dell’élite economica.

L’élite al potere, la classe finanziaria che ha approfittato così tanto del furto e della violenza, non permetterà ai marxisti e ai nichilisti della felpa nera con cappuccio di generare una rivoluzione violenta. 

Dopo aver deposto Donald Trump, i sovrani e la loro classe politica accenderanno gli elementi più radicali della sinistra. Una versione annacquata del socialismo verrà lanciata per placare le masse che ora affrontano una Grande Depressione con il chiodo finale per chiudere la bara di una classe media maltrattata.

Fonti:

  • Another Day in the Empire
  • Ron Paul Institute


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments