AmbienteCulturaScienza e Tecnologia

Antiche città avanzate scoperte in Amazzonia

Gli scienziati hanno scoperto antiche città avanzate in Amazzonia ed è la prova più convincente che il “deserto” della foresta pluviale amazzonica fosse densamente popolato e, in alcune parti, abbastanza urbanizzato.

L’Amazzonia è una delle ultime grandi terre selvagge del mondo, ma le voci su città nascoste nelle profondità della giungla circolano da secoli. Molti avventurieri spagnoli furono condotti lontano dalla mappa alla ricerca di El Dorado, la presunta città d’oro, e alcuni di loro non fecero più ritorno. Percy Fawcett, un esploratore britannico, ha cercato la città perduta di Z solo nel ventesimo secolo. È svanito nella giungla, aggiungendo il suo capitolo incompiuto a una storia di 600 anni.

Gli scienziati hanno scoperto che le città antiche esistono effettivamente in Amazzonia, dando alla storia una nuova svolta. Mentre trovare rovine urbane in fitte foreste lontane rimane difficile, una tecnologia chiave ha contribuito a cambiare il gioco. Gli scienziati hanno utilizzato la tecnologia di telerilevamento basata sulla luce (lidar) da un elicottero a 650 piedi dal suolo per disboscare digitalmente la volta e identificare le antiche rovine di un enorme insediamento urbano intorno a Llanos de Mojos nell’Amazzonia boliviana che fu abbandonato 600 anni fa.

Le nuove foto ritraggono una roccaforte della cultura Casarabe socialmente complessa (500-1400 d.C.) con piattaforma massiccia e architettura piramidale nei suoi centri urbani. Strade rialzate collegavano una serie di città in stile suburbano che si estendevano per miglia su un paesaggio formato da un enorme sistema di controllo e distribuzione dell’acqua completo di bacini idrici e canali.

La scoperta, che è stata pubblicata su Nature questa settimana ( pdf di seguito ), è la prova più convincente che il “deserto” della foresta pluviale amazzonica fosse densamente popolato e in alcune parti piuttosto urbanizzato, per molti secoli prima che iniziasse la storia scritta della regione .

Heiko Prümers dell’Istituto Archeologico Tedesco, un coautore, cita un vecchio proverbio spagnolo che dice che nessuno è così cieco come chi non vuole vedere. “È un mito creato dagli europei che parlavano davvero di una giungla e di vaste regioni non toccate dall’uomo”, spiega. “Quindi molte persone non volevano vedere che qui c’erano siti archeologici che meritano di essere esplorati.

“Sono sicuro che nei prossimi 10 o 20 anni vedremo molte di queste città, e alcune anche più grandi di quelle che presentiamo nel nostro giornale”, aggiunge.

Michael Heckenberger, un antropologo dell’Università della Florida, non è stato coinvolto nello studio, ma ha trascorso quasi due decenni a fare ricerche sull’urbanistica nell’Amazzonia precolombiana . Secondo lui, elementi della città di Llanos de Mojos, come fossati e strade rialzate, nonché un ambiente modificato di parchi, foreste lavorative e allevamenti ittici, sono stati visti altrove nell’antica Amazzonia. Tuttavia, lo studio attuale rivela qualcosa di completamente nuovo.

I precedenti esempi di urbanizzazione dell’Amazzonia includono il lavoro di Heckenberger con la nazione Kuikuro nella regione dell’Alto Xingu nell’Amazzonia brasiliana. Queste città potrebbero essere definite come un insieme di villaggi interconnessi. Alcuni accademici affermano che non sono propriamente urbani perché mancano di centri principali chiaramente definiti con un’architettura monumentale come tumuli di piattaforme e templi a forma di U.

Llanos de Mojos, d’altra parte, ha tali centri urbani. Heckenberger osserva: “Questo è nella mia mente il caso più chiaro di un paesaggio amazzonico completamente urbanizzato”. “È un lavoro meraviglioso. Mostra una gamma davvero notevole di cose che gli umani hanno fatto in passato per lavorare con i loro paesaggi e lavorare con popolazioni sempre più grandi”.

Centinaia di siti isolati sono stati scoperti in oltre 1.700 miglia quadrate della regione di Llano de Mojos, inclusi insediamenti abitati tutto l’anno dai Casarabe, che cacciavano, pescavano e coltivavano mais, grazie a precedenti lavori archeologici pratici e altri sforzi di telerilevamento. Sono state scoperte anche 600 miglia di strade rialzate e canali. Tuttavia, le difficoltà logistiche di mapparli in una remota foresta tropicale hanno ostacolato gli sforzi per collegare i punti e determinare se fossero correlati o meno.

Anche dall’alto, l’area isolata e boscosa è difficile da esplorare e i resti sono difficili da identificare. “Non c’è modo di sapere cosa c’è laggiù finché non ci arrivi, e quando arrivi lì hai problemi a cercare e orientare i siti”, dice Prümers.

Antiche città avanzate scoperte in Amazzonia 2
Un mosaico fotografico del sito di Landivar, realizzato con filmati di droni. La volta della foresta interrompe la vista del paesaggio, ma il lidar può tagliare gli alberi.

Quindi, tra il 500 e il 1400 d.C., i ricercatori hanno condotto l’imaging lidar aereo di sei diverse regioni, di dimensioni variabili da circa 4 miglia quadrate a 32 miglia quadrate, per fornire una prospettiva a volo d’uccello di quello che era il cuore della cultura di Casarabe. Un sistema lidar emette centinaia di migliaia di raggi infrarossi al secondo da un aereo e ogni raggio rimbalza indietro con una misurazione della distanza quando colpisce qualcosa sulla superficie terrestre.

Ciò genera un enorme cloud di dati che può essere inserito in un software per computer che genera foto ad alta risoluzione che gli scienziati possono utilizzare per deforestare digitalmente l’Amazzonia. Le mappe mostrano la superficie terrestre e le caratteristiche archeologiche spazzando via gli alberi. Le foto in questo esempio mostravano chiaramente 26 siti distinti, inclusi 11 precedentemente sconosciuti.

Landivar e Cotoca, due grandi centri urbani, erano tra i 26 siti. Erano già state scoperte, ma le nuove mappe hanno rivelato la loro complessità archeologica e l’immensa scala (rispettivamente 1,2 e 0,5 miglia quadrate). Ogni grande insediamento è circondato da successivi anelli di fortificazioni, tra cui un fossato e bastioni.

Nei siti si possono trovare anche terrazze artificiali, enormi strutture di piattaforme di terra e piramidi coniche alte oltre 70 piedi. Tutte queste straordinarie strutture civiche e cerimoniali si affacciano a nord-nordovest, che gli studiosi ritengono rispecchi una visione cosmologica del mondo vista in altri antichi siti amazzonici .

“Fondamentalmente hanno rimodellato il paesaggio in termini di cosmologia, il che è strabiliante”, afferma Chris Fisher, un archeologo della Colorado State University non coinvolto nello studio specializzato in Mesoamerica. “L’unico problema è che questa architettura è stata realizzata con mattoni di fango. Quindi, mentre all’epoca era fantastico come qualsiasi altra cosa nella regione Maya, i monumenti Maya hanno resistito perché avevano calcare mentre questi non erano così durevoli. “

I Casarabe sono molto meno conosciuti dei Maya. Allora, chi erano queste persone? Un decennio di studi archeologici nell’area ha rivelato che la loro cultura era distinta e che l’area in cui vivevano era probabilmente una savana allagata ogni anno con foreste lungo il fiume, piuttosto che gli enormi boschi ininterrotti che si possono trovare ora.

Non si sa cosa sia successo ai Casarabe e ai loro insediamenti, anche se la datazione dei siti suggerisce che occuparono l’Amazzonia fino al 1400 d.C. circa, molto prima dell’arrivo degli europei. Prümers ipotizza che la colpa fosse della diffusa siccità. Il suo team ha scoperto enormi serbatoi per lo stoccaggio dell’acqua in diverse località, il che non è quello che ci si aspetterebbe in una regione amazzonica nota per le abbondanti precipitazioni.

“Naturalmente, non sappiamo se servissero per l’approvvigionamento di acqua potabile, o per allevare pesci o tartarughe, ma è molto interessante che ci siano”, dice. “Sappiamo che più volte nella storia ci sono state gravi siccità nelle regioni amazzoniche. Potrebbe essere successo anche a questa cultura. Occorrono solo uno o due anni di perdita del raccolto e le persone devono spostarsi”.

Sebbene abbia avuto una fine sconosciuta, la civiltà che è fiorita qui si aggiunge alla crescente evidenza che l’Amazzonia non è una delle grandi aree selvagge incontaminate del mondo e che non era nemmeno una foresta ininterrotta fino a tempi molto recenti.

Tuttavia, l’Amazzonia sta cambiando rapidamente. Le foreste vengono abbattute per far posto all’agricoltura, all’allevamento, alla produzione di energia e alle strade e alle dighe che supportano queste attività. Molti di quei luoghi incontaminati, con i loro manufatti culturali sepolti, non dureranno a lungo. Fisher promuove la scansione lidar su larga scala dell’Amazzonia e oltre come parte del progetto Earth Archive , che mira a catturare ciò che resta del passato prima che vada perso nel futuro.

“Stiamo esaurendo il tempo perché stiamo perdendo l’Amazzonia”, dice. “E perderemo cose che non sapevamo fossero lì. Per me è una vera tragedia”.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!