Home Coronavirus ARRAMPICATE SULLO SPECCHIO | I dati sul Covid del Public Health Scotland non verranno più...

ARRAMPICATE SULLO SPECCHIO | I dati sul Covid del Public Health Scotland non verranno più pubblicati per la preoccupazione che siano travisati dai no-vax 

0

Il Public Health Scotland smetterà di pubblicare i dati sui decessi covid e sui ricoveri in base allo stato di vaccinazione, a causa della preoccupazione che possano essere travisati dagli attivisti no-vax.

L’organismo di controllo della salute pubblica ha annunciato il cambiamento nella politica nel suo più recente rapporto statistico sul covid, affermando che la frequenza e il contenuto dei dati sarebbero stati rivisti.

Invece, i funzionari si concentreranno sulla pubblicazione di dati sull’efficacia del vaccino più solidi e complessi.

I funzionari del PHS hanno affermato che dietro la mossa ci sono preoccupazioni significative sull’uso improprio dei dati da parte degli attivisti anti-vaccinazione.

Il rapporto pubblicato mercoledì sarà l’ultima pubblicazione settimanale a includere i dati sui tassi di infezione tra vaccinati e non vaccinati.

L’ultimo rapporto includerà anche i tassi di ospedalizzazione e mortalità, suddivisi per numero di dosi ricevute.

Secondo il PHS I dati sulla popolazione utilizzati per la popolazione non vaccinata si basano sui dettagli di registrazione del medico di famiglia, il che significa che includono persone che sono registrate ma potrebbero non vivere in Scozia .
Con l’aumento della popolazione vaccinata, questo difetto nei dati diventa più pronunciato a causa del numero reale di persone non vaccinate che è molto inferiore al numero utilizzato.

Un funzionario del PHS ha affermato che concentrarsi sull’efficacia del vaccino piuttosto che sulle “statistiche molto semplici” esistenti si tradurrebbe in dati “molto più solidi” per il pubblico.
“Il punto principale di tutta l’analisi è che capiremo se i vaccini stanno funzionando contro e i sintomi gravi del Covid, ed è qui che arrivano gli studi sull’efficacia del vaccino che sono una metodologia completamente diversa.

“I tassi dei casi, i tassi di ospedalizzazione, i tassi di mortalità sono statistiche molto semplici, mentre per gli studi sull’efficacia del vaccino utilizziamo la modellazione dei dati, confrontiamo le persone che sono risultate negative con quelle che sono risultate positive e le abbiniamo sulle loro comorbidità sottolineate.

“È un metodo completamente diverso, molto più robusto ed è su questo che vogliamo che le persone si concentrino”.

Il funzionario del PHS ha detto a The Scotsman: “Quello che sta succedendo è che le persone stanno guardando quei semplici dati e stanno cercando di fare inferenze sulla vaccinazione, se i vaccini funzionano, in modo inappropriato e talvolta intenzionalmente.

“Ci sono così tanti avvertimenti e tirano fuori alcune cifre che non dovrebbero essere utilizzate.

“Quello che faremo è fare molto di più sul lato dell’efficacia del vaccino e cercare di far capire alle persone quanto sia efficace il vaccino.

Secondo noi di Database Italia ad arrampicarsi sugli specchi in questo periodo sono in troppi. La verità è che vogliono nascondere anche loro i dati reali per sostituirli con qualcosa di poco chiaro e soprattutto seguendo la modellazione dei dati. Ma di questo ne abbiamo già parlato: IL CONFLITTO DI INTERESSI DEI MODELLISTI PANDEMICI: “THE MODELLING-PAPER MAFIA”

Previous articleNIENTE PALLOTTOLE, SOLO SIRINGHE E TERRORE. FENOMENOLOGIA DEL TOTALITARISMO SANITARIO IN ITALIA
Next articleTRUDEAU: INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.