Database Italia

DOPO FACEBOOK ANCHE TWITTER SOSPENDE TRUMP, SIDNEY POWELL E IL GENERALE FLYNN. ASSALTO ALLA LIBERTÀ


L’account Twitter del presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato “permanentemente sospeso”, ossia bandito. La società ha affermato che c’era il rischio di violenza a causa del modo in cui i suoi tweet vengono “interpretati” fuori piattaforma.

“Dopo un’attenta revisione dei recenti Tweet dell’account @realDonaldTrump e del contesto che li circonda, in particolare il modo in cui vengono ricevuti e interpretati dentro e fuori Twitter, abbiamo sospeso definitivamente l’account a causa del rischio di ulteriore incitamento alla violenza”, la società lo ha annunciato in un post sul blog venerdì sera.

Come tweet offensivi che hanno innescato il divieto, Twitter ha citato quello di Trump in cui afferma che non sarebbe andato all’inaugurazione di Joe Biden e che i 75 milioni di patrioti americani che hanno votato per lui “non saranno mancati di rispetto o trattati ingiustamente in alcun modo o forma. !!! “

Questi tweet “devono essere letti nel contesto di eventi più ampi nel paese e dei modi in cui le dichiarazioni del Presidente possono essere interpretate da pubblici diversi, anche per incitare alla violenza, nonché nel contesto del modello di comportamento di questo racconto nelle ultime settimane “, ha detto Twitter, dicendo che hanno deciso che questi messaggi equivalgono a ” glorificazione della violenza “.

Il rifiuto di Trump di partecipare all’inaugurazione “può anche servire da incoraggiamento a coloro che potenzialmente considerano atti violenti e che l’inaugurazione sarebbe un obiettivo” sicuro “, poiché non parteciperà”, ha detto Twitter.

“L’uso delle parole ‘American Patriots’ per descrivere alcuni dei suoi sostenitori viene anche interpretato come supporto per coloro che hanno commesso atti violenti al Campidoglio degli Stati Uniti”, secondo Twitter.

La compagnia ha anche affermato che c’erano “piani per future proteste armate … incluso un attacco secondario proposto al Campidoglio degli Stati Uniti e agli edifici del Campidoglio dello stato il 17 gennaio 2021” e che le dichiarazioni di Trump potrebbero essere viste come un supporto per loro.

La determinazione dell’azienda è che “i due Tweet di cui sopra potrebbero ispirare altri a replicare gli atti violenti che hanno avuto luogo il 6 gennaio 2021, e che ci sono molteplici indicatori che sono stati ricevuti e compresi come incoraggiamento a farlo”.

Gli account del generale Michael Flynn e Sidney Powell sono stati banditi l’8 gennaio 2021 come parte di una ‘eliminazione di QAnon’ ©  Twitter / screenshot

L’ex spia militare degli Stati Uniti e consigliere di Trump, il generale Michael Flynn e l’avvocato Sidney Powell sono stati tra coloro che sono stati eliminati da Twitter, in quella che sembra essere una campagna per deplatformare chiunque abbia osato sfidare i risultati delle elezioni del 2020.

Twitter non ha fornito alcun motivo ufficiale per sospendere gli account, come da politica standard, ma NBC News ha riferito che è stata una “epurazione” di “sostenitori di alto profilo del presidente Donald Trump che hanno promosso la teoria del complotto QAnon”, in un articolo di Ben Collins e Brandy Zadrozny.

Powell è meglio conosciuta per le sue cause legali “Kraken” secondo cui le macchine di Dominion Voting Systems hanno cambiato i voti da Trump al democratico Joe Biden nelle elezioni di novembre. 

Flynn è stato anche rimosso da Twitter venerdì, presumibilmente per il suo sostegno a Powell e le sue affermazioni che le elezioni del 2020 sono state rubate. Le società di social media hanno inizialmente etichettato qualsiasi affermazione di questo tipo come “contestata” da fonti ufficiali, ma da allora hanno iniziato a vietare del tutto tali contenuti e cancellarne anche gli autori. 

La futura (quanto improbabile) amministrazione Biden ha lanciato l’idea di un giro di vite sul “terrorismo interno”. Gli attivisti democratici hanno anche chiesto ad Apple e Google di deplatformare app alternative come Parler, dove anche Flynn e Powell hanno account, accusandola di aiutare a “incitare” la “violenza” al Campidoglio.

Flynn e Powell non sono gli unici a essere stati eliminati da Twitter. Ali Alexander e Michael Coudrey, che hanno organizzato i raduni “Stop the Steal” negli Stati Uniti, sono stati banditi mercoledì poco dopo l’incidente del Campidoglio. L’avvocato Lin Wood, che è andato anche oltre Powell nel fare affermazioni sulle elezioni, è stato bandito il giorno successivo. 

Anche “Techno Fog”, un account Twitter che ha dedicato la maggior parte del suo tempo all’analisi dei documenti del “Russiagate” e dell’accusa di Flynn, è stato rimosso venerdì. Non c’era alcuna spiegazione per la mossa, come al solito, ma semplicemente l’associazione con Flynn tramite il suo caso poteva essere stata un pretesto sufficiente. 

All’inizio della giornata, Facebook ha bandito Brandon Straka e la sua campagna WalkAway, un movimento di democratici disillusi che sono passati dai repubblicani durante la presidenza Trump e non sono stati in alcun modo coinvolti nella protesta di mercoledì. Oltre 500.000 membri e “centinaia di migliaia di video e storie di testimonianze” sono stati spenti in un clic, ha detto Straka.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.