Database Italia

Assange avvisò Hillary Clinton del rilascio dei cablogrammi. Decadono le tesi dell’accusa.

Con l’invito a chiedere al presidente Trump di perdonare il fondatore di WikiLeaks Julian Assange, un nuovo nastro rivela che nonostante sia stato diffamato come agente straniero, Assange ha cercato di limitare il rilascio di informazioni dannose agli Stati Uniti.

Alcuni giorni dopo che un ex dipendente di WikiLeaks aveva distribuito la password a una tranche di cablogrammi riservati del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel 2011, Julian Assange ha cercato di mettersi in contatto con Hillary Clinton, allora segretario di stato. La telefonata è stata originariamente catturata nel documentario della Showtime “Risk”, ma un nastro appena pubblicato rivela entrambi i lati della fatidica conversazione.

Nel nastro, pubblicato mercoledì dall’outlet conservatore Project Veritas, Assange avrebbe parlato con Cliff Johnson, un avvocato del Dipartimento di Stato. Il fondatore di WikiLeaks avverte Johnson che un archivio di 250.000 file del dipartimento – contenenti informazioni riservate – era stato “diffuso” in Internet.

Assange assicura a Johnson che WikiLeaks non era dietro il rilascio, incolpando un dipendente disonesto per aver usato una chiave di crittografia per i documenti. Assange esprime preoccupazione per i dipendenti del governo degli Stati Uniti che potrebbero essere “scoperti” nella fuga di notizie e chiede a Johnson di avvertire “tutti gli individui” che “dovrebbero essere avvertiti”.

Assange è arrivato al punto di suggerire che il governo degli Stati Uniti rimuovesse di nascosto i file da Internet e si è offerto di aiutare a rintracciare questi file.

Un giornalista del Guardian, David Leigh, avrebbe finalmente rilasciato la scorta un mese dopo la conversazione di Assange e Johnson. 

Un anno dopo, Assange si rifugiò nell’ambasciata ecuadoriana a Londra, in Gran Bretagna, temendo l’accusa per presunta violenza sessuale in Svezia come pretesto per un’eventuale estradizione negli Stati Uniti. All’epoca era indagato attivamente dalle autorità statunitensi per il suo ruolo nella pubblicazione di documenti che rivelavano possibili crimini di guerra statunitensi in Iraq e Afghanistan, ma è stato accusato di spionaggio solo nel 2019, un mese dopo che la polizia britannica lo aveva trascinato fuori dall’ambasciata.

Assange a questo punto aveva irritato la comunità dell’intelligence statunitense rilasciando una scorta di e-mail di Hillary Clinton prima delle elezioni del 2016 ed è stato accusato fondamentalmente di lavorare con la Russia per garantire l’elezione del presidente Donald Trump.

I critici di WikiLeaks hanno a lungo sostenuto che lo sbocco è stato incurante del modo in cui ha gestito i documenti trapelati, presumibilmente mettendo in pericolo i funzionari e le truppe statunitensi all’estero pubblicando le informazioni senza un adeguato processo editoriale. Tuttavia, l’ultima telefonata trapelata tra Assange e il Dipartimento di Stato sembra dimostrare il contrario. 

I sostenitori di Assange hanno fatto pressioni sul presidente Trump per perdonare il fondatore di WikiLeaks da quando Trump è entrato in carica, e un numero crescente di conservatori si è unito a loro. Per loro, Assange è stato ingiustamente perseguitato dal Deep State che ha fatto del suo meglio per far deragliare la presidenza di Trump. 

Perdonarlo, sostengono, sarebbe uno schiaffo in faccia all’establishment politico, alle agenzie di intelligence e ai media che hanno accusato Assange di “ingerenza elettorale”, mentre accusa Trump di “collusione russa”, nessuna delle quali è mai stata dimostrata.

Project Veritas lo ha riconosciuto, con il fondatore James O’Keefe che ha scritto mercoledì che “la pressione politica sta aumentando affinché il presidente Donald Trump perdoni Assange alla fine del suo primo mandato e questo nastro fa molto per riavviare il modo in cui è stato ritratto”. Un giorno prima di pubblicare il nastro, Project Veritas ha twittato “WHISTLEBLOWERS ARE HEROS. PASS IT ON.

(Traduzione: “I WHISTLEBLOWERS SONO EROI. CONDIVIDI.”)

Trump ha guardato e ritwittato i video del Progetto Veritas su presunte frodi elettorali da parte dei Democratici e sui pregiudizi liberali nelle più grandi aziende tecnologiche della Silicon Valley. In quanto tale, è molto probabile che il presidente veda il nastro di Assange.

Il nastro ha anche catturato l’attenzione di Edward Snowden, l’informatore della National Security Agency che ha rivelato il programma di sorveglianza di massa dell’agenzia nel 2013. Come Assange, Snowden sta attualmente affrontando accuse di spionaggio ed è stato dichiarato potenziale destinatario di una grazia da Trump.

Inseguito dai suoi haters per aver condiviso il video di Project Veritas, Snowden ha risposto: “Non mi interessa se James Clapper lo ha pubblicato – mi interessa se è vero. So in prima persona che le fonti credibili a volte sbagliano invece le fonti terribili possono fare le cose per bene. Ciò che conta di più sono le prove. “

Anche Snowden ha chiesto a Trump di perdonare Assange, mentre molti degli stessi commentatori che chiedono clemenza per il fondatore di WikiLeaks, vogliono che Trump estenda la stessa cortesia a Snowden. Trump non ha ancora dato alcuna indicazione se perdonerà anche lui.

Snowden ha vissuto a Mosca da quando il Dipartimento di Stato americano ha cancellato il suo passaporto mentre transitava nella capitale russa nel 2013. Assange attualmente è in una prigione britannica, in attesa della decisione del giudice sulla sua estradizione negli Stati Uniti.

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.