Database Italia

Assange compie 49 anni recluso e in gravi condizioni

Questo venerdì, l’attivista informatico Julian Assange ha compiuto 49 anni, e lo ha fatto in condizioni di detenzione molto gravi, in più sono stati fatti tentativi di rafforzare le accuse contro di lui senza che ci siano basi reali.

L’organizzazione FreeAssange e il collettivo #24F Coalición Vida y Libertad Julian Assange, ha rilasciato insieme con diversi gruppi un video per il fondatore di Wikileaks, per inviargli un messaggio di incoraggiamento, per dargli forza nel suo intento di non essere estradato negli Stati Uniti.

Secondo il gruppo attivista, il Dipartimento di Giustizia ha cercato nei giorni scorsi di estendere le accuse contro il giornalista di origine australiana, ma senza alcun documento a supporto, che mostra la strategia di Washington di tenerlo in prigione ad ogni costo.

“Continuano con le 18 accuse presentate contro Assange e durante l’udienza amministrativa del 29 giugno volevano estenderle, ma senza avere le carte per farlo. Pura propaganda per sporcare il nome di Julian Assange, con la stessa strategia legale (guerra legale) che hanno portato avanti per 10 anni “.

Dopo aver ricordato che Assange è tenuto in isolamento, con solo un’ora d’aria al giorno e altre misure di contenimento eccessive, il gruppo attivista ha osservato che oltre 200 medici hanno inviato una lettera al governo del Regno Unito per esprimere la loro preoccupazione per lo stato di salute del fondatore di Wikileaks e chiedono il suo rilascio, senza che le autorità interessate abbiano rilasciato alcuna risposta.

Da parte loro, oltre 40 organizzazioni per la difesa dei diritti umani e della libertà di stampa hanno chiesto ieri la liberazione “immediata” di Assange. Gli Stati Uniti, che vogliono condannarlo con accuse di spionaggio per aver diffuso oltre 1.000 documenti classificati sulle attività militari e diplomatiche, in particolare in Iraq e in Afghanistan.

In una lettera al ministro della giustizia britannico Robert Buckland, i firmatari chiedono al governo Boris Johnson di rilasciare “immediatamente”Assange e impedire la sua estradizione negli Stati Uniti, dove potrebbe essere condannato fino a 175 anni di prigione.

Tra I firmatari anche l’organizzazione civile Reporter sans frontiere, PEN International e la Federazione internazionale dei giornalisti, che stimano che la “persecuzione” di Assange “contribuisce al deterioramento della libertà di stampa nel Regno Unito” e offusca l’immagine del paese. sulla scena internazionale.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments