Database Italia

Assange ‘ha costretto’ coloro che sono dietro i crimini di guerra ‘a guardarsi allo specchio,’ ora affronta la loro vendetta

Assange ha smascherato l’ipocrisia occidentale e ha scoperto “troppa verità”, così il suo processo è diventato una forma di “vendetta”, ha detto il giornalista e regista John Pilger a Going Underground.

La parte principale del processo di estradizione di Julian Assange si è conclusa questa settimana e una decisione dovrebbe essere annunciata all’inizio di gennaio. Pilger, un sostenitore di lunga data del fondatore di WikiLeaks, ha monitorato da vicino i procedimenti, che sono stati a malapena coperti dai media occidentali nonostante le gravi ripercussioni per il giornalismo che una sentenza di estradazione di Assange avrebbe comportato.

La morte di Assange è avvenuta perché ha fornito “troppa verità” e ha smascherato l’ipocrisia occidentale, crede Pilger.

Ha smascherato coloro che hanno commesso quei crimini di guerra, li ha costretti a guardarsi allo specchio… Questo è il suo crimine imperdonabile.

L’auto-percezione dell’Occidente è che generalmente non fa cose orribili e che i suoi politici sono per lo più sinceri e sono tenuti sotto controllo da media indipendenti. WikiLeaks ha dimostrato che tutte queste cose non sono vere, ha detto Pilger.

Di conseguenza, Assange è stato palesemente maltrattato dal sistema giudiziario britannico, sia durante il suo processo di settembre all’Old Bailey di Londra che prima. Ha ricevuto una condanna senza precedenti per aver saltato la cauzione, è stato rinchiuso in una prigione di massima sicurezza con terroristi e criminali violenti, gli è stato impedito di comunicare in modo ragionevole con la sua squadra di difesa e ha affrontato numerose altre ingiustizie.

Non c’è stato un giusto processo in questa corte; c’è stata la giusta vendetta.

Se Assange fosse estradato negli Stati Uniti e processato per cose che non sono diverse da ciò che molti altri giornalisti investigativi hanno fatto per decenni, costituirebbe un pericoloso precedente, ha avvertito Pilger. Manderebbe un segnale che gli Stati Uniti possono raggiungere chiunque in qualsiasi paese osi pubblicare qualsiasi cosa che non sia di gradimento di Washington.
Nonostante la posta in gioco, i media mainstream occidentali hanno chiuso un occhio sul processo, compresi quelli che erano felici di fare reportage sulla base delle rivelazioni di WikiLeaks.
“Il modo in cui si sono rivolti alla loro fonte perché non avrebbe fatto parte del loro club collusivo è stato una vergogna. Sanno che è stata una disgrazia “, ha detto Pilger.

Puoi guardare l’intera intervista qui:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.