Database Italia

AstraZeneca raddoppia la capacità di produzione del vaccino Covid-19 a 2 miliardi di dosi

Hatchett ha ammesso che l’organizzazione sta correndo un “rischio sostanziale” investendo nella produzione mentre i test sono ancora in corso e ha ammesso che esiste la possibilità che il vaccino non funzioni.

La società aumenterà la capacità produttiva dopo aver raggiunto un accordo per un finanziamento supplementare di $ 750 milioni

AstraZeneca ha raddoppiato la capacità produttiva del suo potenziale vaccino Covid-19 a 2 miliardi di dosi dopo aver concluso una serie di accordi di cui due con organizzazioni sanitarie supportate da Bill e Melinda Gates.

Il mese scorso il colosso farmaceutico ha dichiarato di poter produrre 1 miliardo di dosi del vaccino che sta sviluppando in collaborazione con i ricercatori dell’Università di Oxford.

Giovedì, AstraZeneca ha annunciato di aver siglato un accordo con il Serum Institute of India per produrre 1 miliardo di dosi destinate ai paesi a basso e medio reddito. Prevede di fornire 400 milioni di dosi entro la fine del 2020.

AstraZeneca ha anche siglato un accordo del valore di $ 750 milioni con due organizzazioni sanitarie sostenute dal co-fondatore della Microsoft Bill Gates e sua moglie Melinda. Tali organizzazioni, Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) e Gavi Alliance, aiuteranno a trovare strutture di produzione per produrre e distribuire 300 milioni di dosi di vaccino, con l’inizio della consegna entro la fine dell’anno.

Le nuove alleanze mirano a garantire la fornitura immediata del vaccino ai paesi a basso reddito. Non è ancora chiaro se i vaccini funzioneranno contro il Covid-19, ma decine di aziende sono in corsa per svilupparne uno.

AstraZeneca, che il mese scorso ha superato Royal Dutch Shell per diventare la più grande azienda del Regno Unito in termini di valore di mercato, ha affermato che gli ultimi accordi fanno parte degli sforzi per costruire catene di approvvigionamento per il potenziale vaccino senza scopo di lucro. La società ha già deciso di fornire 300 milioni di dosi del potenziale vaccino negli Stati Uniti e altri 100 milioni nel Regno Unito, con le prime consegne previste per settembre.

“Il nostro obiettivo è non lasciare indietro nessuno e continueremo a lavorare molto duramente … per assicurarci che questo vaccino sia rapidamente e ampiamente disponibile in tutto il mondo”, ha affermato Pascal Soriot, amministratore delegato di AstraZeneca.

Richard Hatchett, amministratore delegato di CEPI, ha dichiarato che l’Organizzazione mondiale della sanità si occuperà dello sviluppo di “schemi raccomandati di allocazione ” in modo che i vaccini prodotti attraverso le nuove partnership siano inizialmente distribuiti alle persone che ne hanno maggiormente bisogno.

Ciò potrebbe includere gli operatori sanitari e le persone vulnerabili che sono maggiormente a rischio di Covid-19, compresi gli anziani e le persone con patologie di base come l’ipertensione o il diabete, ha spiegato Hatchett. Ha assicurato che il processo di allocazione sarebbe “aperto, inclusivo e trasparente come lo sono i processi dell’OMS”.

Soriot ha dichiarato che AstraZeneca è in trattativa con “parti aggiuntive che potrebbero essere interessate” ai 300 milioni di dosi di riserva che non sono ancora state richieste.

Il vaccino, noto come AZD1222, è attualmente in fase di sperimentazione che coinvolge circa 10.000 volontari adulti. Soriot ha dichiarato di aspettarsi che il vaccino funzioni quando questi studi si concluderanno ad agosto.

Successivamente, i vaccini potrebbero iniziare a essere distribuiti già a settembre.

Hatchett ha affermato che la ricerca di un vaccino contro Covid-19 è stata “la sfida più urgente del nostro tempo”.

Tuttavia, ha ammesso che l’organizzazione sta correndo un “rischio sostanziale” investendo nella produzione mentre i test sono ancora in corso e ha ammesso che esiste la possibilità che il vaccino non funzioni.

Se così fosse, CEPI potrebbe offrire assistenza ad altri produttori vaccinali che utilizzano metodi di produzione simili. “Questo è un modo per gestire il rischio e tollerare l’enorme rischio finanziario di iniziare a produrre in anticipo”, ha detto Hatchett.

“Ovviamente se il vaccino ha successo, piazzare quella scommessa anticipata sulla produzione dà un enorme guadagno, perché finisci con decine o addirittura centinaia di milioni di dosi che diventano disponibili il prima possibile se sei sicuro che il vaccino sia sicuro ed efficace “, ha aggiunto Hatchett.

Il CEPI aveva precedentemente lavorato con l’Università di Oxford per cercare di sviluppare un vaccino per la sindrome respiratoria del Medio Oriente (Mers), che è un’altra forma di coronavirus.

“Per quanto riguarda la possibilità che il vaccino [Covid-19] funzioni, direi che abbiamo abbastanza buone speranze da ciò che abbiamo osservato finora, ma non possiamo esserne sicuri,” ha detto Soriot.

Di Davide Donateo

Fonte: The Guardian



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.