Home Eventi Avversi V.C. AUMENTO VERTIGINOSO DI INFARTI E ICTUS, MODERNA METTE A PUNTO IL “VACCINO”...

AUMENTO VERTIGINOSO DI INFARTI E ICTUS, MODERNA METTE A PUNTO IL “VACCINO” mRNA per riparare i muscoli del cuore dopo un attacco cardiaco

26
0

In una recente intervista con Sky News, il CEO, Stephane Bancel, ha rivelato che Moderna sta pianificando un nuovo vaccino mRNA per riparare i muscoli del cuore dopo un infarto.

Il CEO di Moderna ha rivelato che la sua azienda ha un programma che prevede la somministrazione di RNA messaggero (mRNA) al cuore dei pazienti dopo un infarto.

In una recente intervista con Sky News, il CEO, Stephane Bancel, ha dichiarato : “Siamo ora coinvolti in un programma super eccitante in cui iniettiamo mRNA nel cuore delle persone dopo un infarto per far ricrescere nuovi vasi sanguigni e rivascolarizzare il cuore”.

Bancel non ha fornito ulteriori dettagli sulla progettazione del programma. Uno dei vaccini mRNA più utilizzati per il COVID-19 è stato creato dalla sua azienda, insieme al gigante farmaceutico Pfizer.

Bancel è d’accordo quando il giornalista suggerisce che la pandemia di COVID-19 ha avuto un’ “ironia” in quanto ha consentito a società come Moderna di “sviluppare queste altre aree grazie ai ricavi che sono entrati dalla porta”. “Hai ragione al 100 percento”, ha detto.

Approfondimenti:

Moderna ha registrato un fatturato di $ 4,7 miliardi per il secondo trimestre del 2022 ad agosto, con un aumento di $ 300 milioni rispetto allo stesso periodo del 2021. Le sue entrate complessive per la prima metà di quest’anno sono state di $ 10,8 miliardi, rispetto ai $ 6,3 miliardi dello stesso periodo precedente anno.

La società ha affermato che il forte aumento delle vendite della sua vaccinazione COVID-19 è stata la causa del suo significativo aumento delle entrate.

Nessun prodotto mRNA negli Stati Uniti aveva ottenuto la piena approvazione della FDA prima che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense rilasciasse autorizzazioni all’uso di emergenza per i vaccini Moderna e Pfizer COVID-19 nel 2020.

La Ricerca

I funzionari affermano che le terapie basate sull’mRNA ridurranno l’infiammazione in connessione con tre principali malattie cardiache, tra cui l’aterosclerosi, l’ipertensione polmonare e l’aneurisma dell’aorta addominale. Nel frattempo, il mese scorso un’agenzia governativa australiana ha concesso 1,1 milioni di dollari per colpire tre principali malattie cardiovascolari utilizzando la tecnologia mRNA.

“Le strategie mirate basate sull’mRNA che stiamo studiando possono fermare la progressione dell’infiammazione, offrendo l’opportunità di prevenire eventi di malattie cardiovascolari come infarto, ictus e insufficienza cardiaca senza effetti collaterali indesiderati”, lo dichiara il ricercatore capo del reparto molecolare del Baker Institute imaging e teranostica Xiaowei Wang.

Secondo Wang, gli scienziati svilupperanno un “sistema di rilascio unico che utilizza nuove nanoparticelle” per “attivare il rilascio dell’mRNA” per le tre malattie cardiovascolari.

Tuttavia, uno studio preliminare pubblicato ad agosto ha affermato che le nanoparticelle di trasporto dell’mRNA del vaccino COVID-19 sopprimevano e alteravano la risposta immunitaria.

Allo stesso tempo, il chirurgo generale della Florida Joseph Ladapo ha affermato all’inizio di questa settimana che i maschi di età compresa tra 18 e 39 anni non dovrebbero ricevere il vaccino mRNA COVID-19. Ha citato un’indagine statale che ha mostrato un aumento dell’84% dell’incidenza relativa della mortalità correlata al cuore negli uomini in quella fascia di età 28 giorni dopo aver ricevuto una vaccinazione con mRNA.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleSoros e il regime di Kiev… Cenando con il diavolo
Next articleDIETRO LE RIVOLTE IRANIANE