CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the MorningSocietàVideo

Australia, polizia interroga i cittadini sui post sui social media a sostegno delle proteste contro i lockdown. VIDEO

Diversi video online mostrano persone in Australia interrogate da agenti di polizia su post sui social media che esprimono sostegno alle proteste anti-blocco.

In un video dello stato sud-orientale di Victoria, si vedono due agenti della polizia di Victoria presentarsi a casa di un uomo nel bel mezzo della notte per chiedergli conto di alcuni post su Facebook pubblicati sei mesi prima a sostegno delle proteste contro i blocchi per il Covid-19. .

I due ufficiali mostrano all’uomo un file di screenshot stampati di quelli che apparentemente sono alcuni dei suoi post sui social media a sostegno del movimento anti-lockdown.

Uno degli agenti di polizia chiede: “Questi post sono stati pubblicati da lei?  Le sembrano familiari?”

L’uomo visitato dagli agenti è scioccato dall’assoluta assurdità della situazione. La polizia si è presentata di notte per chiedere informazioni sui post che ha pubblicato su Facebook sei mesi prima. Esprime indignazione per il fatto che i suoi diritti come australiano di protestare e di libera espressione siano stati messi in discussione.

“Hanno fatto venire i poliziotti qui per dirmi che ho partecipato a una protesta… sei mesi fa?” chiede l’uomo. “Beh, chi se ne frega un…? Quanto è illegale andare a una protesta?”

Uno degli agenti continua affermando che la protesta anti-blocco a cui l’uomo presumibilmente ha preso parte era “illegale”.

In risposta, l’uomo afferma che le proteste di Black Lives Matter si sono svolte due settimane prima della protesta anti-lockdown, quindi chiede se siano state ritenute illegali anche quelle.

In un altro incidente in un altro stato australiano, anch’esso filmato e diventato virale sui social media, tre agenti di polizia hanno indotto un uomo a parlare con loro affermando che stavano effettuando controlli assistenziali.

Invece di svolgere il loro presunto lavoro, gli agenti hanno iniziato a chiedere all’uomo e ai vicini se hanno intenzione di partecipare a una delle proteste anti-blocco in corso a Victoria. All’uomo è stato anche chiesto dagli agenti di polizia se avesse intenzione di partecipare a qualche protesta o se conoscesse qualcuno che abbia partecipato a proteste passate.

“No, non ho intenzione di rispondere, altrimenti non sareste qui”, dice l’uomo. “Mi piacerebbe sapere come avete avuto questo indirizzo, in realtà.”

Invece di rispondere alla domanda dell’uomo, l’ufficiale interroga l’uomo sui suoi presunti piani per unirsi a future proteste e manifestazioni anti-blocco.

“C’è qualcos’altro che potresti volerci dire per contribuire a garantire la sicurezza pubblica?” chiede l’ufficiale alla fine dell’interrogatorio.

“No, finché vai in giro a sparare alla gente con proiettili di gomma come a Victoria”, risponde l’uomo.

Leggi anche:

Distopia Australia – Il funzionario sanitario del NSW: “EVITATE LE CONVERSAZIONI CON AMICI E CONOSCENTI. Ora è il momento di ridurre al minimo le interazioni con gli altri.”VIDEO

AUSTRALIA, 24000 BAMBINI SARANNO VACCINATI IN UNO STADIO. NON SARÀ CONSENTITO L’INGRESSO AI GENITORI

TV AUSTRALIANA INTERROTTA DA UNA CERIMONIA DI ADORAZIONE DEL DIAVOLO!

È inquietante vedere le libertà dei cittadini australiani violate insieme al loro diritto di protesta e alla libertà di espressione. Se continua così, la libertà di parola sarà sradicata e i giganti dei social media avviseranno regolarmente la polizia dei post che ritengono “pericolosi”.

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!