Database Italia

Berlino pensa di portare le minacce degli Stati Uniti sul Nord Stream 2 alle Nazioni Unite

La Germania sta cercando di coinvolgere le Nazioni Unite sulle minacce di sanzioni di Washington contro l’oleodotto guidato dalla Russia, sostenendo che la pressione degli Stati Uniti è contraria al diritto internazionale.

Klaus Ernst, presidente della commissione Bundestag per gli affari economici e l’energia, ha segnalato durante un’intervista con RT Deutsch che è inaccettabile quando un paese, ad esempio gli Stati Uniti, prescrive a un altro paese sovrano o all’Unione europea come risolvere il problema del proprio approvvigionamento energetico.

Il politico ha detto che questo “è contrario a qualsiasi rapporto ragionevole”. Ha aggiunto che se le sanzioni fossero imposte dagli Stati Uniti, sarebbe una violazione del diritto internazionale.

È una violazione [del diritto internazionale] minacciare la sovranità del paese usando sanzioni extraterritoriali. Dopo tutto queste sanzioni non si applicano agli Stati Uniti, riguardano l’Unione Europea.

Ernst ha affermato che le sanzioni draconiane, che colpirebbero ogni azienda che contribuisce o è coinvolta nella costruzione del gasdotto Nord Stream 2, sono un affronto alla sovranità dell’UE nel suo insieme, che attirerà una risposta da Bruxelles. La Germania, da parte sua, non se ne sta a guardare.

La prossima misura, di cui stiamo anche discutendo, consiste nel sollevare la questione a livello delle Nazioni Unite”, ha rivelato Ernst. Altre opzioni includono “presentare reclami ai tribunali [internazionali] competenti” , ha detto il parlamentare, aggiungendo: “vedremo cosa decideranno”.

Ernst ha parlato sulla scia di una nuova minaccia fatta da tre senatori repubblicani, vale a dire, Ted Cruz, Tom Cotton e Ron Johnson. Il trio ha compilato una lettera per la gestione del porto tedesco di Mukran, dove vengono ormeggiate e rifornite le navi che posano l’ultimo tratto rimanente del Nord Stream 2.

Il documento minacciava apertamente il porto – e la circostante città di Sassnitz – di “schiaccianti sanzioni legali ed economiche, che il nostro governo sarà incaricato di imporre”. Queste ” misure fatali “ potrebbero tagliare la città “dagli Stati Uniti commercialmente e finanziariamente “, se continua a consentire alle navi di costruire il gasdotto.

Fonte: RT



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.