Database Italia

BIDEN VORREBBE “ACCORCIARE IL GUINZAGLIO ALLA RUSSIA”, MA SCOPRIRÀ CHE IL MORSO DI PUTIN E’ DI GRAN LUNGA PEGGIORE DEL SUO LATRATO

L’hack di SolarWinds, attribuito alla Russia, ha portato a dichiarazioni sulla necessità per Joe Biden di rispondere a quello che è stato paragonato a “un atto di guerra”. Deve procedere con cautela, affinché la retorica non diventi realtà.

All’indomani delle rivelazioni riguardanti l’incredibile attacco informatico di SolarWinds che ha esposto le reti di computer di più dipartimenti e agenzie del governo degli Stati Uniti, insieme a quelle appartenenti a più di 17.000 clienti aziendali civili, la retorica anti-russa ha raggiunto nuove vette a Washington, DC. Anche se non è ancora stata fatta attribuzione formale per l’hack, la National Security Agency ha appuntato la colpa a “attori informatici Russi sponsorizzati dallo stato”, e il senatore Richard Blumenthal, a seguito di un briefing riservato sulla questione, ha inviato un tweet in cui ha dichiarato che il briefing ha affrontato “L’attacco informatico della Russia”.

Altri senatori hanno portato la retorica a un altro livello. “Questo [hack SolarWinds] è virtualmente una dichiarazione di guerra della Russia contro gli Stati Uniti” , ha detto Dick Durbin , “e dovremmo prenderla sul serio”. Un altro senatore, Chris Coons , ha osservato che “è piuttosto difficile distinguere questo da un atto di aggressione che sale al livello di un attacco che si qualifica come guerra”. Marco Rubio ha dichiarato che “l’America deve vendicarsi, e non solo con le sanzioni”.

Le emozioni esibite da questi senatori, che provengono da entrambi i lati del corridoio, aiutano ad alimentare una narrazione di un confronto incombente tra il presidente eletto Joe Biden, che potrebbe essere dichiarato presidente il 20 gennaio, e il presidente russo Vladimir Putin. 

“Sono andato testa a testa con Putin”, ha dichiarato Biden durante il primo dibattito tra lui e il presidente Donald Trump, nel settembre 2020, “e gli ho chiarito: non accetteremo niente di tutto questo . ” Biden ha poi chiamato Trump “il cucciolo di Putin”, insinuando che l’incumbent era morbido con la Russia. Un articolo pubblicato da NBC News è arrivato al punto di dichiarare che Biden avrebbe messo Mosca “al guinzaglio più stretto”.

Nei suoi commenti iniziali in seguito alle rivelazioni dell’hack di SolarWinds, Biden ha osservato che “non c’erano prove che fosse sotto controllo”, aggiungendo che “la questione del danno fatto resta da determinare”. Biden ha affermato che affrontare la questione della sicurezza informatica sarebbe un “focus schiacciante per la mia amministrazione”, dichiarando che gli hacker “possono essere certi che risponderemo e probabilmente risponderemo in natura”. 

Sebbene reticenti a rivelare qualsiasi dettaglio sui suoi piani di ritorsione, fonti vicine a Biden affermano stia prendendo in considerazione nuove sanzioni finanziarie e attacchi informatici nascosti contro le infrastrutture russe. Ciò è in linea con la cassetta degli attrezzi per ritorsioni di Biden quando si tratta della Russia, descritta per la prima volta nel luglio 2020, quando Biden ha messo “in guardia” Putin su qualsiasi interferenza elettorale, notando che l’imposizione di sanzioni, il congelamento delle risorse e il dispiegamento di armi cibernetiche erano le opzioni. a sua disposizione come presidente qualora tale attività fosse rilevata.

Ma la realtà non è così semplice. “La Russia è molto più potente oggi di quanto non fosse 20 anni fa, ed è molto più potente oggi di quanto non fosse quattro anni fa”, ha osservato Michael McFaul, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia durante l’amministrazione Obama, citato da NBC News . 

Le sanzioni economiche, imposte sia dall’Unione Europea che dagli Stati Uniti, non sono riuscite ad alterare la politica russa nei confronti dell’Ucraina e della Crimea.

Inoltre, le sanzioni in generale hanno raggiunto il loro limite di efficacia a meno di prendere di mira il settore energetico critico della Russia. Dato l’importante ruolo svolto dalla Russia in termini di sicurezza energetica globale, eventuali sanzioni che prendessero di mira la produzione e le esportazioni di petrolio e gas russi avrebbero un impatto negativo sull’economia globale e potrebbero indurre un respingimento russo che potrebbe rendere più probabile uno scontro militare. .

Biden farebbe anche bene a tenere presente che nulla cade nel vuoto. Nel giugno 2019, ha riferito il New York Times che gli Stati Uniti avevano lanciato un attacco informatico senza precedenti contro la rete elettrica russa, in cui era nascosto un malware che avrebbe consentito agli Stati Uniti di spegnere l’energia a piacimento in tempi di crisi. L’annuncio dell’attacco voleva essere un avvertimento per il presidente Putin. Visto in questa luce, si può affermare che l’attacco SolarWinds attribuito alla Russia è la risposta di Putin, un chiaro segnale che la Russia può penetrare le difese informatiche statunitensi a volontà. La Russia avrebbe potuto avvertire l’amministrazione Biden che qualsiasi continuazione di attacchi informatici da parte degli Stati Uniti contro la Russia sarebbe stata affrontata in natura. Che queste accuse siano vere o no, una cosa è chiara: qualsiasi tentativo di mettere un guinzaglio a Mosca potrebbe portare a un grave morso alla mano americana.

Scott Ritter
è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e autore di ” SCORPION KING : America’s Suicidal Embrace of Nuclear Weapons from FDR to Trump”. Ha prestato servizio nell’Unione Sovietica come ispettore per l’attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo e dal 1991-1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite. Seguitelo su Twitter  @RealScottRitter



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.