Deep StatePedofiliaSocietà

Biden ha molestato i suoi figli e ha spinto la sua prima moglie al suicidio?

NY Times:  persone legate al progetto Veritas indagate per il furto del diario della figlia di Biden.

 The Real History Channel – 7 novembre 2021

L’FBI ha emesso mandati di perquisizione a New York come parte di un’indagine del Dipartimento di Giustizia su come le pagine del diario di Ashley Biden siano state pubblicate da un sito web di destra.

 L’Anti-New York Times

 Gli agenti federali hanno fatto irruzione in diverse località associate al gruppo conservatore  Project Veritas  , apparentemente come parte di un’indagine su un diario rubato alla figlia di Pedo Joe,  Ashley Biden , e di come questo sia stato divulgato pubblicamente nell’ottobre del 2020. Alcuni di “voi ragazzi” potrebbe ricordare il pettegolezzo di Internet all’epoca su Ashley – che scriveva da adulta nel 2019 nel contesto delle cause traumatiche dell’infanzia della sua ossessione giovanile per la sessualità – aveva descritto di fare la doccia con suo padre. Nei suoi appunti, Ashley, un tempo forte tossicodipendente come suo fratello  Hunter Biden , racconta delle sue lotte psicologiche e delle docce “probabilmente non appropriate” che ha fatto con il padre degenerato.

Sebbene “The Editorial Board” di  The Anti-NY Times  potesse facilmente e totalmente credere che Pedo Joe fosse in grado di molestare i propri figli, le domande sull’autenticità del diario ci hanno precluso di riferire su di esso allora. Ma ora, grazie alle incursioni dell’FBI,  sappiamo per certo che il diario era di Ashley e che Pedo Joe è in tutto e per tutto il reprobo degenerato  abusatore di bambini che avevamo immaginato , anche se The Slimes, ovviamente, non rende menzione delle docce papà-figlia.

* Project Veritas non ha mai effettivamente pubblicato i diari dopo esserne entrato in possesso. Era un blogger molto meno conosciuto che in seguito li ha pubblicati.

Ashley Biden era “iper-sessualizzata e “molestata” e ricorda il “trauma” in giovane età” dalla sua famiglia e dai suoi amici pazzi – e “docce con mio padre (probabilmente non appropriato)”

Chi ha dato l’ordine per questi raid su Project Veritas? Crediamo che siano stati i White Hats!  L’evento non solo ha richiamato l’attenzione sul diario dimenticato, ma ha anche dato completa credibilità alla storia della doccia “inappropriata” tra papà e figlia. La deputata pro-Q  Lauren Boebert  (R-CO) e il popolare blogger / speaker / FOX News tafano  Candace Owens  non hanno perso tempo a twittare sulla perversione delle affermazioni alle loro legioni di seguaci. E ora, altri stanno seguendo.

I raid sarebbero anche serviti come pretesto perfetto per “lavare il frutto dell’albero velenoso” che è la prova sotto copertura di molti illeciti ottenuti  (senza un mandato)  dall’equipaggio crociato del Project Veritas. Qualunque siano i dati “non utilizzabili” che i White Hats “captano di trovare” come parte di questa “indagine” su Veritas, beh, saranno tutti utilizzabili ora in relazione ad altre indagini. Vedi il trucco? È la stessa manovra di “raid” che hanno giocato con  Paul Manafort, Roger Stone, Rudy Giuliani  e altri. Ben giocato, Cappelli Bianchi, ben giocato.

A proposito, Project Veritas ha una causa per diffamazione contro il New York Times e O’Keefe chiede un sacco di soldi e un processo con giuria.

Un altro effetto collaterale di questa storia è che porta a maggiori sospetti sul tragico incidente in cui   sono state uccise Neila Biden  (la prima moglie di Pedo Joe)  e la figlia  Naomi (età 1). Il pomeriggio del 18 dicembre 1972, un mese dopo che Joe era stato eletto per la prima volta al Senato degli Stati Uniti, Neilia stava guidando con i suoi tre bambini piccoli lungo una strada rurale nel Delaware. A un incrocio, ha inspiegabilmente accelerato e cambiato corsia trovandosi di fronte a un autotreno in arrivo. La polizia ha  ipotizzato  che Neilia si sia imbattuta nel percorso del camion perché era girata e non l’ha visto. Tutti e quattro gli occupanti sono stati portati al Wilmington General Hospital, dove Neilia e Naomi sono stati dichiarati morti all’arrivo. I suoi due figli,  Beau  (3) e Hunter  (2), sono stati gravemente feriti ma sono sopravvissuti all’incidente con lesioni gravi multiple. Due settimane dopo, Papa Joe, che ha appena compiuto 30 anni, ha prestato giuramento al Senato degli Stati Uniti presso l’ospedale dove Beau e Hunter erano ancora in cura.

Quasi 40 anni dopo, Biden ha affermato falsamente che l’autista del camion  (poi deceduto)  aveva “bevuto” poco prima della collisione fatale. La famiglia dell’autista ha negato con veemenza tale affermazione e nemmeno la polizia l’ha comprovata. Lyin’ Biden si scusò presto con la famiglia del camionista deceduto. In un discorso di inizio 2015 alla Yale University, l’allora vicepresidente ha fatto un commento piuttosto strano. Parlò della sua prima moglie e poi disse:

“L’incredibile legame che ho con i miei figli è il dono che non sono sicuro che avrei avuto, se non avessi passato quello che ho passato dopo l’incidente mortale. Ma concentrandomi sui miei figli,  ho trovato la mia redenzione ».

“Redenzione?” Hmmmm. Di cosa hai dovuto “riscattarti” dopo la tragedia, Joe? Hai fatto qualcosa che ha portato tua moglie alla follia?

Il fenomeno del ” Suicide by Truck ” è ben noto all’interno della comunità dei camionisti ed è qualcosa che i camionisti temono. Neila Biden potrebbe essere stata spinta a uccidere se stessa e i suoi tre figli come unico mezzo per sfuggire a un mostro pedofilo potente e protetto che la stava ingravidando al ritmo di una volta all’anno? C’è qualcosa al di fuori del regno delle possibilità quando si tratta di questi demoni in forma umana?

Neila Biden ha guidato fino a sbattere frontelmente contro un autoarticolato, in pieno giorno (14:30), con i suoi tre figli, di 3, 2 e 1 anni.

Sotto: Suicide by Truck? Più comune di quanto si creda.

leggi anche:

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!