Database Italia

Biden lancia ufficialmente la guerra all’informazione sul COVID in collaborazione con Big Tech


L’amministrazione Biden ha definito la “disinformazione medica” una minaccia per la salute pubblica, la Casa Bianca ha affermato di essere al lavoro con i social media per segnalare i post “problematici”. In altre parole il governo americano ha lanciato ufficialmente la COVID Information War contro il mondo in collaborazione con Big Tech.

“Stiamo segnalando post problematici per Facebook che diffondono disinformazione”, ha detto giovedì ai giornalisti il ​​segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki.

Leggi anche:Google non solo ha supportato la ricerca sulle armi biologiche, ma ha anche censurato le…

Oltre a indirizzare l’azienda a censurare le persone, il governo sta anche lavorando per  “ottenere contenuti affidabili”  mettendo in contatto i professionisti medici con gli influencer dei social media. 

Solo durante la pandemia di Covid-19, ha portato gli americani a rifiutarsi di indossare mascherine, a  “rifiutare trattamenti comprovati”  e a scegliere di non farsi vaccinare, il che, ha affermato, è costato vite umane. 

Murthy è un  “tiranno”  che vuole che  “Big Tech reprima le informazioni è ciò che equivale a una guerra aperta e al libero scambio di idee”, ha  commentato il giornalista Jordan Schachtel, uno dei più scettici quando si tratta di narrazioni ufficiali sulla pandemia. 

Leggi anche: PUTIN A DAVOS CONTRO LE BIG TECH: “QUAL É IL CONFINE TRA BUSINESS GLOBALE E TENTATIVI DI CONTROLLARE LA SOCIETÀ?”

Osservando le raccomandazioni del chirurgo generale, Tom Elliott di Grabien ha sottolineato che il governo sta letteralmente istruendo le società private a  “ridurre la libertà di parola e di stampa e i diritti delle persone di riunirsi pacificamente e presentare petizioni al governo ”  – in altre parole, violare il Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti.

Il giornalista Glenn Greenwald, che ha contribuito a pubblicare le rivelazioni dell’informatore della NSA Edward Snowden sugli abusi della sorveglianza nel 2013, ha definito questa unione di potere aziendale e statale “uno dei tratti distintivi classici del fascismo”.

Leggi anche: Il World Economic Forum pubblica una guida su come costringere e manipolare il pubblico a fare il…

“Se non trovi profondamente inquietante il fatto che la Casa Bianca stia ‘segnalando’ ai suoi alleati di Facebook contenuti Internet che ritengono ‘problematici’ per la rimozione, allora sei per definizione un autoritario”, ha detto Greenwald.

“Questo è un illecito di livello ‘Ministero della Verità’. Stanno letteralmente ammettendo di essere in collusione con i media per controllare la narrazione. Questa è censura”, ha twittato il membro del Congresso Thomas Massie (R-Kentucky), aggiungendo che tali tattiche si addicono alle dittature e che il discorso di limitazione con cui il governo non è d’accordo supera il limite.

L’editorialista conservatore Stacey Lennox ha sostenuto che la censura avrebbe effettivamente indotto gli americani a mettere in discussione ancora di più la narrativa della Casa Bianca.

“Se le tue idee sono le migliori, possono reggersi da sole. La censura farà sì che le persone lo mettano più in dubbio. Ogni. Singola. Volta”,  ha twittato.

Ciò che dovrebbe interessare i governi di tutto il mondo e i loro cittadini è che questa dichiarazione di guerra dell’informazione non è limitata solo agli Stati Uniti. È condotta dal braccio di propaganda della NATO, il Consiglio Atlantico, e il suo obiettivo comprende anche nazioni al di fuori degli Stati Uniti.

Leggi anche: ZUCKERBERG VIOLA LE SUE STESSE REGOLE, I DUBBI SUL VACCINO SVELATI IN UN VIDEO

Il Pentagono utilizza il più grande “esercito segreto” del mondo di 60.000 agenti sotto copertura, noto non ufficialmente come Signature Reduction, per svolgere operazioni “nazionali ed estere” mentre si  infiltra e manipola i social media .

Di recente, YouTube è stato multato di 100.000 euro dal tribunale regionale tedesco  di Dresda dopo aver cancellato erroneamente il video di un utente che mostrava massicce proteste contro la pandemia in Svizzera – e poi non è riuscito a ripristinare il video “immediatamente” dopo che il tribunale glielo ha ordinato. il 20 aprile.

In una mossa contro questa censura della libertà di parola da parte di Big Tech, la  Polonia sta pianificando di rendere illegale la censura degli account sui social media .

“Gli algoritmi o i proprietari di colossi tecnologici non dovrebbero decidere quali opinioni sono giuste e quali no”, ha affermato il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki. “Non può esserci consenso alla censura”.

Leggi anche: Le Big Tech si stanno impadronendo segretamente del potere informativo

In un’altra mossa per proteggere l’industria dell’informazione nativa dai giganti della tecnologia, l’  Australia aveva ordinato a Google e Facebook di condividere le entrate con i media locali per i  contenuti delle notizie o di pagare una multa di 10 milioni di dollari.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha affermato che  Facebook ha attaccato la nazione sovrana  dell’Australia e che il suo governo non sarà intimidito dalle minacce di Facebook. Nel frattempo, altre nazioni di tutto il mondo si sono unite per scatenare una guerra globale contro le minacce della Big Tech.

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione su Patreon o seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita) in qualsiasi modo a loro piaccia gratuitamente. Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.