Scienza e TecnologiaSocietà

Big G sotto mentite spoglie: l’ascesa di un nuovo ordine mondiale tecnologico. Cosa ci aspetta?

La mattina di lunedì 15 dicembre 2020, Google ha subito una grave interruzione a livello mondiale in cui tutti i suoi servizi si sono bloccati, inclusi Nest, Google Calendar, Gmail, Documenti, Hangouts, Maps, Meet e YouTube e soprattutto Classroom, dove oggigiorno molti studenti sono obbligati alla didattica a distanza, rendendo impossibile il preoseguimento delle lezioni online.

L’interruzione è durata solo un’ora, ma è stato un agghiacciante promemoria di quanto il mondo sia diventato dipendente dalle tecnologie connesse a Internet per fare di tutto, dallo sbloccare le porte e alzare la temperatura all’accesso ai file di lavoro, all’invio di e-mail e alle telefonate.

Ogni giorno che passa, le persone cadono sempre più sotto l’incantesimo di comunità virtuali guidate dalla tecnologia, realtà virtuali e comodità virtuali gestite da macchine artificialmente intelligenti che sono sulla buona strada per sostituire gli esseri umani e alla fine dominare ogni aspetto della nostra vita.

La fantascienza è diventata realtà.

Eppure non siamo semplicemente schiavi di tecnologie che avevano lo scopo di semplificarci la vita. Ne siamo diventati schiavi.

Guardati intorno. Ovunque ti giri, le persone sono così dipendenti dai loro dispositivi con schermo connesso a Internet – smartphone, tablet, computer, televisori – che possono rimanere per ore immerse in un mondo virtuale in cui l’interazione umana è filtrata attraverso il mezzo della tecnologia.

Siamo così consumati da avvalerci di tutte le ultime tecnologie che abbiamo risparmiato a malapena un pensiero per le ramificazioni del nostro inciampare incurante e precipitoso verso un mondo in cui la nostra dipendenza da gadget e aggeggi connessi a Internet ci sta preparando per un futuro in quale libertà è un’illusione.

Indica l’alba dell’era dell’Internet of Things (IoT), in cui le “cose” connesse a Internet monitorano la tua casa, la tua salute e le tue abitudini al fine di mantenere la tua dispensa rifornita, le tue utenze regolate e la tua vita sotto controllo e relativamente senza preoccupazioni.

La parola chiave qui, tuttavia, è controllo.

In un futuro non troppo lontano, “quasi tutti i dispositivi che possiedi – e persino prodotti come le sedie, in cui normalmente non ti aspetti di vedere la tecnologia – saranno connessi e parleranno l’un l’altro. “

Questa industria “connessa” è diventata la prossima grande trasformazione sociale, proprio lì con la rivoluzione industriale, un momento di svolta nella tecnologia e nella cultura.

Tra auto senza conducente che mancano completamente di volante, acceleratore o pedale del freno e pillole intelligenti incorporate con chip per computer, sensori, telecamere e robot. Siamo pronti a superare l’immaginazione di scrittori di fantascienza come Philip K.Dick e Isaac Asimov .

Questi gadget tecnologici connessi a Internet includono lampadine intelligenti che scoraggiano i ladri facendo sembrare la tua casa occupata, termostati intelligenti che regolano la temperatura della tua casa in base alle tue attività e campanelli intelligenti che ti consentono di vedere chi c’è davanti alla tua porta senza lasciare il comodità del tuo divano.

Nest, la suite di prodotti per la casa intelligente di Google, è stata in prima linea nel settore “connesso”, con comodità tecnologicamente avanzate come una serratura intelligente che dice al tuo termostato chi è a casa, quali temperature gradiscono e quando la tua casa non è occupata; un sistema di servizi telefonici di casa che interagisce con i tuoi dispositivi collegati per “imparare quando vai e vai” e ti avvisa se i tuoi figli non tornano a casa; e un sistema di sonno che monitorerà quando ti addormenti, quando ti svegli e manterrà i rumori e la temperatura della casa in uno stato favorevole al sonno.

Lo scopo di questi dispositivi connessi a Internet, come proclama Nest, è di rendere “la tua casa una casa più attenta e consapevole“. Ad esempio, la tua auto può segnalare che stai tornando a casa, mentre le luci Hue possono accendersi e spegnersi per attirare la tua attenzione se Nest Protect rileva che qualcosa non va. La tua macchina per il caffè, basandosi sui dati dei sensori di fitness e sonno, preparerà una tazza di caffè più forte per te se hai avuto una notte agitata.

Tuttavia, data la velocità e la traiettoria con cui queste tecnologie si stanno sviluppando, non passerà molto tempo prima che questi dispositivi funzionino in modo completamente indipendente dai loro creatori umani, il che pone una serie di preoccupazioni completamente nuove. Come esperto di tecnologia Nicholas Carr osserva l’: “Non appena permetti ai robot, o ai programmi software, di agire liberamente nel mondo, si imbatteranno in situazioni eticamente gravose e dovranno affrontare scelte difficili che non possono essere risolte attraverso modelli statistici. . Ciò sarà vero per le auto a guida autonoma, i droni che volano da soli e i robot da campo di battaglia, proprio come è già vero, su scala minore, con aspirapolvere e tosaerba automatizzati “.

Ad esempio, proprio come il robot aspirapolvere Roomba “non fa distinzione tra un coniglietto della polvere e un insetto“, i droni armati – pronti a prendere il volo in massa quest’anno – saranno incapaci di distinguere tra un criminale in fuga e qualcuno semplicemente fare jogging lungo una strada. Del resto, come ci si difende da un poliziotto robotico –come l’androide Atlas sviluppato dal Pentagono– che è stato programmato per rispondere a qualsiasi minaccia percepita con la violenza?

Inoltre, non sono solo le nostre case e i nostri dispositivi personali che vengono riordinati e reinventati in questa epoca connessa: sono i nostri luoghi di lavoro, i nostri sistemi sanitari, il nostro governo, i nostri corpi e i nostri pensieri più intimi che vengono inseriti in una matrice su cui non abbiamo vero controllo.

In effetti, si prevede che entro il 2030 tutti sperimenteremo l’Internet of Sense (IoS), abilitato da Intelligenza Artificiale (AI), Realtà Virtuale (VR), Realtà Aumentata (AR), 5G e automazione. L’Internet dei sensi si basa sulla tecnologia connessa che interagisce con i nostri sensi di vista, suono, gusto, olfatto e tatto attraverso il cervello come interfaccia utente. Come spiega la giornalista Susan Fourtane:

“molti prevedono che entro il 2030 i confini tra il pensare e il fare si confonderanno… Entro il 2030, la tecnologia è pronta a rispondere ai nostri pensieri e persino a condividerli con gli altri … L’utente deve pensare solo ai comandi, e succederanno e basta.”

In altre parole, l’IoS farà affidamento sulla tecnologia in grado di accedere e agire in base ai tuoi pensieri.

George Orwell ha capito che questo ritrae una società globale di controllo totale in cui non c’è libertà personale. La tecnologia avanzata è diventata la forza trainante di una società guidata dalla sorveglianza. Spini e telecamere sono ovunque. E le persone sono soggette alla polizia del pensiero, che si occupa di chiunque sia colpevole di crimini mentali. Il governo, o “Partito”, è guidato dal Grande Fratello, che appare sui manifesti ovunque con le parole: “Il Grande Fratello ti sta guardando”.

L’Internet of Things e il suo gemello, l’Internet of Senses, praticamente è solo il Grande Fratello travestito.

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!