Home Cybersecurity BIG TECH CRASH | Twitter vicino al fallimento, Amazon perde 1.000 miliardi...

BIG TECH CRASH | Twitter vicino al fallimento, Amazon perde 1.000 miliardi di dollari, Facebook licenzia 11.000 dipendenti

0

Benvenuti al Big Technology Crash del 2022. Il gioco è finito, lo spettacolo è finito ed è giunto il momento di prepararsi per l’era post-tecnologica.

Mercoledì di questa settimana, Amazon.com è diventata la prima società quotata in borsa nella storia a perdere $ 1 trilione di valutazione di mercato .

E poi ieri pomeriggio, Elon Musk ha detto ai dipendenti di Twitter in una “riunione a tutti gli effetti” che la società sta perdendo così tanti soldi che “il fallimento non è fuori questione”. ( Fonte .)

Tutto ciò è accaduto dopo il grande crollo della criptovaluta di martedì, quando si è verificata l’equivalente di una “corsa agli sportelli” quando l’exchange di criptovalute FTX ha visto 6 miliardi di dollari di prelievi in ​​un arco di 72 ore, con conseguente arresto del processo di prelievo. 

FTX ha ora dichiarato bancarotta e il suo proprietario, che una volta era paragonato a Warren Buffet, ora guarda a un possibile periodo in prigione e povertà, lasciando coloro che avevano investito in criptovalute e FTX a riprendersi, inclusa la contea di Miami-Dade che ha fatto un Accordo di 19 anni da 90 milioni di dollari con FTX per i diritti sul nome della sua arena dove gioca la squadra NBA Miami Heat. ( Fonte .) E la scorsa notte, la piattaforma di prestito Crypto BlockFi ha annunciato che avrebbe interrotto i prelievi sulla scia del crollo dell’exchange di criptovalute FTX. ( Fonte .)

L’altra notizia su Big Tech martedì è stata che la società madre di Facebook Meta ha annunciato che sta tagliando oltre 11.000 posti di lavoro, riducendo la sua forza lavoro di circa il 13%. ( Fonte .)

Questo fa seguito alla notizia che abbiamo riferito circa 2 settimane fa che il Dipartimento di Giustizia ha avviato un’indagine su Tesla in merito alle loro affermazioni di avere una “auto a guida autonoma”. Notizia data più o meno nello stesso momento in cui è stata riportata questa notizia, Ford e Volkswagen hanno annunciato di aver initerrotto ulteriori investimenti nei veicoli a guida autonoma con intelligenza artificiale, costringendo Argo AI, una startup di tecnologia AV fondata da Uber e veterani di Google, a chiudere. Vedere:

Il padrino delle auto a guida autonoma afferma che “questa tecnologia non sta andando da nessuna parte: è un’illusione”.

Le auto a guida autonoma completamente autonome sono sempre state una fantasia, e coloro che sono stati abbastanza sciocchi da investire miliardi di dollari in questa fantasia, si stanno scontrando con la realtà e i limiti del progetto ora con report come quello che ZeroHedge News ha trattato questa settimana , mettendo in evidenza uno studio che ha mostrato che i laser possono hackerare i sensori di guida autonoma, impedendo ai veicoli di vedere i pedoni.

Ricercatori negli Stati Uniti e in Giappone hanno scoperto che i veicoli potrebbero essere indotti con l’inganno a non vedere i pedoni (o altri oggetti sulla loro strada) usando i laser. Queste auto, che utilizzano LiDAR per rilevare gli oggetti intorno a loro, emettono luci laser e quindi utilizzano il riflesso per valutare la distanza degli oggetti.

Lo studio ha rivelato che un laser perfettamente sincronizzato in un sistema LiDAR può creare “un punto cieco abbastanza grande da nascondere un oggetto come un pedone”, secondo  Cosmos. Fonte .)

Anche la più grande azienda tecnologica tra quelle menzionate, e una delle più grandi aziende al mondo, Apple Computers, sta affrontando problemi a causa della sua dipendenza dalla produzione in Cina e della politica ZERO Covid cinese che ha danneggiato le loro operazioni e la produzione del loro prodotto di punta, l’iPhone. ( Fonte .)

Il grande crollo tecnologico del 2022 è iniziato e probabilmente farà sembrare il crollo del mercato azionario Dot-com del 2001 una passeggiata nel parco quando questo crollo toccherà il fondo.

Se sei troppo giovane per ricordare l’incidente di Dot-com 20 anni fa, ecco una recensione di ciò che è successo:

La bolla delle dotcom è stata un rapido aumento delle valutazioni dei titoli azionari tecnologici statunitensi, alimentato da investimenti in società basate su Internet durante il mercato rialzista alla fine degli anni ’90. Il valore dei mercati azionari è cresciuto in modo esponenziale durante questo periodo, con l’indice Nasdaq, dominato dalla tecnologia, che è passato da meno di 1.000 a oltre 5.000 tra il 1995 e il 2000. Le cose hanno iniziato a cambiare nel 2000 e la bolla è scoppiata tra il 2001 e il 2002 con le azioni entrate in un mercato ribassista.

Il crollo che è seguito ha visto l’indice Nasdaq, che è aumentato di cinque volte tra il 1995 e il 2000, precipitare da un picco di 5.048,62 il 10 marzo 2000 a 1.139,90 il 4 ottobre 2002, con un calo del 76,81%.

Entro la fine del 2001, la maggior parte delle azioni delle dotcom è fallita. Anche i prezzi delle azioni di titoli tecnologici blue-chip come Cisco, Intel e Oracle hanno perso oltre l’80% del loro valore. Ci sarebbero voluti 15 anni prima che il Nasdaq riguadagnasse il suo picco, cosa che ha fatto il 24 aprile 2015.

Capire la bolla delle dotcom

La bolla delle dotcom, nota anche come bolla di Internet, è nata da una combinazione della presenza di investimenti speculativi o basati sulle mode, l’abbondanza di finanziamenti di capitale di rischio per le startup e l’incapacità delle dotcom di realizzare profitti. Negli anni ’90 gli investitori hanno versato denaro nelle startup di Internet sperando che un giorno diventassero redditizie. Molti investitori e venture capitalist hanno abbandonato un approccio cauto per paura di non essere in grado di incassare il crescente utilizzo di Internet.

Con i mercati dei capitali che lanciavano soldi nel settore, le start-up erano in corsa per diventare grandi rapidamente. Le aziende senza alcuna tecnologia proprietaria hanno abbandonato la responsabilità fiscale. Hanno speso una fortuna nel marketing per creare marchi che li distinguessero dalla concorrenza. Alcune start-up hanno speso fino al 90% del loro budget in pubblicità.

Importi record di capitale hanno iniziato a fluire nel Nasdaq nel 1997. Nel 1999, il 39% di tutti gli investimenti di capitale di rischio era destinato a società Internet. Quell’anno, la maggior parte delle 457 offerte pubbliche iniziali (IPO) erano relative a società Internet, seguite da 91 nel solo primo trimestre del 2000.

Il punto più alto è stata la megafusione di AOL Time Warner nel gennaio 2000, che è diventata il più grande fallimento di fusione della storia.

La bolla alla fine è esplosa, lasciando molti investitori ad affrontare forti perdite e diverse società Internet fallirono. Le aziende che notoriamente sono sopravvissute alla bolla includono Amazon, eBay e Priceline.

Come è scoppiata la bolla delle dotcom

Gli anni ’90 sono stati un periodo di rapido progresso tecnologico in molte aree. Ma è stata la commercializzazione di Internet che ha portato alla più grande espansione della crescita del capitale che il paese abbia mai visto. Sebbene i portatori di standard high-tech, come Intel, Cisco e Oracle, stessero guidando la crescita organica nel settore tecnologico, sono state le società dotcom emergenti ad alimentare l’impennata del mercato azionario iniziata nel 1995.

La bolla che si è formata nei cinque anni successivi è stata alimentata da denaro a buon mercato, capitali facili, eccessiva fiducia nel mercato e pura speculazione. I venture capitalist ansiosi di trovare il prossimo grande risultato investito liberamente in qualsiasi azienda con un “.com” dopo il suo nome. Le valutazioni si basavano su utili e profitti che non si sarebbero verificati per diversi anni se il modello di business avesse funzionato davvero e gli investitori erano fin troppo disposti a trascurare i fondamentali tradizionali.

Le aziende che dovevano ancora generare entrate, profitti e, in alcuni casi, un prodotto finito, sono entrate sul mercato con IPO che hanno visto i prezzi delle loro azioni triplicare e quadruplicare in un giorno, creando una frenesia per gli investitori.

L’indice Nasdaq ha raggiunto il picco il 10 marzo 2000, a 5048, quasi il doppio rispetto all’anno precedente. Molte delle principali società high-tech, come Dell e Cisco, hanno piazzato enormi ordini di vendita sulle loro azioni quando il mercato ha raggiunto il picco, scatenando il panico tra gli investitori. In poche settimane, il mercato azionario ha perso il 10% del suo valore.

Quando il capitale di investimento ha iniziato a prosciugarsi, anche la linfa vitale delle società di dotcom è andata a corto di liquidità. Le società dotcom che hanno raggiunto capitalizzazioni di mercato di centinaia di milioni di dollari sono diventate prive di valore nel giro di pochi mesi. Entro la fine del 2001, la maggior parte delle società di dotcom quotate in borsa ha chiuso e miliardi di dollari di capitale di investimento sono evaporati. ( Articolo completo .)

Siamo stati una delle prime società Internet ad iniziare a vendere cibo su Internet e ricordo chiaramente che la nostra sfida numero 1 all’epoca era convincere il consumatore che era sicuro acquistare su Internet, poiché era ancora agli inizi. Abbiamo sfruttato la potenza della tecnologia emergente per portare il nostro messaggio e i nostri prodotti direttamente al consumatore.

Abbiamo aperto la strada in molte aree, essendo uno dei primi a spedire vetro senza pluriball e a spedire carni congelate senza polistirolo convenzionale, utilizzando un prodotto a base di mais completamente biodegradabile. Abbiamo persino spedito le uova direttamente ai consumatori utilizzando scatole appositamente progettate prive di plastica o polistirolo.

Poiché il successo dei nostri prodotti è cresciuto tra i consumatori, in particolare l’olio di cocco, molti grandi nomi hanno cercato di comprarci, ma i loro obiettivi erano strettamente finanziari poiché volevano “scalare” l’attività. Non capivano che questo non era il tipo di attività che può essere “scalata” semplicemente investendo capitali, ma che poteva essere “scalata” solo convincendo più piccoli produttori a iniziare a produrre cibo in modo tradizionale, senza moderne tecnologia.

Quel tipo di “ridimensionamento” richiedeva più lavoro umano, non tecnologia, e tempo per addestrare tale lavoro a produrre cibo nel modo tradizionale, e nessuno era interessato a questo.

Non ho mai assunto investitori e non mi sono mai indebitato, costruendo il business alla “vecchia maniera” semplicemente reinvestindo i profitti, essendo dipendente al 100% dai nostri clienti e dalla loro domanda per i nostri prodotti, e non da Wall Street o dal denaro del governo.

Quindi hanno cercato invece di distruggerci, sfruttando la FDA e l’IRS, ma abbiamo prevalso.

Tragicamente, il modello di business seguito da quasi tutte le aziende tecnologiche oggi non è cambiato rispetto a ciò che le ha messe nei guai durante il crollo del mercato delle Dot-com nei primi anni 2000. La speculazione selvaggia e una falsa convinzione in ciò che la tecnologia può effettivamente fare ha attirato enormi quantità di denaro da parte degli investitori che cercano di arricchirsi rapidamente e ha creato un’atmosfera finanziaria che sta crollando ancora una volta, ma questa volta sarà molto peggio.

Mentre il crollo del mercato delle Dot-com è avvenuto durante l’infanzia della tecnologia, dando agli investitori il tempo di riorganizzarsi e adattarsi, questa volta sta accadendo durante gli anni del tramonto della tecnologia, poiché le tecno-profezie e le false promesse di ciò che la tecnologia può fare crolla, fuori uso.

Auto a guida autonoma completamente autonome, robot che possono sostituire gli esseri umani e nuove razze di “transumani” che integrano la tecnologia con gli esseri umani, sono tutte fantasie sviluppate negli anni dagli scrittori di fantascienza di Hollywood, che non hanno basi nella realtà.

E per gran parte della tecnologia che esiste, è stata guidata da finanziamenti dall’alto verso il basso, in gran parte da finanziamenti governativi, e non da risultati di mercato, quindi non è sostenibile.

Ad esempio, i governi che impongono a tutti di iniziare a guidare auto alimentate a batteria entro una certa data non tengono conto del fatto che, sulla base di un recente rapporto pubblicato in Finlandia, il mondo non ha abbastanza litio e cobalto per sostituire le batterie ogni 10 anni. ( Fonte .) Per non parlare del fatto che tutti quei veicoli elettrici sono alimentati principalmente dalla rete elettrica che non potrebbe mai sopportare l’aumento dei veicoli elettrici collegati ad essa.

E con decenni di sussidi governativi che hanno creato un mercato dei pannelli solari, ora sappiamo che c’è un enorme problema ambientale con lo smaltimento dei vecchi pannelli solari una volta che si consumano, che nessuno ha considerato quando è iniziata la “rivoluzione solare”, poiché questi pannelli solari contengono sostanze tossiche materiali che ora finiscono in discarica. ( Fonte .)

Benvenuti al Big Technology Crash del 2022. Il gioco è finito, lo spettacolo è finito ed è giunto il momento di prepararsi per l’era post-tecnologica.

Ciò non significa che la tecnologia scomparirà e torneremo ai “secoli bui”. Io stesso sono pro-tecnologia e possiedo un’auto elettrica che addebito dal mio sistema solare, non dalla rete, come riserva nel caso in cui l’acquisto di carburante sia proibitivo o impossibile. Mi permette di essere più indipendente dal “sistema”. Mi sono anche guadagnato da vivere e ho fornito molti lavori ad altri, utilizzando la tecnologia.

Ciò che significa “era post-tecnologica” è che le realtà economiche stanno ora crollando sulle false tecno-profezie e sarà necessario un sistema economico più sostenibile che incoraggi, anziché punire, l’innovazione e sistemi più locali e decentralizzati che non dipendono dalla tecnologia.

Perché ciò accada, ovviamente, significa che i globalisti perderanno gran parte del loro potere e controllo, e ciò dipenderà al 100% dal fatto che il popolo andrà avanti mentre affrontiamo il “Grande Reset”.

Fonte

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleL’esperto spiega | Il cancro può essere una malattia metabolica e condivide una cura
Next articleL’Eurodeputato Afferma: Il Castello di Carte dei Cospiratori Covid sta Crollando
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments