Home Coronavirus BILL GATES E IL GIOCO DELLE CORNICI

BILL GATES E IL GIOCO DELLE CORNICI

0

BILL GATES E IL GIOCO DELLE CORNICI. Vi proponiamo questo articolo di Thomas Harrington, Senior Scholar presso il Brownstone Institute. L’autore mette in luce come lo stesso Gates, definito “vaccine pusher” (spacciatore di vaccini), abbia candidamente ammesso come i cosiddetti “vaccini anticovid” non blocchino il contagio e che la copertura è estremamente breve. In altre parole, inutili! Queste parole di Bill Gates hanno un peso enorme. Che sia un espediente per tamponare il fallimento dei vaccini? A chi si rivolge Gates e perché? Che relazione c’è tra queste parole e il nuovo mondo multipolare e il Quantum Financial System (QUI)?

di Thomas Harrington

Qualche settimana fa, in occasione del World Economic Forum (WEF) di Davos, Bill Gates ha detto cose sorprendenti. Nel corso di una tavola rotonda di 56 minuti, lo straordinario pusher di vaccini ha ammesso (a partire dal minuto 18:22) che i vaccini Covid non bloccano l’infezione e che la durata della protezione che offrono è estremamente breve.

In seguito ha parlato (a partire dal minuto 51:00) dell’assurdità di implementare qualsiasi programma di passaporto Covid – e si può logicamente dedurre qualsiasi altra misura per segregare i vaccinati dai non vaccinati – quando le iniezioni non hanno dimostrato alcuna capacità di fare il minimo che ci si dovrebbe aspettare da un vaccino: prevenire l’infezione e la trasmissione.

Queste ammissioni fanno cadere con violenza le argomentazioni a favore delle “misure di contenimento” Covid, più aggressive e dannose, adottate negli ultimi due anni, molte delle quali sono ancora perseguite con impietoso vigore da funzionari pubblici, amministratori delegati e “leader” dell’istruzione in tutto il mondo.

Dobbiamo credere che Bill Gates abbia avuto un impulso improvviso a minare tutto ciò che ha usato i suoi miliardi per promuovere senza pietà negli ultimi due anni? E che stia dando a tutti coloro che stanno portando avanti questi piani il permesso di ritirarsi?

È un bel pensiero. Ma non credo che sia così.

No. Bill si stava semplicemente impegnando in una delle tecniche più collaudate e vere di gestione dell’informazione d’élite, il limited hangout, o quello che io preferisco chiamare un tentativo di “salvare la cornice” di un argomento che sta rapidamente prendendo acqua.

Poiché Bill e molte delle persone con cui si è alleato per imporre al mondo i vaccini sperimentali e spesso dannosi, possiedono o hanno donato somme incalcolabili a molti dei più importanti organi di informazione del mondo, sapeva in anticipo di non doversi preoccupare più di tanto della diffusione delle sue parole.

E così è stato. Solo un numero relativamente piccolo di raccoglitori di notizie indipendenti ha preso nota delle sue parole.

A chi si rivolgeva e perché?

Stava parlando ai veri credenti e stava fornendo loro un modello retorico per gestire la perdita di fede che alcuni tra i loro ranghi stanno avendo di fronte all’abissale fallimento dei vaccini.

La chiave per capire il gioco di prestigio è la clausola che Gates ha pronunciato subito prima del “ma”, con cui ha introdotto le sue parole veritiere sulla pietosa capacità dei “vaccini” di bloccare le infezioni e sulla breve durata della loro efficacia: “I vaccini hanno salvato milioni di vite”.

Chi conosce il lavoro del linguista cognitivo George Lakoff o le attività del sondaggista e cosiddetto paroliere politico Frank Luntz sa di cosa sto parlando.

Ciò che accomuna questi due uomini – nonostante le loro divergenze politiche – è la convinzione dello straordinario potere del framing retorico, ovvero la tendenza del cervello umano a subordinare l’attenta analisi di dettagli empiricamente provati all’abbraccio di una metafora cognitiva generale che fa appello ai valori culturali ed emotivi più profondi, anche se spesso non dichiarati.

È la differenza tra, ad esempio: “Gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq con falsi pretesti e lo hanno distrutto, uccidendo centinaia di migliaia di persone innocenti” e “Nei suoi sforzi per portare la democrazia in Iraq, gli Stati Uniti hanno commesso una serie di tragici errori”.

Il primo afferma una cruda verità empirica. La seconda offusca questa cruda realtà e la subordina alla nobile visione, tanto cara agli americani quando contemplano il loro ruolo nel mondo, di un Paese che aiuta costantemente le persone di tutto il mondo a migliorare le loro vite.

E con l’imposizione diffusa di cornici mentali come questa attraverso i media, “puff!” scompaiono tutti i dettagli cruenti e sul campo, e con essi, cosa più importante, la necessità di interrogarsi realmente su ciò che abbiamo fatto e su come potremmo cercare di riparare le vite che abbiamo spezzato.

Tornando a Davos, Bill stava effettivamente dicendo ai suoi tirapiedi: “State facendo una grande crociata morale. Abbiamo avuto qualche piccolo problema lungo il percorso, ma non arrendetevi, perché il mondo ha bisogno che continuiamo a essere eroici e a salvare altre vite”.

E con questa cornice cognitiva in atto, ogni dubbio strisciante che gli spettatori potrebbero avere su ciò che hanno fatto e sulla loro missione futura scompare proprio così.

Lo stesso espediente viene utilizzato quando il governo statunitense collega inevitabilmente l’apparente declino della pandemia all’uso dei vaccini. Ecco, ad esempio, cosa ha dichiarato il CDC alla CNN poco dopo aver revocato l’obbligo di sottoporre i cittadini statunitensi ai test prima di tornare a casa da viaggi all’estero:

“La pandemia di Covid-19 è ora passata a una nuova fase, grazie all’ampia diffusione di vaccini Covid-19 altamente efficaci, alla disponibilità di terapie efficaci e all’accumulo di alti tassi di immunità indotta da vaccino e infezione a livello di popolazione negli Stati Uniti. Ognuna di queste misure ha contribuito a ridurre il rischio di malattie gravi e di morte negli Stati Uniti”.

Non è un caso che il primo fattore addotto per spiegare l’inizio di giorni più felici, quello che fa da cornice a tutto ciò che segue, sia la “diffusa adozione di vaccini Covid-19 altamente efficaci”.

L’obiettivo in questo caso – come nel caso di Gates a Davos – è quello di preservare, a fronte di un’abbondante evidenza empirica del contrario, la cornice che presenta la somministrazione forzata di vaccini come il grande uccisore della pandemia e il dono delle nostre libertà vinte, e di trasformare questa suggestione in un fatto assodato attraverso una costante ripetizione.

Ma, naturalmente, né l’affermazione di Gates secondo cui i vaccini avrebbero salvato “milioni di vite”, né quella dei CDC secondo cui “l’ampia diffusione dei vaccini” è stata la ragione principale della fine della pandemia sono fatti accertati. Tutt’altro. Infatti, non esistono studi scientifici che io conosca in grado di autenticare nessuna delle due affermazioni. Ma è proprio questo il punto.

Le élite che si degnano di derubarci della nostra sovranità corporea e di molte altre cose in nome della Covid, o di qualsiasi altra “minaccia mortale per la salute” che scelgono di pubblicizzare attraverso il controllo a tappeto della maggior parte dei media, hanno fatto tutti i compiti a casa sul gioco delle cornici e adattano attentamente le loro comunicazioni per adattarsi ai suoi imperativi.

Purtroppo, la maggior parte dei cittadini non è ancora informata su come questo gioco agisce nelle loro vite. Dettagli verbali come quelli sopra citati sono importanti perché giocano un ruolo enorme nello stabilire e mantenere quello che un tempo Chomsky, tristemente appannato, chiamava brillantemente il campo del “pensiero pensabile” nelle nostre discussioni pubbliche.
Per aprire questo campo dobbiamo distruggere i loro schemi. Ma per distruggerli dobbiamo prima ammettere che esistono e dove possiamo trovarli.

Fonte: https://brownstone.org/articles/bill-gates-and-the-frame-game/

Previous articleDA GIGI RIZZI AI MANESKIN. L’INVOLUZIONE DELL’ IDENTITA’ DI GENERE
Next articleEsilio su Main Street: il suono del mondo unipolare che svanisce
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.