Home Economia Bitcoin, potrebbe crollare a 13mila dollari

Bitcoin, potrebbe crollare a 13mila dollari

14
0

Bitcoin, potrebbe crollare a 13mila dollari. Vi proponiamo un articolo tratto da FINANCIALOUNGE.COM, che sembrerebbe confermare quanto finora abbiamo spiegato riguardo al Quantum Financial System e al valore delle cryptocurrency, tra cui il Bitcoin, da molti ritenuto un bene rifugio inattaccabile. Ebbene, proprio questo, come previsto, comincia a dare segni di stanchezza. Secondo le analisi di Ian Harnett, il Bitcoin potrebbe scendere a 13.000 Dollari, perdendo il 40%. L’entrata in vigore del QFS, caratterizzato dalla “supremazia quantistica“, rende obsoleto il vecchio sistema, con tutto ciò che contiene, Bitcoin compreso. Il tempo delle crypto – spesso usate per il pagamento di riscatti o per il traffico di armi e di droga – sta forse per volgere a termine?

Questo strategist vede il Bitcoin scendere fino a 13mila dollari

Il picco di 69mila dollari toccato nel 2021 dal Bitcoin è ormai un lontano ricordo. Oggi la principale criptovaluta scambia intorno ai 20mila dollari, ma guardando alle altre “bolle” delle cripto degli anni passati, potrebbero arrivare ulteriori cali.

BITCOIN ANCORA GIÙ FINO A 13MILA DOLLARI

Secondo Ian Harnett, co-fondatore e CIO di Absolute Strategy Research, il Bitcoin può ancora scendere del 40% fino a 13mila dollari, valore che potrebbe rappresentare un supporto. Intervistato da CNBC, lo strategist ha evidenziato come il valore del Bitcoin, al momento, sia determinato quasi esclusivamente dal fattore liquidità. Se c’è tanta liquidità in giro, una parte di essa viene investita in Bitcoin. Se, come sta succedendo ora, le banche centrali cominciano a togliere liquidità dal mercato, allora la criptovaluta ne paga le conseguenze.

COSA INSEGNANO LE BOLLE PRECEDENTI

Da qui l’atteggiamento ribassista di Harnett, che ha aggiunto alla sua analisi il confronto con le precedenti “crypto bubbles“. In queste situazioni, ha spiegato l’esperto, il Bitcoin tende a scendere dell’80% dai suoi massimi. Nel 2018, per esempio, è sceso a tremila dollari dai ventimila toccati a fine 2017. Per questo motivo, ora, è lecito attendersi un ulteriore calo fino a 13mila dollari.

Bitcoin, potrebbe crollare a 13mila dollari
Bitcoin, potrebbe crollare a 13mila dollari. Rialzo del tasso di interesse di 0,75 da parte della FED (Immagine New York Post)

QUESTIONE DI LIQUIDITÀ (E BANCHE CENTRALI)

In altre parole, se la pressione sui mercati aumenta con l’atteggiamento restrittivo delle banche centrali, gli investitori non esitano a sollevare il piede dall’acceleratore degli investimenti in criptovalute. Il recente rialzo di 75 punti base della Fed, il più grande aumento singolo dal 1994, va in una direzione abbastanza chiara. E il governatore Powell ha più volte detto che si tratta solo dell’inizio di un ciclo di aumenti finalizzato a contrastare l’inflazione. Altre banche centrali, inoltre, hanno iniziato o sono pronte a iniziare manovre restrittive.

Fonte: FINANCIALOUNGE.COM

ACQUISTA QUI LA TUA COPIA

Previous articleLa distopia unipolare di Yuval Harari e la grande partnership eurasiatica: due paradigmi tecnologici si scontrano
Next articleGesù, l’ultimo figlio di Erode il Grande? Parte I
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.