SaluteScienza e Tecnologia

BLACK SEED (SEMI DI CUMINO) – UN RIMEDIO NATURALE UTILIZZATO DA SECOLI

Questo seme umile, ma immensamente potente, uccide l’MRSA, cura il corpo avvelenato dall’arma chimica, stimola la rigenerazione delle cellule beta morenti all’interno del pancreas del diabetico, eppure troppo pochi sanno che esiste.

Ieri abbiamo ricevuto una lettera di uno dei nostri lettori che ha contratto un’infezione da stafilococco  dopo essere stato iniettato con un “vaccino” Pfizer. Come abbiamo notato, le infezioni da stafilococco possono causare diverse malattie infettive in vari tessuti del corpo, ad esempio foruncoli, impetigine, cellulite, sindrome da shock tossico e MRSA.

Lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (“MRSA”) è un tipo di batterio Stafilococco resistente a diversi tipi di antibiotici. I Black seeds – un rimedio naturale da una piccola pianta con fiori viola, blu e bianchi chiamata Nigella sativa – ha attività antibatterica contro gli isolati clinici di MRSA. 

E in vari studi sugli animali, l’applicazione topica di olio di semi neri ha contribuito ad accelerare il processo di guarigione delle ferite. Ma non finisce qui. Come evidenzia l’articolo qui sotto, il seme nero è un rimedio per diverse condizioni.

Quanto segue si riferisce al seme, ma ci sono anche benefici per la salute derivanti dall’uso dell’olio di semi neri. Per scoprire i potenziali benefici per la salute dell’utilizzo dell’olio di semi neri, leggi ” Buono per la tua pelle e altro: 8 benefici dell’olio di semi di cumino nero ” originariamente pubblicato da Natural News .

Fonte dell’articolo: Black Seed – ‘Il rimedio per tutto tranne la morte’ ©2013 GreenMedInfo LLC. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di GreenMedInfo LLC. Se vuoi saperne di più su GreenMedInfo, iscriviti alla newsletter QUI .

Dichiarazione di non responsabilità: questo articolo non ha lo scopo di fornire consulenza medica, diagnosi o trattamento.

Benefici del seme nero

I semi della pianta da fiore annuale,  Nigella Sativa , sono apprezzati per le loro proprietà curative da tempo immemorabile. Sebbene sia spesso indicato tra le culture di lingua inglese come coriandolo romano, sesamo nero, cumino nero e semi di cipolla, oggi è conosciuto principalmente come black seed, che è almeno una descrizione accurata del suo aspetto fisico. La prima testimonianza della sua coltivazione e uso viene dall’antico Egitto.

L’olio di semi neri, infatti, è stato trovato nella tomba del faraone egiziano Tutankhamon, risalente a circa 3.300 anni fa. [i]  Nelle culture arabe, il cumino nero è conosciuto come Habbatul barakah, che significa “seme della benedizione”. Si ritiene inoltre che il profeta islamico Maometto abbia detto che è ” un rimedio per tutte le malattie tranne la morte “.

Benefici del Black Seed

Molti dei benefici per la salute tradizionalmente attribuiti al cumino nero sono stati completamente confermati nella letteratura biomedica. Infatti, dal 1964, sono stati  pubblicati 656 studi peer-reviewed che fanno riferimento ad esso .

GreenMedInfo ha indicizzato ricerche salienti, disponibili per la visualizzazione sulla loro  pagina Black Seed  ( Nigella Sativa ), su oltre 40 condizioni di salute che possono trarre beneficio dall’uso dell’erba, comprese oltre 20 distinte azioni farmacologiche che esprime, come:

  • Analgesico (uccisione del dolore)
  • Antibatterico
  • Antinfiammatorio
  • Anti-ulcera
  • Anti-colinergico
  • Antimicotico
  • Anti-ipertensivo
  • Antiossidante
  • Antispasmodico
  • Antivirale
  • Broncodilatatore
  • Inibitore della gluconeogenesi (antidiabetico)
  • Epatoprotettivo (protettivo del fegato)
  • Ipotensivo
  • Sensibilizzante all’insulina
  • Induttore di interferone
  • Antagonista dei leucotrieni
  • Renoprotettivo (protettivo del rene)
  • Fattore di necrosi tumorale inibitore alfa

Queste 30 azioni farmacologiche sono solo un sottoinsieme di un numero molto più ampio di proprietà benefiche intrinseche al seme nero. Sebbene sia notevole che questo seme abbia la capacità di modulare positivamente così tanti diversi percorsi biologici, questo è in realtà un evento piuttosto comune tra i medicinali vegetali tradizionali.

Il seme nero è stato studiato per condizioni di salute molto specifiche. Alcune delle applicazioni più interessanti includono:

  • Diabete di tipo 2:  due grammi di semi neri al giorno hanno comportato una riduzione della glicemia a digiuno, una diminuzione della resistenza all’insulina, un aumento della funzione delle cellule beta e una riduzione dell’emoglobina glicosilata (HbA1c) nei soggetti umani. [ii]
  • Infezione da Helicobacter Pylori:  i semi neri possiedono un anti-H clinicamente utile. pylori, paragonabile alla terapia di tripla eradicazione. [iii]
  • Epilessia:  i semi neri erano tradizionalmente noti per avere proprietà anticonvulsive. Uno studio del 2007 su bambini epilettici, le cui condizioni erano refrattarie al trattamento farmacologico convenzionale, ha scoperto che un estratto di acqua riduceva significativamente l’attività convulsiva. [iv]
  • Alta pressione sanguigna:  l’uso quotidiano di 100 e 200 mg di estratto di semi neri, due volte al giorno, per 2 mesi, ha dimostrato di avere un effetto ipotensivo nei pazienti con ipertensione lieve. [v]
  • Asma:  il timochinone, uno dei principali costituenti attivi della Nigella sativa (cumino nero), è superiore al farmaco fluticasone in un modello animale di asma. [vi]  Un altro studio, questa volta su soggetti umani, ha scoperto che estratti di acqua bollita di semi neri hanno un effetto antiasmatico relativamente potente sulle vie aeree asmatiche. [vii]
  • Tonsillofaringite acuta:  caratterizzata da infiammazione tonsillare o faringea (es. soggetti. [viii]
  • Lesioni da armi chimiche:  uno studio umano randomizzato e controllato con placebo su pazienti feriti da armi chimiche ha rilevato che estratti di acqua bollita di semi neri riducono i sintomi respiratori, il respiro sibilante al torace e i valori dei test di funzionalità polmonare, oltre a ridurre la necessità di un trattamento farmacologico. [ix]
  • Cancro al colon:  studi cellulari hanno scoperto che l’estratto di semi neri si confronta favorevolmente con l’agente chemio 5-fluorouracile nella soppressione della crescita del cancro del colon, ma con un profilo di sicurezza molto più elevato. [x]  La ricerca sugli animali ha scoperto che l’olio di semi neri ha effetti inibitori significativi contro il cancro del colon nei ratti, senza effetti collaterali osservabili. [xi]
  • MRSA:  il seme nero ha attività antibatterica contro gli isolati clinici di Staphylococcus aureus resistente alla meticillina . [xii]
  • Dipendenza/astinenza da oppiacei:  uno studio su 35 tossicodipendenti da oppiacei ha scoperto che i semi neri rappresentano una terapia efficace nel trattamento a lungo termine della dipendenza da oppiacei. [xiii]

A volte viene in mente il riferimento biblico alla “fede grande quanto un seme di senape che muove montagne” in relazione a sostanze naturali come i semi neri. Dopo tutto, i semi non contengono in sé la stessa speranza di sopravvivenza dell’intera specie che li ha generati? Questo stato super saturo del seme, in cui la vita si condensa in un frammento olografico intensamente miniaturizzato di se stessa, promettendo la formazione di mondi futuri al suo interno, è l’emblema stesso dell’immenso e immortale potere della vita. 

Se comprendiamo la vera natura del seme, quanta vita (passata, presente e futura) è racchiusa al suo interno, non sembrerà così inverosimile che sia in grado di conquistare batteri resistenti agli antibiotici, guarire il corpo dall’avvelenamento da armi chimiche, o stimolare la rigenerazione delle cellule beta morenti che producono insulina nel diabetico, per citare solo una frazione dei poteri sperimentalmente confermati del seme nero.

Spostare la montagna di inerzia e falsità associata al concetto convenzionale di malattia è un compito adatto ai semi e non alle sostanze chimiche. La più grande differenza, ovviamente, tra un seme e una sostanza chimica sintetica brevettata (cioè, un farmaco farmaceutico), è che la natura (Dio) ha creato il primo, e gli uomini con motivi di profitto e una comprensione squilibrata della natura del corpo hanno creato il secondo .

Senza dubbio è giunto il momento che cibo, semi, erbe, piante, luce solare, aria, acqua pulita e sì, amore, assumano ancora una volta il loro posto centrale nella medicina, vale a dire, l’arte e la scienza di facilitare autoguarigione all’interno del corpo umano. In caso contrario, il sistema medico convenzionale crollerà sotto il peso crescente della propria corruzione, inettitudine e sofferenza iatrogena (e conseguente responsabilità finanziaria) che provoca. Nella misura in cui si riforma, utilizzando composti naturali non brevettati e non brevettabili con effettive proprietà curative, un futuro più luminoso attende all’orizzonte. Nella misura in cui fallisce, le persone impareranno a riprendere il controllo sulla propria salute, motivo per cui i semi neri e altri  medicinali alimentari sono la chiave per l’auto-potenziamento.

Riferimenti

  • [i] Addomesticamento delle piante nel Vecchio Mondo (3 ed.). La stampa dell’università di Oxford. 2000. pag. 206. ISBN 0-19-850356-3.
  • [ii] Abdullah O Bamosa, Huda Kaatabi, Fatma M Lebdaa, Abdul-Muhssen Al Elq, Ali Al-Sultanb. Effetto dei semi di Nigella sativa sul controllo glicemico di pazienti con diabete mellito di tipo 2. Indian J Physiol Pharmacol. 2010 ottobre-dicembre;54(4):344-54. PMID: 21675032
  • [iii] Eyad M Salem, Talay Yar, Abdullah O Bamosa, Abdulaziz Al-Quorain, Mohamed I Yasawy, Raed M Alsulaiman, Muhammad A Randhawa. Studio comparativo di Nigella Sativa e tripla terapia nell’eradicazione dell’Helicobacter Pylori in pazienti con dispepsia non ulcerosa. Saudi J Gastroenterol. 2010 luglio-settembre;16(3):207-14. PMID: 20616418
  • [iv] Javad Akhondian, Ali Parsa, Hassan Rakhshande. L’effetto della Nigella sativa L. (seme di cumino nero) sulle crisi epilettiche pediatriche intrattabili. Med Sci Monit. 2007 dicembre;13(12):CR555-9. PMID: 18049435
  • [v] Farshad Roghani Dehkordi, Amir Farhad Kamkhah. Effetto antipertensivo dell’estratto di semi di Nigella sativa in pazienti con lieve ipertensione. Braz J Med Biol Res. 2006 aprile;39(4):421-9. Epub 2006 aprile 3. PMID: 18705755
  • [vi] Rana Keyhanmanesh, Mohammad Hossein Boskabady, Mohammad Javad Eslamizadeh, Saeed Khamneh, Mohammad Ali Ebrahimi. L’effetto del timochinone, il principale costituente della Nigella sativa sulla reattività tracheale e sulla conta dei globuli bianchi nel lavaggio polmonare di cavie sensibilizzate. J Etnofarmaco. 29 ottobre 2009;126(1):102-7. Epub 2009 8 agosto. PMID: 19711253
  • [vii] MH Boskabady, N Mohsenpoor, L Takaloo. Effetto antiasmatico di Nigella sativa nelle vie aeree di pazienti asmatici. Fitomedicina. 8 febbraio 2010. Epub 8 febbraio 2010. PMID: 20149611
  • [viii] M Dirjomuljono, I Kristyono, R Kristyn Tjandrawinata, D Nofiarny. Trattamento sintomatico di pazienti con tonsillo-faringite acuta con una combinazione di Nigella sativa ed estratto di Phyllanthus niruri. Int J Clin Pharmacol Ther. 2008 giu;46(6):295-306. PMID: 18541126
  • [ix] Mohammad H Boskabady, Javad Farhadi. Il possibile effetto profilattico dell’estratto acquoso di semi di Nigella sativa sui sintomi respiratori e sui test di funzionalità polmonare sulle vittime di guerre chimiche: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. J complemento alternativo Med. 2008 nov;14(9):1137-44. PMID: 18991514
  • [x] Elsayed I Salim, Shoji Fukushima. Potenziale chemiopreventivo dell’olio volatile da semi di cumino nero (Nigella sativa L.) contro la cancerogenesi del colon di ratto. Nutr Cancro. 2003;45(2):195-202. PMID: 12881014
  • [xi] Elsayed I Salim, Shoji Fukushima. Potenziale chemiopreventivo dell’olio volatile da semi di cumino nero (Nigella sativa L.) contro la cancerogenesi del colon di ratto. Nutr Cancro. 2003;45(2):195-202. PMID: 12881014
  • [xii] Abdul Hannan, Sidrah Saleem, Saadia Chaudhary, Muhammad Barkaat, Muhammad Usman Arshad. Attività antibatterica di Nigella sativa contro isolati clinici di Staphylococcus aureus resistente alla meticillina. J Ayub Med Coll Abbottabad. 2008 luglio-settembre;20(3):72-4. PMID: 19610522
  • [xiii] Sibghatullah Sangi, Shahida P Ahmed, Muhammad Aslam Channa, Muhammad Ashfaq, Shah Murad Mastoi. Un nuovo e nuovo trattamento della dipendenza da oppiacei: Nigella sativa 500 mg. J Ayub Med Coll Abbottabad. 2008 aprile-giugno;20(2):118-24. PMID: 19385474

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!