Analisi Geo-Politiche non convenzionaliEight O’Clock in the MorningIntel

Briefing del capo delle truppe di protezione RCB delle forze armate russe, il generale Igor Kirillov

Il briefing si è svolto il 3 settembre 2022. Traduzione in Italiano

La prossima settimana si terrà una riunione degli Stati parti della Convenzione sulle armi biologiche e tossiche su iniziativa della Federazione Russa sulla questione del mancato rispetto da parte degli Stati Uniti e dell’Ucraina degli obblighi derivanti dal trattato internazionale. Nel corso dell’evento saranno presentate prove documentali delle loro violazioni degli articoli I e IV della Convenzione.

Vogliamo che le organizzazioni responsabili del rispetto della Convenzione e la comunità mondiale prestino attenzione a una serie di minacce biologiche.

In primo luogo , ci sono attualmente più di 50 biolaboratori modernizzati a spese del Pentagono e da esso controllati in prossimità dei confini della Federazione Russa. In totale, secondo il ministero degli Esteri cinese, 336 laboratori biologici in 30 paesi del mondo sono sotto il controllo del dipartimento militare statunitense.

Inoltre, le loro attività sono accompagnate da un deterioramento della situazione epidemica per infezioni particolarmente pericolose ed economicamente significative, nonché dall’emergere di malattie infettive atipiche per una determinata regione.

Quindi, dal 2010, la Federazione Russa ha registrato un aumento dell’incidenza di brucellosi, febbre del Congo-Crimea, febbre del Nilo occidentale, peste suina africana, nonché un’espansione insolita degli habitat dei portatori nei territori al confine con l’Ucraina.

La Federazione Russa, in quanto parte responsabile della Convenzione sulla proibizione delle armi biologiche e tossiche (BTWC), è pienamente consapevole dell’intera gamma di minacce associate alle possibili conseguenze della sua violazione durante il lavoro nei laboratori biologici ucraini.

Siamo venuti a conoscenza di informazioni sulla ricerca biologica finanziata dagli Stati Uniti sul territorio dell’Ucraina. L’ordinanza del Ministero della Salute dell’Ucraina del 24 febbraio 2022 sulla distruzione di emergenza di raccolte di microrganismi patogeni ha aumentato le nostre preoccupazioni per una possibile violazione dei requisiti degli articoli I e IV della BTWC nel corso dei lavori commissionati dal Pentagono . I materiali ottenuti sono serviti come base per la Federazione Russa per indagare sulle attività biologiche degli Stati Uniti sul territorio dell’Ucraina.

La ricerca nei laboratori biologici ucraini è stata condotta in conformità con l’accordo “Sulla cooperazione nella prevenzione della diffusione di agenti patogeni, tecnologie e conoscenze che possono essere utilizzate nello sviluppo di armi biologiche” del 2005 tra il Dipartimento militare degli Stati Uniti e il Ministero della salute di Ucraina.

La spesa totale degli Stati Uniti per i programmi biologici in Ucraina ha superato i 250 milioni di dollari.

Il lavoro è stato coordinato dal Dipartimento per la riduzione delle minacce del Dipartimento della difesa degli Stati Uniti (DITRA), la ricerca è stata condotta in segreto con accesso limitato alle informazioni e ai locali degli specialisti ucraini.

Attualmente si assiste a un cambiamento nella tattica dell’amministrazione americana nel tentativo di mettere fuori pericolo il suddetto dipartimento, le cui attività sono diventate oggetto di procedimenti internazionali. Quindi, secondo le informazioni disponibili, le funzioni del cliente dei programmi biologici militari nella regione dell’Asia centrale sono state trasferite a organizzazioni civili specializzate, il cui lavoro sarà sotto il controllo del servizio della Marina degli Stati Uniti, che è la struttura più chiusa.

Inoltre, il Pentagono intende trasferire quanto prima i programmi incompiuti in Ucraina ad altri paesi post-sovietici, nonché agli stati dell’Europa orientale (come Bulgaria, Repubblica Ceca) e stati baltici.

Approfondimento: Gli Stati Uniti spostano i programmi di armi biologiche incompiuti dall’Ucraina all’Europa

L’espansione della rete di laboratori biologici, sulla base della quale è possibile creare e immagazzinare componenti di armi biologiche, rappresenta una minaccia per la sicurezza militare della Federazione Russa. A differenza delle armi nucleari, che gli Stati Uniti collocano sul territorio dei paesi partner della NATO, una tale politica dell’Alleanza in ambito biologico le consente di avvicinarsi in modo incontrollabile ai nostri confini. Questa è la prima cosa su cui vorremmo concentrarci.

In secondo luogo , la direzione del lavoro svolto dal Pentagono non corrisponde agli attuali problemi sanitari dell’Ucraina, i principali sono le malattie socialmente significative: morbillo, rosolia, tubercolosi, AIDS.

In particolare, i mecenati americani sono interessati a una nomenclatura completamente diversa, vale a dire: colera, tularemia, peste, febbre del Congo-Crimea, hantavirus. Questi agenti patogeni sono stati studiati nell’ambito dei cosiddetti progetti ucraini “Yu-Pi” e “Tep”. L’interesse dei biologi militari statunitensi è dovuto al fatto che questi agenti patogeni hanno focolai naturali sia sul territorio dell’Ucraina che in Russia e il loro uso può essere mascherato da focolai naturali di malattie.

Le attività dei laboratori biologici e il programma della cosiddetta “riforma” del sistema sanitario ucraino attuato dagli Stati Uniti hanno portato ad un aumento incontrollato dell’incidenza di infezioni particolarmente pericolose ed economicamente significative. Sul territorio dell’Ucraina si registra un aumento del numero di casi di rosolia, difterite, tubercolosi. L’incidenza del morbillo è aumentata di oltre 100 volte. La situazione con la peste suina africana è notevolmente peggiorata, le perdite totali dell’industria agricola nei paesi dell’Europa orientale a causa di questa malattia superano i 2,4 miliardi di euro.

Nell’ambito della lotta alle malattie infettive dichiarata dal dipartimento militare statunitense in Ucraina e della garanzia del benessere sanitario ed epidemico, non viene fornita assistenza umanitaria, non vengono effettuate vaccinazioni della popolazione e cure dei malati.

Inoltre, il volume delle attività di vaccinazione contro morbillo e rosolia è diminuito del 70% rispetto al 2008. Ciò solleva la questione dei veri obiettivi della ricerca.

Terzo . Abbiamo più volte sottolineato che uno dei compiti prioritari dei laboratori ucraini è raccogliere e inviare negli Stati Uniti ceppi di agenti patogeni di pericolose malattie infettive – colera, antrace, tularemia. Allo stesso tempo, il movimento di agenti patogeni non è stato controllato nell’ambito dell’OMS, della BTWC o di altre istituzioni internazionali.

Approfondimento: Biolab, Il governo ucraino a Kiev tentò di infettare i residenti della regione di Luhansk con un ceppo altamente patogeno di tubercolosi

In conformità con l’atto di controllo della raccolta di ceppi di microrganismi presso l’Istituto anti-peste di ricerca scientifica Mechnikov di Odessa, sono stati conservati 654 contenitori con l’agente eziologico dell’antrace, 422 contenitori con l’agente eziologico del colera. Il documento rileva che non è necessario conservare un gran numero di provette con gli stessi timbri. Allo stesso tempo, la nomenclatura e il numero accumulato di agenti patogeni pericolosi mettono in discussione il carattere preventivo, protettivo o altro pacifico delle attività svolte.

Secondo la testimonianza di uno dei dipendenti, la collezione dell’Odessa Institute è stata esportata negli USA nel febbraio 2022. Tenendo conto del fatto che 46 laboratori hanno partecipato al programma americano, il numero totale di ceppi esportati potrebbe essere superiore a dieci mille.

I documenti disponibili confermano numerosi casi di trasferimento all’estero dall’Ucraina di campioni di tessuto umano e siero, nonché di agenti patogeni pericolosi e loro vettori. Gli Stati Uniti e i loro alleati sono riusciti a esportare almeno 16mila biotest al di fuori dell’Ucraina, il che ha creato rischi di trasferimento di informazioni genetiche sensibili all’estero, nonché minacce alla sicurezza biologica non solo per l’Ucraina, ma anche per tutte quelle regioni in cui i campioni sono stati trasferiti.

In quarto luogo , secondo i documenti disponibili, nell’ambito del progetto Yu-Pi 8, sono stati prelevati campioni di sangue da quattromila militari a Lvov, Kharkov, Odessa e Kiev per anticorpi contro gli hantavirus, da quattrocento per la presenza di anticorpi contro il virus della febbre del Congo-Crimea. Un tale screening immunitario su larga scala potrebbe essere effettuato per valutare la suscettibilità della popolazione della regione a determinati agenti biologici.

Leggi anche: I RAPPORTI DI BILL GATES IN CINA, 23andMe e IL TUO DNA

Si richiama l’attenzione sulla decisione firmata dal capo del Comitato etico del Centro per la salute pubblica dell’Ucraina il 12 giugno 2019 nell’ambito di questo progetto. Il documento testimonia lo svolgimento di ricerche con un rischio sconosciuto per la vita e la salute dei partecipanti, nonché l’occultamento dell’identità dei soggetti. Il programma di ricerca di questo progetto presuppone solo una procedura standard per il prelievo di sangue. Occorre pensare a quali conseguenze per la vita dei test di cui stiamo parlando, se il documento lo prescrive, cito: “…gli incidenti minori con i volontari devono essere segnalati al Comitato di Bioetica degli Stati Uniti 72 ore dopo l’incidente, e quelli gravi, compresa la morte dei soggetti – entro 24 ore…”?

Non escludiamo che il programma di ricerca ufficiale sia solo una “parte visibile dell’iceberg”, mentre in pratica i volontari sono stati contagiati dal virus della febbre Congo-Crimea, dagli hantavirus e dall’agente eziologico della leptospirosi.

Approfondimenti: INCHIESTA | documenti espongono esperimenti biologici statunitensi sui soldati alleati in Ucraina e Georgia

I fatti dei test su personale militare e categorie socialmente vulnerabili di cittadini ucraini sono confermati dalla testimonianza di testimoni oculari intervistati nell’ambito dell’indagine parlamentare condotta nella Federazione Russa.

Quinto . Ci sono informazioni sullo sviluppo e la brevettazione negli Stati Uniti di mezzi tecnici di consegna e uso di armi biologiche basate su UAV. Pertanto, la US Patent and Trademark Agency ha emesso il documento n. 8 967 029 per un veicolo aereo senza pilota per la diffusione di insetti infetti nell’aria. La descrizione del brevetto afferma che con l’aiuto di questo dispositivo, le truppe nemiche possono essere distrutte o disabilitate senza rischi per il personale militare statunitense.

Come sapete, secondo la legge americana, un brevetto negli Stati Uniti non può essere concesso in assenza di un vero e proprio dispositivo. Pertanto, si può concludere che il contenitore come mezzo per fornire agenti biologici è stato sviluppato e prodotto.

Tenendo conto dello sviluppo negli Stati Uniti dei mezzi tecnici di consegna e dell’uso di armi biologiche, l’interesse dell’Ucraina nella fornitura di velivoli senza pilota è particolarmente preoccupante.

Abbiamo a nostra disposizione la conferma della richiesta dell’Ucraina al produttore turco di velivoli senza pilota “Bayraktar” del 15 dicembre 2021 sulla possibilità di dotare questo UAV di sistemi e meccanismi per spruzzare aerosol con una capacità superiore a 20 litri.

Con un raggio di volo UAV fino a 300 km e dotato di formulazioni biologiche, viene creata una vera minaccia di uso su larga scala di armi biologiche sul territorio della Federazione Russa.

A questo proposito, sorge la domanda: per quale scopo gli Stati Uniti hanno sviluppato e brevettato mezzi tecnici di consegna di armi biologiche e qual è il motivo dell’interesse dell’Ucraina ad acquisire tali mezzi tecnici?

E di particolare preoccupazione, insieme alla supervisione della ricerca biologica da parte del Pentagono, è il fatto che dal 2001 gli Stati Uniti hanno bloccato qualsiasi iniziativa internazionale per verificare la BTWC. Ciò elimina la possibilità di ispezionare le attività dei laboratori sia negli Stati Uniti che al di fuori della sua giurisdizione nazionale.

Dal 2016, dall’inizio dell’attuazione dei progetti Yu-Pi ucraini, gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno deliberatamente taciuto su di loro nella relazione annuale sull’attuazione della Convenzione nell’ambito delle misure di rafforzamento della fiducia, nonostante il loro evidente carattere militare -orientamento biologico. I documenti non riflettono il finanziamento dei laboratori ucraini da parte del dipartimento militare statunitense. Tale segretezza, così come la segretezza delle informazioni sensibili, è un altro motivo per pensare ai veri obiettivi del Pentagono.

La Federazione Russa si è costantemente impegnata per stabilire un meccanismo giuridicamente vincolante per la verifica della BTWC.

Le misure proposte da diversi paesi per rafforzare la Convenzione, in particolare l’iniziativa della Francia sulle visite volontarie ai laboratori biologici, sebbene interessanti, non forniscono un monitoraggio completo delle loro attività.

La mancanza di procedure di verifica chiare, nonché di liste di controllo di microrganismi e tossine, consente ai paesi occidentali, in testa agli Stati Uniti, di interpretare soggettivamente le disposizioni della BTWC. Vorrei ricordarvi che l’Occidente collettivo ignora il cosiddetto “principio dei dieci punti”. Secondo tale principio, la decisione dovrebbe essere presa tenendo conto di un punto di vista alternativo, anche se espresso da un solo Stato.

Un buon esempio è il sito dell’OPCW (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche), dove la decisione di concedere poteri di attribuzione all’organizzazione è stata presa su richiesta degli Stati Uniti, contrariamente all’opinione della maggior parte dei paesi. Tale meccanismo ti consente di “fabbricare” le prove necessarie e nominare gli autori a tua discrezione, il che è già stato più volte implementato durante le indagini sugli incidenti chimici in Siria.

Riteniamo che sia necessario rivedere gli approcci al processo decisionale nelle indagini sugli incidenti chimici e biologici presso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Dopo le promesse non mantenute dell’Occidente collettivo sulla non proliferazione della NATO a est, non abbiamo il diritto di credere alla parola delle assicurazioni statunitensi sulla natura pacifica della ricerca biologica condotta dal Pentagono.

La Federazione Russa si è rivolta più volte agli Stati Uniti e all’Ucraina su varie piattaforme internazionali con la richiesta di chiarire le seguenti questioni: perché i lavori sono stati eseguiti appositamente per ordine del Pentagono e il loro oggetto non corrispondeva agli attuali problemi di salute dell’Ucraina?; cosa hanno nascosto gli americani quando hanno svolto lavori in condizioni di segretezza e accesso limitato di specialisti ucraini alle informazioni e ai locali?; perché ceppi di microrganismi patogeni – potenziali agenti di armi biologiche e biomateriali di cittadini ucraini sono stati esportati dal territorio dell’Ucraina senza un chiaro scopo dichiarato?; perché i fatti della cooperazione in ambito militare-biologico sono stati taciuti nella cronaca internazionale attraverso la BTWC, e gli Stati Uniti bloccano lo sviluppo del proprio meccanismo di verifica dal 2001?; perché i funzionari statunitensi, compreso il vicesegretario di Stato Victoria Nuland, sono così preoccupati per la possibilità di trasferire i risultati delle attività del Dipartimento della Difesa statunitense in Ucraina ei materiali nei laboratori biologici sotto il controllo di specialisti russi?

Abbiamo espresso solo una parte delle questioni che ci causano estrema preoccupazione.

Nel frattempo, vorremmo rispondere alla domanda perché la ricerca è stata condotta noi stessi al di fuori del territorio nazionale.

In una nota preparata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per dissipare le preoccupazioni russe sollevate il 12 ottobre 2018 in merito al rispetto da parte degli Stati Uniti della BTWC, Washington sottolinea il rigoroso rispetto delle disposizioni della suddetta Convenzione, offrendo ancora una volta di prenderla “a la sua parola”.

Inoltre, questa nota si riferisce alla “nobile tradizione di partecipazione degli scienziati militari degli Stati Uniti alla ricerca sulla salute pubblica, che dura da più di 100 anni”. Esempi di tale “partecipazione” ci sono ben noti: Vietnam e Cuba.

Vorrei concentrare separatamente l’attenzione su un altro documento  che abbiamo a nostra disposizione riguardante la sperimentazione di un vaccino contro la tularemia sviluppato dal Walter Reed Research Institute of Infectious Diseases dell’esercito americano sui militari statunitensi nel 2004. Durante le prove, che hanno coinvolto 1064 persone, complicazioni sono state registrate in 468 casi.

Questo spiega per molti versi il fatto che tali studi ad alto rischio siano stati trasferiti al di fuori del territorio nazionale. Lo dimostra l’accordo firmato il 29 agosto 2005, un anno dopo questi studi, tra il Ministero della Salute dell’Ucraina e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Attualmente si assiste alla comparsa di pubblicazioni sulla stampa estera con la reazione nervosa di Washington a documenti estremamente delicati diffusi dal Ministero della Difesa. I giornalisti osservano che le agenzie di intelligence americane stanno adottando misure senza precedenti in modo che la parte russa non abbia potenziali testimoni vicini all’attuazione dei progetti biologico-militare chiusi del Pentagono in Ucraina.

Tali preoccupazioni della Casa Bianca ci confermano ancora una volta la natura minacciosa del programma biologico militare statunitense mascherato da proposte pacifiche, sia per la Russia che per l’intera comunità mondiale.

I nostri articoli sui Biolab in Ucraina (Clicca Qui)

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!