Deep StateIntel

BUCHA, LE IMMAGINI SATELLITARI UTILIZZATE DAL NYT COME PROVA DEL MASSACRO RUSSO PROVANO ESATTAMENTE IL CONTRARIO

Il nocciolo della questione è che l’esercito russo è stato accusato del massacro di metà marzo, ma la maggior parte dei civili è stata uccisa dopo che le truppe si sono ritirate da Bucha.
Non ci sentiamo, per rispetto ai numerosi morti e alla sensibilità dei lettori di pubblicare le innumerevoli prove video e audio raccolte e ci limitiamo a pubblicare, in questo caso, valutazioniazioni prettamente tecniche.

Altre prove in questi articoli:
FALSE FLAG A BUCHA, CRIMINI DELL’ESERCITO UCRAINO PER IL MAINSTREAM OCCIDENTALE | RIVELATO ATTACCO PER PROPAGANDA CONTRO LA RUSSIA (FOTO, VIDEO)
L’AMBASCIATORE RUSSO ANTONOV SVELA IL COMPLOTTO SUI MORTI A BUCHA
ESCLUSIVO | MI6 E FORZE SPECIALI BRITANNICHE IN UCRAINA DIETRO LA MACCHINAZIONE DI BUCHA.

A quel tempo, Maxar Technologies ha fornito immagini come prova del massacro. Maxar Technologies ha diversi satelliti (modelli WorldView-1 32060, WorldView-2 35946, WorldView-3 40115, GeoEye-1 33331). In tutto si stavano muovendo tre satelliti. I satelliti hanno iniziato a muoversi il 19 marzo, ma nessuno di loro aveva una traiettoria su Bucha (guarda il video qui sotto). Quindi possiamo concludere che non è impossibile che questi abbiano fornito informazioni su Bucha.

Tutti ricordano bene che i media mainstream e i governi hanno fornito prove e immagini satellitari. La domanda sorge spontanea: quando sono state presi? Il New York Times ha pubblicato immagini di persone morte. Le immagini mostrano le conseguenze dell’alluvione ( avvenuta dal 31 marzo al 1 aprile). Basterebbe anche guardare la posizione delle ombre (rispetto al 19 marzo e al 28 febbraio). Le ombre e il tempo corrispondono, solo la foto del 19 marzo non è stata scattata il 19 marzo ma è stata scattata il 1 aprile. Inoltre, utilizzando il programma SunCalc, gli specialisti hanno confrontato gli angoli della declinazione del Sole sull’orizzonte e anche quella corrisponde. Lo studio è stato condotto da un team di specialisti OSINT e GEOINT. Gli specialisti hanno concluso che l’immagine non è stata scattata il 19 marzo, ma il 1 aprile alle 11:57 GMT.

 Se passiamo  all’articolo del New York Times  , possiamo notare che le prime foto di Bucha sono state scattate tra il 9 e l’11 marzo. A quel tempo, il territorio era sotto il controllo dell’AFU. Si afferma inoltre che i russi hanno preso la città l’11 marzo. Tuttavia, secondo  il rapporto dell’Institute of War , i russi non controllavano il sud della città dal 9 all’11 marzo. Va richiamata anche  la dichiarazione del generale ucraino Staff   su Facebook il 10 marzo, che recita «il nemico sta cercando di sfondare le difese dei difensori ucraini nelle aree di Poliske, Kukhari, Zhovtneve, Andriyivka, Kopyliv, Motyzhyn, Buzova, Horenychi, Bucha, Demydiv e blocca Kiev». A seguire, l’Institute of War, nel suo  post su Facebook dell’11 marzo, afferma che tutti i tentativi dell’esercito russo di prendere Bucha sono falliti.

Mettendo insieme la prima e la seconda parte del puzzle, emerge un quadro in cui le truppe russe non hanno commesso gli atti loro attribuiti. La questione della fiducia da una parte o dall’altra rimane aperta e una questione personale per tutti.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!