Database Italia

Bufera sullo studio che ha convinto l’OMS a fermare i test sull’idrossiclorochina. I dati falsati nella migliore delle ipotesi.

Francia e Italia decidono di sospendere l’uso della idrossiclorochina, il farmaco antimalarico raccomandato da Trump e da altri leader mondiali per sconfiggere il Covid-19, perchè metterebbe a rischio la salute.

Di Davide Donateo

Ma quali sono gli studi a monte di queste scelte? In questo caso parte tutto da uno studio pubblicato su “The Lancet” storica rivista scientifica.

I ricercatori australiani sulle malattie infettive hanno sollevato dubbi in merito a uno studio pubblicato su Lancet che ha spinto l’Organizzazione mondiale della sanità a sospendere gli studi globali sull’idrossiclorochina per il trattamento di Covid-19.

Lo studio pubblicato venerdì ha rilevato che i pazienti Covid-19 che hanno ricevuto il farmaco per la malaria stavano morendo a tassi più elevati e sperimentando più complicazioni cardiache rispetto ad altri pazienti positivi al virus. Il grande studio osservazionale ha analizzato i dati di quasi 15.000 pazienti con Covid-19 che hanno ricevuto il farmaco da solo o in combinazione con antibiotici, confrontando questi dati con quelli di 81.000 individui che non hanno ricevuto il farmaco.

I risultati hanno spinto i ricercatori di tutto il mondo a rivalutare i propri studi clinici sul farmaco per prevenire e curare Covid-19. L’Organizzazione mondiale della sanità ha interrotto tutti i gli studi riguardanti l’idrossiclorochina a causa delle preoccupazioni sollevate sulla sua efficacia e sicurezza. Una volta era considerato uno dei medicinali più promettenti per il trattamento del virus, anche se fino ad oggi nessuno studio lo aveva confermato. Il Dipartimento della Salute australiano, nel frattempo, ha accumulato milioni di dosi del farmaco nel caso in cui gli studi clinici lo avessero dimostrato utile.

Lo studio, condotto dal Brigham and Women’s Hospital Center for Advanced Heart Disease di Boston, ha esaminato i pazienti negli ospedali di tutto il mondo, incluso in Australia sostenendo che i ricercatori hanno ottenuto l’accesso ai dati di cinque ospedali che hanno registrato 600 pazienti australiani Covid-19 e 73 decessi australiani al 21 aprile.

Ma i dati della Johns Hopkins University mostrano che solo 67 morti per Covid-19 erano stati registrati in Australia entro il 21 aprile. Il numero non è salito a 73 fino al 23 aprile. I dati su cui i ricercatori hanno fatto affidamento per trarre le loro conclusioni su Lancet non sono prontamente disponibili nei database clinici australiani, portando molti a chiedersi da dove provengano.

Il dipartimento sanitario federale ha confermato al Guardian Australia che i dati raccolti sulle notifiche di Covid-19 nel Sistema nazionale di sorveglianza delle malattie soggette a notifica non erano collegate allo studio in questione.

Guardian Australia ha anche contattato i dipartimenti sanitari dei due stati più popolosi dell’Australia, il Nuovo Galles del Sud e il Victoria, che hanno avuto di gran lunga il maggior numero di infezioni Covid-19 tra di loro. Delle morti australiane riportate entro il 21 aprile, 14 erano nel Victoria e 26 nel Nuovo Galles del Sud.

Il dipartimento di Victoria ha confermato che i risultati dello studio relativi ai dati australiani non conciliano con i dati del coronavirus dello stato, inclusi i ricoveri e le morti in ospedale. Il Dipartimento della Sanità del NSW ha anche confermato di non aver fornito ai ricercatori i dati dei suoi database.

The Lancet ha dichiarato a Guardian Australia: “Abbiamo chiesto chiarimenti agli autori, sappiamo che stanno indagando con urgenza e attendiamo la loro risposta”. L’autore principale dello studio, il dott. Mandeep Mehra, ha dichiarato di aver contattato Surgisphere, la società che ha fornito i dati, per conciliare le discrepanze con “la massima urgenza”. Surgisphere è descritta come una società di analisi dei dati sanitari e di educazione medica.

In una dichiarazione, il fondatore di Surgisphere, il dott. Sapan Desai, anch’egli autore del documento Lancet, ha affermato che un ospedale asiatico è stato accidentalmente incluso nei dati australiani.


“Abbiamo esaminato il nostro database Surgisphere e scoperto che un nuovo ospedale è entrato a far parte del registro il 1 ° aprile e si è auto designato come appartenente alla denominazione continentale dell’Australasia”, ha detto il portavoce. “Nel rivedere i dati di ciascuno degli ospedali nel registro, abbiamo notato che questo ospedale aveva una composizione quasi del 100% di razza asiatica e un uso relativamente elevato di clorochina rispetto al non utilizzo in Australia. Questo ospedale avrebbe dovuto essere assegnato più appropriatamente alla designazione continentale asiatica ”.

Secondo lo studioso, l’errore non ha cambiato i risultati generali dello studio. Significava che i dati australiani nel documento sarebbero stati rivisti in quattro ospedali e 63 morti.

Il dott. Allen Cheng, epidemiologo e medico delle malattie infettive con Alfred Health a Melbourne, ha affermato che gli ospedali australiani coinvolti nello studio dovrebbero essere nominati. Sostiene di non aver mai sentito parlare di Surgisphere e che nessuno dei suoi pazienti, aveva fornito dati a Surgisphere.

“Di solito per presentare a un database come Surgisphere è necessaria l’approvazione etica e qualcuno dell’ospedale sarà coinvolto in quel processo per portarlo in un database”, ha detto. Ha detto che il set di dati dovrebbe essere reso pubblico, o almeno aperto a un revisore statistico indipendente.

Se hanno fatto questo errore condizionando le scelte di alcuni paesi come Italia e Francia, cosa altro potrebbero sbagliare?

Fonti:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.