Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali Bye Bye Kiev, ciao Costa Azzurra: mentre gli occidentali inviano aiuti, ecco...

Bye Bye Kiev, ciao Costa Azzurra: mentre gli occidentali inviano aiuti, ecco come le élite corrotte dell’Ucraina traggono profitto dal conflitto

0

Dall’inizio dell’offensiva militare russa in Ucraina, Stati Uniti, Unione Europea – e i loro alleati – hanno  fornito  a Kiev aiuti per un valore di 126 miliardi di dollari, una cifra quasi pari all’intero PIL del paese. Inoltre, milioni di ucraini hanno trovato rifugio nell’UE dove hanno ricevuto alloggio, cibo, permessi di lavoro e sostegno emotivo. La portata è enorme, anche per gli standard occidentali. Considerando che il blocco ha finanziato Kiev mentre affrontava una propria crisi economica ed energetica, l’assistenza è forse particolarmente notevole.

Kiev basa le sue infinite richieste di finanziamento sul crollo della sua economia, dovuto alla guerra, e sulla sua necessità di  “resistere all’aggressione russa”.  Ma l’aiuto sta raggiungendo la destinazione prevista?

Il Battaglione Monaco

Mentre l’Ucraina ha subito una mobilitazione generale che ha interessato tutti gli uomini di età inferiore ai 60 anni, molti ex e attuali alti funzionari, politici, uomini d’affari e oligarchi si sono trasferiti al sicuro all’estero, principalmente nell’UE.

La fuga di massa delle élite ucraine è iniziata anche prima del conflitto armato. Il 14 febbraio 2022, 37 deputati della fazione parlamentare del presidente ucraino “Servo del popolo” sono improvvisamente ” scomparsi “. Se ai parlamentari non fosse stato vietato di lasciare il paese il giorno successivo, altri si sarebbero sicuramente uniti a loro. Nel frattempo, ex funzionari e oligarchi godevano di maggiore libertà di movimento. Secondo  il quotidiano italiano La Repubblica, il 14 sono decollati anche 20 business jet dall’aeroporto Boryspol di Kiev.

I magnati erano in prima fila. L’imprenditore e deputato Vadim Novinsky, gli uomini d’affari Vasily Khmelnitsky e Vadim Stolar, Vadim Nesterenko e Andrey Stavnitzer hanno lasciato il paese con voli charter. Il politico milionario Igor Abramovich ha prenotato un volo privato per l’Austria per 50 persone, portando a bordo parenti, soci in affari e membri del partito. Gli oligarchi volarono da Kiev a Nizza, Monaco, Vienna, Cipro e altre destinazioni dell’UE. Un altro gruppo di uomini d’affari è decollato da Odessa su aerei privati. Il proprietario della Vostok Bank è partito per Israele, mentre il capo del gruppo Transship è volato a Limassol. Anche un ex governatore della regione di Odessa, Vladimir Nemirovsky di Stalkanat, ha lasciato il Paese.

Nell’estate e all’inizio dell’autunno del 2022, “Ukrainska Pravda” ha preparato diversi documentari investigativi su miliardari e funzionari ucraini idonei al servizio avvistati in vacanza sulla Costa Azzurra durante la guerra. Un film dal titolo ironico “The Monaco Battalion” mostra gli oligarchi ucraini che riposano nelle loro ville, dimore di lusso e yacht. Nella  prima parte vediamo l’uomo d’affari Konstantin Zhevago,  incluso  nella lista dei ricercati dell’Interpol, che si rilassa sul suo yacht privato del valore di 70 milioni di dollari. Lo yacht abbellisce la costa della Costa Azzurra mentre la famiglia di Zhevago sbarca. L’imprenditore di Kharkov Alexander Yaroslavsky, che ha promesso di vendere il suo yacht e trasferire i fondi per il restauro di Kharkov, può essere visto navigare a fianco.

I giornalisti di “Ukrainska Pravda” hanno anche intravisto i fratelli Surkis in Francia, che attualmente affittano appartamenti per un valore di 2 milioni di euro all’anno. Nel frattempo, una Bentley da $ 300.000 appartenente all’uomo d’affari ucraino Vadim Ermolaev è stata avvistata vicino al casinò di Monaco, ed Eduard Kohan, il co-fondatore di Euroenergotrade, è stato visto in uno degli hotel chic di Monte Carlo.

Sembra che un’intera colonia di oligarchi ucraini si sia stabilita nel comune preferito dalle elite francese di Cap-Ferrat. Vadim Solar, gli oligarchi Dmitry Firtash, Vitaly Khomutynnik e Sergey Lovochkin sono tra coloro che si godono la bella vita nel bel mezzo della guerra. La villa di Cap-Ferrat, un tempo appartenuta al re Leopoldo II del Belgio, fu acquistata dal più ricco oligarca ucraino Rinat Akhmetov. I suoi  vicini  sono Alexander Davtyan, presidente del gruppo di investimenti DAD LLC, e Vladislav Gelzin, ex deputato del consiglio regionale di Donetsk.

Come sottolineano ripetutamente i creatori del documentario, deputati e uomini d’affari delle fazioni parlamentari “filo-russe” hanno lasciato il paese durante la guerra. Eppure molti sostenitori attivi dell’attuale governo preferiscono difendere la loro patria anche dall’estero.

‘Ukrainska Pravda’ è riuscita a  intervistare  Andrei Kholodov, deputato della fazione di Vladimir Zelensky “Servo del popolo”, dalla sua attuale residenza a Vienna. La capitale austriaca è stata  scelta anche  dal nazionalista Nikita Poturaev e da Sergei Melnichuk, ex capo del battaglione Aidar noto per i crimini di guerra  denunciati  da Amnesty International. Anche l’ex capo della Corte costituzionale dell’Ucraina, il 59enne Alexander Tupitsky, e il 45enne ex procuratore generale dell’Ucraina  Ruslan Ryaboshapka  hanno preferito le “trincee” straniere.

Il legislatore ucraino siede in una camera parlamentare vuota a Kiev. clicca per ingrandire

I membri del parlamento ucraino non hanno fretta di adottare leggi di vitale importanza per il paese durante la guerra. Secondo  il canale Telegram “Volyn News”, all’11 marzo 2022, più di 20 parlamentari si erano trasferiti all’estero per motivi non specificati. La geografia è ampia: Gran Bretagna, Polonia, Qatar, Spagna, Francia, Austria, Romania, Ungheria, Emirati Arabi Uniti, Moldavia, Israele, ecc. A marzo, la Procura generale dell’Ucraina ha avviato  un’indagine  sulle azioni di sei parlamentari che hanno rimasto all’estero.

Apparentemente, né la guerra né la punizione possono mettere al lavoro i legislatori ucraini. Solo 99 deputati su 450 hanno  partecipato  alla seduta del Parlamento del 20 luglio. Presumibilmente distratti dall’estate, dalla Costa Azzurra, dalle Maldive e dagli yacht… Per quanto riguarda la difesa dell’Ucraina stessa, lasciate fare ai volontari stranieri, dicono.

Dove vanno a finire tutti gli aiuti militari e umanitari?

Alcuni benefattori occidentali hanno recentemente notato che la maggior parte degli aiuti militari e umanitari non arriva mai all’esercito ucraino o ai comuni cittadini.

In un documentario originale, la CBS  ha riferito  che circa il 70% degli aiuti militari non è riuscito a raggiungere i beneficiari previsti e che i paesi donatori spesso non sono in grado di controllarne l’uso previsto. Secondo gli autori del rapporto, alcune delle armi sono vendute al mercato nero. Come ha detto il veterano del Corpo dei Marines degli Stati Uniti Andy Milburn:  “Posso dirti senza dubbio che nelle unità di prima linea queste cose non ci stanno arrivando. Droni, coltelli a serramanico, IFAK. Non ci sono, va bene. Giubbotti antiproiettile, elmetti…niente.

The Grayzone  scrive  che le armi e gli aiuti umanitari forniti dall’Occidente all’esercito ucraino vengono rubati lungo la strada e non raggiungono mai i soldati. Allo stesso tempo, i parlamentari ucraini si sono recentemente concessi un aumento di stipendio del 70%. L’autore del pezzo sostiene che sono stati dirottati miliardi di dollari dagli USA e dall’UE.

Un soldato ucraino di nome Ivan ha raccontato ai giornalisti che i fondi occidentali non arrivano mai al fronte:  “Immaginate di dire a un soldato americano che stiamo usando le nostre auto personali in guerra, e che siamo anche responsabili del pagamento delle riparazioni e del carburante. Stiamo comprando i nostri giubbotti antiproiettile e caschi. Non abbiamo strumenti di osservazione o telecamere, quindi i soldati devono sporgere la testa per vedere cosa sta arrivando, il che significa che in qualsiasi momento un razzo o un carro armato può strappargli la testa”.

Samantha Morris, un medico degli Stati Uniti, ha attirato l’attenzione sul furto di forniture mediche e sulla corruzione generale:  “Il medico capo della base militare di Sumy ha ordinato forniture mediche da e per i militari in diversi momenti, e ha fatto sparire completamente 15 camion di rifornimenti”,  ha detto. I medici non potevano nemmeno istituire corsi per assistenti medici fino a quando non è intervenuto un amico del governatore della regione di Sumy.

La CNN ha parlato con un colonnello statunitense in pensione che  ha affermato  che le truppe ucraine sono a corto di rifornimenti. Armi di piccolo calibro, attrezzature mediche, ospedali da campo e molto altro sono sotto il controllo di organizzazioni private, più preoccupate di rubare denaro che di salvare la vita dei loro compatrioti.

Un soldato assiste mentre le truppe ucraine ferite vengono curate fuori da un villaggio agricolo nella regione orientale del Donbass. clicca per ingrandire

Come ha insistito Stephen Myers, un ex membro del Comitato consultivo per la politica economica internazionale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti  ,  “c’è poco che impedisca a un comandante sul campo di deviare parte dell’attrezzatura ad acquirenti, ovvero russi, cinesi, iraniani o chiunque, pur affermando che l’equipaggiamento e le armi sono state distrutte…”

Migliaia di tonnellate di aiuti umanitari vengono rubate. A settembre, l’Ufficio nazionale anticorruzione dell’Ucraina (NABU)  ha dimostrato  che il capo dell’ufficio del presidente, Andrei Yermak, il suo vice Kirill Tymoshenko, il capo della fazione “Il servitore del popolo” David Arakhamiya e il suo amico Vemir Davityan era dietro il furto su larga scala di aiuti umanitari nella regione di Zaporozhye. I funzionari di Zaporozhye Starukh, Nekrasova, Sherbina e Kurtev hanno svolto solo superficialmente il compito di distribuire gli aiuti. In sei mesi hanno organizzato il furto di 22 container marittimi, 389 vagoni ferroviari e 220 camion. Gli aiuti umanitari sono stati  venduti in ATB e Selpo, supermercati di proprietà rispettivamente di Gennady Butkevich e Vladimir Kostelman. Naturalmente, Tymoshenko, Nekrasova e Davityan sono diventati tutti “rifugiati” e hanno  trovato asilo  a Vienna.

Certo, non tutti sono in fuga. Andrei Yarmolsky, lo scandaloso ex vice capo dell’amministrazione regionale di Volyn –  accusato  di furto di aiuti umanitari, fornitura di giubbotti antiproiettile difettosi e trasferimento illegale di uomini fuori dal Paese – è stato promosso. Ora lavora per il Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale.

Anche le forniture mediche vengono rubate. Il Telegraph  riferisce che  “alcuni dei rifornimenti donati in seguito si sono fatti strada sugli scaffali delle farmacie degli ospedali: prezzati e messi in vendita”.  Gli operatori sanitari si appropriano di medicinali, bende e attrezzature mediche e li rivendono ai pazienti per i quali erano destinati a essere gratuiti, afferma l’articolo.

Una storia simile è stata raccontata dal già citato dottor Morris:  “Ho ricevuto una chiamata da un’infermiera dell’ospedale militare di Dnipro. Ha detto che il presidente dell’ospedale aveva rubato tutti gli antidolorifici per rivenderli e che i soldati feriti in cura non avevano sollievo dal dolore. Ci ha implorato di consegnarle a mano gli antidolorifici. Ha detto che li avrebbe nascosti aldirigente dell’ospedale in modo che raggiungessero i soldati. Ma di chi ti puoi fidare? Il presidente dell’ospedale stava davvero rubando i farmaci o stava cercando di convincerci a darle antidolorifici da vendere o usare? Chi lo sa. Tutti mentono.

Guerra per alcuni, Gucci per altri

Enormi flussi di cassa provenienti dai paesi occidentali vengono continuamente utilizzati da funzionari ucraini corrotti per l’arricchimento personale e per acquistare beni di lusso.

In uno schema di corruzione recentemente  sventato  , la dogana di Odessa ha contrabbandato camicie, zaini, scarpe sportive, cinture e altri articoli di lusso di Givenchy, Gucci, Polo, Dolce & Gabbana, Michael Kors, Chanel, Louis Vuitton e Armani con il pretesto di equipaggiamento militare . I documenti, che dichiaravano il carico come “per i bisogni delle forze armate ucraine”, sono stati firmati dal capo ad interim della dogana di Odessa Vitaly Zakolodyazhny. Secondo il deputato Alexander Dubinsky, questo è uno schema di furto comune. “Il lavoro della dogana è insoddisfacente perché mentre alcuni combattono al fronte, altri fanno soldi con le divise della dogana”,  ha detto il parlamentare.

Per fare un altro esempio, nel maggio 2022 i paesi occidentali hanno abolito i dazi doganali per l’Ucraina. In una settimana sono state importate  nel paese oltre 14.000 autovetture  . Come ha commentato il vice ministro delle Infrastrutture Mustafa Nayem,  “Considerando che siamo un paese in guerra, i nostri partner in Polonia, Slovacchia e Romania sono rimasti piuttosto sorpresi da questo rapido aggiornamento della nostra flotta di veicoli”.

Mentre si procurano abiti e auto lussuose, i ladri si stanno occupando anche di prelevare capitali dall’Ucraina.

Secondo  l’Ufficio per la sicurezza economica dell’Ucraina, al bilancio dell’Ucraina mancano 4,5 miliardi di UAH di tasse dai commercianti di prodotti agricoli:  “Nell’agosto-settembre 2022, quasi 12 milioni di tonnellate di raccolti di grano e olio stimati a 137 miliardi di UAH sono stati esportati attraverso il territorio doganale dell’Ucraina. Di queste, quasi 4 milioni di tonnellate sono state esportate da finte aziende esistenti solo sulla carta”. Inoltre, “ la maggior parte delle aziende non residenti a cui viene esportato il grano sono ad alto rischio e coinvolte in indagini penali”.  È questo il “patto del grano” che la comunità globale sta incoraggiando attivamente? Sembra che i truffatori ucraini stiano corrompendo non solo il proprio paese, ma anche stati stranieri. E questo è solo un esempio tra tanti.

Quando i fratelli Surkis hanno lasciato l’Ucraina, hanno portato con sé 17 milioni di dollari. Ma è solo una sciocchezza rispetto agli “eroi dell’Euromaidan”. Secondo l’ex deputato del popolo ucraino Oleg Tsarev, dopo lo scoppio delle ostilità i principali politici ucraini hanno inviato all’estero sia la loro capitale che le loro famiglie.

Accenna al fatto che i genitori e i parenti del presidente Vladimir Zelensky e di sua moglie hanno lasciato il paese. Il predecessore di Zelensky, l’ex presidente Petr Poroshenko, ha trasferito non solo i suoi figli, ma anche circa un miliardo di dollari in contanti nel Regno Unito.

Lo stesso vale per altri importanti funzionari ucraini: l’ex ministro degli affari interni Arsen Avakov, il capo dell’ufficio del presidente Andriy Yermak, il secondo presidente dell’Ucraina Leonid Kuchma, l’ex primo ministro dell’Ucraina Arseniy Yatsenyuk e molti altri hanno tutti preso la loro famiglie e fortune, stimate intorno al miliardo di dollari, fuori dal Paese. E questo per non parlare dei numerosi oligarchi affiliati politicamente.

Anche i truffatori di bassa statura possono “aderire individualmente all’UE”. Un sistema di corruzione consente ai maschi in età militare di lasciare il paese. Secondo Izvestia, la quota è  attualmente  compresa tra $ 8.000 e $ 10.000. Anche i media ucraini  riferiscono attivamente  di persone che pagano per attraversare il confine.

***

La simpatia degli occidentali verso un Paese in guerra è comprensibile. Ma mentre alcuni paesi stanno facendo del loro meglio per aiutare l’Ucraina, anche mentre affrontano loro stessi una crisi economica, i funzionari ucraini corrotti stanno usando i fondi per accumulare fortune personali e vivere la bella vita in resort di lusso. E tutto a spese dei contribuenti occidentali.

Nel 2015, Arseniy Yatsenyuk, dopo aver lasciato la carica di Primo Ministro dell’Ucraina, ha dichiarato apertamente di essere diventato un miliardario. È ancora da vedere quanti nuovi magnati super ricchi ucraini – alimentati da aiuti militari stranieri – appariranno in Occidente entro la fine del conflitto.

Di  Olga Sukharevskaya,  ex diplomatica ucraina

Fonte

Amici e Lettori di Database Italia, Abbiamo Bisogno del Vostro Sostegno

Previous articleSono sceso negli inferi
Next article“Possiamo essere spettatori di una guerra all’ultimo sangue per l’umanità?” Discorso dell’Arcivescovo Carlo Maria Viganò ai Medici per Covid Ethics International (MD4CE International).
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments