CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the Morning

CAMPI DI QUARANTENA PER “PERSONE AD ALTO RISCHIO COVID” IN UN DOCUMENTO DEL CDC

Mentre nel mondo si introducono i “passaporti vaccinali” tra i timori che stia arrivando un nuovo tipo di apartheid medico, una pubblicazione del CDC riaffiorata sostiene i campi di internamento per “persone ad alto rischio Covid”.

L’anno scorso, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno pubblicato un  documento che ha lanciato l’idea totalmente non sospetta di trasferire individui “ad alto rischio” in “campi” di zone verdi. Mentre la proposta non ha attirato molta attenzione in quel momento, poiché le misure anti-Covid draconiane stavano iniziando ad aumentare e i diritti umani e le libertà fondamentali erano sotto attacco, il documento ha attirato una nuova attenzione. E non senza ragione, a quanto pare.

La primissima riga del documento discute l’attuazione di un “approccio di protezione in contesti umanitari… incentrato su campi, popolazioni sfollate e ambienti con poche risorse”. In sostanza, e questo sarà importante in seguito, “ambienti umanitari” è solo un altro modo per dire “campi”. Molte persone sono veloci ad associare l’idea dei campi al contenimento dei rifugiati, per esempio, o degli stranieri illegali che hanno violato il confine. Eppure l’unica volta che la parola “rifugiato” viene menzionata nel documento è in riferimento a un campo in Kenya. Allo stesso tempo, ‘campo’ e ‘campi’ sono indicati circa 20 volte.

C’è un’altra cosa ambigua in questo documento, e questo riguarda la sua descrizione di individui “ad alto rischio” e della “popolazione generale”.

Il documento recita: “Nella maggior parte degli ambienti umanitari (cioè i campi), i gruppi di popolazione più anziana costituiscono una piccola percentuale della popolazione totale. Per questo motivo, l’approccio di schermatura suggerisce di separare fisicamente gli individui ad alto rischio dalla popolazione generale per dare priorità all’uso delle limitate risorse disponibili ed evitare di attuare misure di contenimento a lungo termine tra la popolazione generale”.

In altre parole, il CDC sta dicendo che le persone anziane detenute nei campi (ambienti umanitari), perché sono nella categoria “ad alto rischio”, dovrebbero essere separate dalla “popolazione generale” in queste strutture in modo da ridurre le ” misure di contenimento». Ok bene. Ma il documento non spiega mai chi compone la popolazione generale all’interno dei campi e perché questi individui “a basso rischio” sono detenuti in queste “zone verdi” umanitarie in primo luogo.

A causa di una negligente mancanza di chiarezza o di un deliberato inganno da parte del CDC, non è difficile vedere come alcune persone potrebbero interpretare l’inclusione di gruppi ad alto rischio in questi “ambienti umanitari” per indicare i non vaccinati. Ma anche se non c’è nessuna intenzione malvagia di internare la folla anti-vax nei campi, le condizioni stabilite per questi contesti umanitari lasciano molto a desiderare. Anzi, da evitare a tutti i costi.

In un passaggio si afferma che “il monitoraggio include sia l’aderenza ai protocolli sia i potenziali effetti o esiti negativi dovuti all’isolamento e allo stigma. Potrebbe essere necessario assegnare qualcuno all’interno della zona verde, se possibile, per ridurre al minimo il movimento dentro/fuori dalle zone verdi”.

Quel “qualcuno” sarebbe per caso la polizia locale o anche l’esercito? Il documento non offre indizi. Tuttavia, diverse righe dopo, il CDC avverte che “l’isolamento/separazione dai membri della famiglia, la perdita della libertà e le interazioni personali possono richiedere ulteriori strutture/sistemi di supporto psicosociale”.

Articoli correlati



Ammettere che il confinamento in queste strutture comporterebbe “la perdita della libertà e delle interazioni personali” suggerisce fortemente che questi individui sono detenuti in queste strutture contro la loro volontà. Infatti, leggendo il documento, si potrebbe avere l’impressione che il CDC parli di un carcere di massima sicurezza per i pazzi criminali.

Chiunque pensi che essere detenuto in una di queste strutture per persone ‘ad alto rischio’ sarebbe tutto un divertimento e un gioco potrebbe voler prestare particolare attenzione a questa riga, che avverte: “questo approccio di protezione può avere un importante impatto psicologico e può portare a significativo disagio emotivo, esacerbare la malattia mentale esistente o contribuire ad ansia, depressione, impotenza, dolore, abuso di sostanze o pensieri suicidi tra coloro che sono separati o sono stati lasciati indietro”.

Lasciato indietro? Lasciato indietro da cosa, esattamente? Un rapimento?

Infine, gli autori di questo documento sembrano pienamente consapevoli che il loro ambiente umanitario caldo e coccoloso, che sembra più simile a un gulag che a un rifugio di salute, non sarà accolto da tutti i membri della popolazione generale. Oddio, mi chiedo perché.

“Anche se l’approccio di protezione non è pensato per essere coercitivo, può sembrare forzato o essere frainteso in contesti umanitari”, consiglia il CDC, che sembra eccessivamente preoccupato per le percezioni pubbliche. “Come con molti interventi comunitari volti a ridurre la morbilità e la mortalità da COVID-19, la compliance e il cambiamento del comportamento … sono difficili in contesti sviluppati e stabili; quindi, possono essere particolarmente impegnativi in ​​contesti umanitari che portano la propria serie di sfide sfaccettate che devono essere prese in considerazione”.

Il documento del CDC fa molto riferimento a uno studio del marzo 2020  scritto da una certa Caroline Favas, intitolato “Guida per la prevenzione delle infezioni da COVID-19 tra gli individui ad alto rischio nei campi e in contesti simili a campi”. Ancora una volta, ogni speranza di chiarezza è delusa, poiché questo documento, che menziona le parole “campo” e “campi” 73 volte, è stato scritto per “la stessa comunità sfollata, gli attori umanitari e le autorità di coordinamento/gestione del campo”. Pochi dettagli sono forniti su chi possa essere la “comunità sfollata”.

(Nota: lo studio Favas fornisce un’ampia definizione di “campo” o “ambienti simili a campi” come “popolazione sfollata con la forza, compresi i rifugiati e gli sfollati interni che vivono in insediamenti formali o informali ad alta densità, sotto rifugi collettivi o individuali” ).

Quello che segue nello studio Favas, che è stato pubblicato dalla London School of Hygiene & Tropical Medicine, di tanto in tanto viene fuori come uno di quei trattati medici pieni di gergo che sono quasi dolorosi da leggere come una prescrizione medica scritta a mano da un medico. Tuttavia, proprio come con il documento del CDC, lo studio Favas è cristallino quando riconosce che questi campi saranno visti negativamente da molti membri della popolazione.

“Al contrario, è probabile che l’approccio non avrà successo se viene percepito come coercitivo, frainteso o utilizzato dalle autorità come pretesto per forme di oppressione”.

Leggi anche: Dal T4 al Covid 1984. La Germania ricorda.

Quindi, chi potrà stabilire chi è ad alto rischio di infezione da Covid e chi no? Su questo punto delicato, Favas, così come il CDC, si lavano le mani del processo, lasciando ai “membri della comunità” la decisione di chi debba essere detenuto in questi “ambienti umanitari”.

“L’identificazione dei membri della comunità ad alto rischio dovrebbe essere un processo guidato dalla comunità, che supporta e promuove la proprietà comunitaria dell’approccio”, afferma Favas. “Lo scopo dell’approccio di schermatura e i criteri di inclusione dovrebbero essere chiaramente comunicati e spiegati alla comunità, in modo che ogni famiglia possa identificare chi tra loro è a rischio e dovrebbe essere protetto, su base volontaria”.

Favas fornisce alcune opzioni su come i detenuti potrebbero essere isolati dalle loro famiglie e comunità, nessuna di queste è terribilmente confortante. Il primo prevede la fornitura di una zona verde a livello familiare. Anche se potrebbe non sembrare così male tenere la nonna confinata in una stanza sul retro, l’autore descrive il “rifugio domestico” come un “rifugio singolo” o un ” composto multi-rifugio”.

Il prossimo tipo di struttura è un gruppo di rifugi (con un massimo di 5-10 famiglie), all’interno di una piccola area del campo.

Infine, ci sono i campi “settoriali” in piena regola che potrebbero ospitare 15.000 o più persone. Sarebbe difficile immaginare un campo di tale portata che non richieda un’elevata presenza di polizia, così come praticamente tutte le regole e i regolamenti di una prigione.

Molte persone probabilmente si farebbero beffe del pensiero dei campi di Covid, liquidandoli come il sogno febbrile di un “teorico della cospirazione”. E forse avrebbero ragione. Dopotutto, proprio il mese scorso, l’Associated Press ha  smentito l’affermazione, lanciata in una pubblicazione satirica, secondo cui Joe Biden stava pianificando di inviare i non vaccinati nei campi di quarantena fino a quando non avessero accettato di fare l’iniezione. Eppure il leader statunitense sempre più confuso ha fatto false affermazioni in passato, come  promettere che gli americani sarebbero stati liberi dalla schiavitù della maschera se avessero accettato di essere vaccinati. Quella promessa è svanita il mese scorso quando il CDC ha fatto  marcia indietro , imponendo di indossare la maschera in luoghi con picchi dei livelli di Covid, anche tra i vaccinati.

Mentre alcuni potrebbero trovare irrilevante discutere un documento pubblicato dal CDC l’anno scorso, potrebbero voler chiedere perché il CDC e Caroline Favas stessero già discutendo della possibilità di “ambienti umanitari”, cioè campi per individui ad alto rischio, all’inizio del 2020, quando l’epidemia era ancora nelle sue fasi iniziali.

In ogni caso, ora che il documento del CDC ha fatto colpo a un anno dalla sua pubblicazione, sarebbe un buon momento per una spiegazione su alcuni dei suoi suggerimenti più ambigui e persino oltraggiosi. In un momento in cui un sentimento di sfiducia generale e persino di paranoia nei confronti delle misure Covid sta dilagando nel mondo, le persone hanno bisogno di rassicurazioni sul fatto che il loro vero nemico non siano proprio le persone che hanno eletto per proteggerle.

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
roberto zanella

Bisogna armarsi

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!