Quantcast
Database Italia

Caso Epstein, il giudice nega la cauzione per Ghislaine Maxwell. Le vittime denunciano

NEW YORK – Martedì un giudice americano ha negato la libertà su cauzione per Ghislaine Maxwell, la collaboratrice di lunga data di Jeffrey Epstein accusata di attirare le ragazze in modo che il finanziere potesse abusarne sessualmente, dopo che si è dichiarata non colpevole in un’audizione in cui due donne hanno denunciato le sue azioni come atroci.

Il giudice distrettuale americano Alison Nathan a Manhattan ha respinto l’offerta di Ghislaine Maxwell per la cauzione, in quanto il rischio di fuga è altissimo se non certo. Maxwell, ha affermato il giudice nel corso di un’audizione della durata di più di due ore, ha “dimostrato raffinatezza nel nascondere le sue risorse e se stessa”.

I pubblici ministeri hanno accusatola Maxwell, 58 anni, di aiutare Epstein a reclutare e alla fine abusare ragazze di 14 anni dal 1994 al 1997 e mentire sul suo ruolo nelle deposizioni nel 2016. Nathan ha fissato una data di prova per il 12 luglio 2021.

Maxwell è apparsa in video dal carcere di Brooklyn, dove è trattenuta dal 6 luglio. Sembrava stanca, con i capelli tirati indietro e indossava una maglietta marrone.

Arrestata il 2 luglio, Maxwell è stata accusata di sei accuse penali, di cui quattro relative al trasporto di minori per atti sessuali illegali e due per falsa testimonianza. Nathan ha dichiarato che le prove attualmente “sembrano forti” contro Maxwell, che rischia fino a 35 anni di carcere se condannata.

In udienza sono state presentate le dichiarazioni di due donne che hanno accusato la Maxwell di consentirne l’abuso. Una delle donne, Annie Farmer, ha dichiarato che Maxwell “non ha mai mostrato alcun rimorso per i suoi crimini atroci” e che “il pericolo che Maxwell pone deve essere preso sul serio”.

“È una predatrice sessuale che ha maltrattato me e innumerevoli altri bambini e giovani donne”, ha detto Farmer tramite un feed audio.

In una dichiarazione letta in tribunale dal procuratore federale Alison Moe, una seconda donna non identificata ha dichiarato: “Senza Ghislaine, Jeffrey non avrebbe potuto fare quello che ha fatto”. La donna ha detto di conoscere Maxwell da più di 10 anni e di sentirsi ancora minacciata, aggiungendo: “Se è fuori, ho bisogno di essere protetta.”

I pubblici ministeri hanno accusato Maxwell di aver attirato le ragazze chiedendo loro delle loro vite, scuole e famiglie e portandole a fare shopping o al cinema – “il prequel” dell’abuso di Epstein.

Gli avvocati di Maxwell avevano cercato un pacchetto cauzionale comprendente un’obbligazione da $ 5 milioni e il confinamento a casa con monitoraggio elettronico.

“Nessuna combinazione di condizioni potrebbe ragionevolmente assicurare la sua presenza in tribunale”, ha detto il giudice ordinando il confinamento continuo.

“L’imputato ha la capacità di vivere nascosto. È brava a farlo ”, ha detto Moe discutendo contro la cauzione.

Maxwell ha dimostrato di poter “vivere indefinitamente fuori dalla rete”, ha detto Moe, aggiungendo che ci è voluto un anno dopo l’arresto di Epstein per trovarla. I pubblici ministeri hanno affermato che la sua ricchezza e le cittadinanze multiple – americane, francesi e britanniche – rendono necessaria la detenzione.

Maxwell, ex fidanzata di Epstein e socia di lunga data, è stata arrestata a Bradford, nel New Hampshire, dove si nascondeva in una proprietà tentacolare che aveva acquistato a dicembre in una transazione in contanti.

“Non colpevole, vostro onore”, ha detto Maxwell.

Altri articoli sul caso Epstein:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.