Quantcast
Database Italia

CAUSA CONTRO TWITTER: RESPINGE PIÙ VOLTE LA RICHIESTA DI CANCELLAZIONE DI VIDEO ESPLICITI CON MINORI PERCHÉ “NON VIOLAVANO GLI STANDARD”


Una nuova causa contro Twitter accusato di chiudere un occhio sulla pornografia infantile sulla sua piattaforma, avrebbe respinto le ripetute richieste di una vittima minorenne di abusi sessuali che chiedeva di rimuovere immagini esplicite ottenute attraverso il ricatto.

La causa , presentata mercoledì dalla vittima adolescente e da sua madre nel distretto settentrionale della California, sostiene che Twitter si sia rifiutato di ritirare i video sessualmente espliciti sulla base del fatto che non hanno violato le sue politiche, consentendo loro di accumulare oltre 150.000 visualizzazioni. .

Il querelante nel caso – identificato solo come “John Doe” nei documenti del tribunale – dice che aveva solo 13 anni quando è stato manipolato per condividere immagini di se stesso nudo con un utente Snapchat che credeva essere un compagno di classe di 16 anni. Dopo averlo fatto, “la corrispondenza si è trasformata in ricatto”, afferma la causa, aggiungendo che gli autori hanno minacciato di condividere le foto con “i genitori, l’allenatore, il pastore e gli altri conoscenti della vittima nella sua comunità” se non avesse inviato materiale aggiuntivo. Ha rispettato le richieste dei trafficanti, inviando video sessualmente espliciti di se stesso, alcuni dei quali includevano un altro minore.

Ad un certo punto nel 2019, un “video compilation” con il filmato estorto a John Doe è emerso su Twitter attraverso almeno due account, arrivando infine alla vittima nel gennaio 2020 dopo che “aveva appreso dai suoi compagni di classe che i video di lui e un altro minore erano su Twitter e molti studenti della scuola li avevano visti “.

A causa della circolazione di questi video, ha dovuto affrontare prese in giro, molestie, bullismo violento tanto da mostrare tendenze suicide.

Immediatamente, la vittima – che a quel punto aveva 16 anni – informò i suoi genitori della situazione, spingendo sua madre, chiamata “Jane Doe” nella causa, a trattare la questione con i funzionari della scuola. Ciò ha fatto seguito ad almeno una precedente denuncia di un utente Twitter preoccupato alla fine del 2019, che ha segnalato uno degli account che condividevano le riprese della vittima. La società non ha intrapreso alcuna azione ei video sono rimasti online.

Il 21 gennaio, il malcapitato ha presentato la sua denuncia a Twitter, scrivendo: “Questi video sono frutto di molestie e minacce. Ora si sta diffondendo nella scuola e abbiamo bisogno che vengano rimossi perché siamo entrambi minorenni e abbiamo un rapporto della polizia per la situazione “. Su richiesta di Twitter, ha fornito una foto della sua patente di guida per confermare la sua identità.

Jane Doe ha anche presentato due ulteriori reclami alla società il giorno dopo, a cui Twitter ha risposto con identici messaggi automatizzati promettendo di rivedere il contenuto in questione.

Dopo un’intera settimana senza una risposta da parte dell’azienda, nonostante i ripetuti tentativi della madre della vittima oltre alle sue lamentele iniziali, Twitter ha finalmente risposto il 28 gennaio, affermando di non aver riscontrato problemi con i video sessualmente espliciti e che non avrebbe fatto nulla per rimuoverli.

“Grazie per il contatto. Abbiamo esaminato il contenuto e non abbiamo riscontrato una violazione delle nostre norme, quindi al momento non verrà intrapresa alcuna azione “ , ha affermato Twitter, pur insistendo senza un pizzico di ironia sul fatto che ” la tua sicurezza è la cosa più importante “.

La vittima ha risposto lo stesso giorno, indignata per l’inazione della piattaforma, chiedendo “Cosa vuoi dire che non vedi un problema?”

Siamo entrambi minorenni in questo momento ed eravamo minorenni al momento in cui sono stati girati questi video. Avevamo entrambi 13 anni. Siamo stati adescati, molestati e minacciati di diffondere questi video che ora vengono pubblicati senza il nostro permesso. Non abbiamo affatto autorizzato questi video e devono essere rimossi.

Sebbene la società abbia ignorato l’ultima richiesta di John Doe, nel giro di pochi giorni la sua famiglia “è stata in grado di mettersi in contatto con un agente del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti” attraverso un contatto reciproco, secondo la causa.

“L’agente federale ha anche avviato un contatto con Twitter e, su richiesta del governo federale degli Stati Uniti, il contenuto esplicito è stato finalmente rimosso da Twitter intorno al 30 gennaio 2020” , prosegue la causa, aggiungendo che anche gli account incriminati sono stati banditi .

Twitter è stato criticato in passato per la sua gestione della pornografia infantile, con il Canadian Center for Child Protection che ha scoperto in una recensione dello scorso anno che la piattaforma rende “estremamente difficile” segnalare tali contenuti, costringendo gli utenti a individuare un modulo separato da la sua “funzione di report facilmente accessibile” che si trova su ogni tweet.

A partire da marzo 2019, Twitter afferma di applicare una “politica di sfruttamento sessuale dei minori di tolleranza zero” e nelle sue comunicazioni con John Doe e sua madre ha affermato di inoltrare tutte le segnalazioni di tale materiale al National Center Missing and Exploited Children. Tuttavia, nonostante gli sforzi della vittima per rimuovere le immagini di se stesso dalla piattaforma, la società lo ha fatto solo dopo essere stata contattata dal governo federale degli Stati Uniti, non riuscendo a trasmettere il caso di John Doe al Centro fino a quel momento. 

La posizione apparentemente lassista della società sulla pornografia infantile è in netto contrasto con la sua vigorosa sorveglianza dei contenuti politici che ritiene “odiosi” o per diffondere “disinformazione”, eliminando regolarmente migliaia di post e utenti – tra cui anche l’ex presidente Donald Trump – sulla politica tecnica violazioni.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENICI


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.