CoronavirusEditorialiSaluteScienza e Tecnologia

CDC SENZA VERGOGNA INFORMA SUL VERO SCOPO DEI TAMPONI NASALI. MA NON ERA ANCHE QUESTA UNA FAKE NEWS?

Era l’aprile del 2021 quando pubblicammo diversi articoli sulla possibilità che i tamponi nasali venissero utilizzati per la raccolta e la successiva mappatura del DNA mondiale.
I soliti Fact Checker disonesti e vigliacchi risalirono in gran numero dalla cloaca nella quale vivono e respirano, per gridare: FAKE NEWS!’
Come al solito, il tempo è galantuomo e ci dà ragione. Ora, è proprio il CDC (Center For Desease Control) ad ammetterlo.
Bisogna avere molta, moltissima pazienza in questo particolare momento storico.
Cosa avevamo scritto?

Esiste una connessione tra la Cina, Bill Gates, YouTube e la raccolta di DNA?

Alla fine di gennaio, 60 minutes della  CBS riportava :

“60 Minutes ha appreso che la società cinese BGI Group, la più grande azienda biotecnologica del mondo, si è offerta di costruire laboratori COVID in almeno sei stati, e funzionari dell’intelligence statunitense hanno emesso avvertimenti di non condividere dati sanitari con BGI. 

The Gates Foundation e BGI

Nel mese di marzo 2021, la giornalista Natalie Winter del  National Pulse ha  scoperto la documentazione  di una relazione tra la Bill e la Melinda Gates Foundation e la BGI risalente a quasi un decennio fa. Winter ha trovato un  Memorandum of Understanding (MOU)  tra la Fondazione Gates e BGI per  “formare una collaborazione sulla salute globale e lo sviluppo agricolo con l’obiettivo di raggiungere obiettivi comuni in materia di salute e sviluppo agricolo”.

Nello specifico, questa collaborazione si occupa degli sviluppi nella genomica umana, vegetale e animale, lo studio del DNA. Nel comunicato stampa per il MOU, il co-fondatore di BGI menziona direttamente la partnership come incentrata sulla genomica.

” BGI non vede l’ora di collaborare con la Bill & Melinda Gates Foundation in questa significativa collaborazione per applicare la ricerca genomica a beneficio della salute umana globale”, ha  affermato il dott. Huanming Yang, presidente e co-fondatore di BGI.

Bill Gates ha anche visitato la sede della BGI nel 2010, secondo un rapporto del  Financial Times . Il Times ha affermato che BGI  “sta lavorando per l’obiettivo di costruire un’enorme biblioteca basata sul DNA di molte milioni di persone”. L’obiettivo di BGI è utilizzare queste informazioni per nuovi farmaci, ricerca genetica e  “trasformazione della politica di salute pubblica”.

L’ARTICOLO COMPLETO:
I RAPPORTI DI BILL GATES IN CINA, 23andMe e IL TUO DNA

Foto di copertina https://www.databaseitalia.it/i-rapporti-di-bill-gates-in-cina-23andme-e-il-tuo-dna/

In un articolo successivo abbiamo indagato su:
CHI FINANZIA LA MAPPATURA GENOMICA MONDIALE?

Siamo riusciti a trovare l’elenco dei finanziatori completo e non ci sorprende scoprire che a voler avere la mappatura genetica del pianeta ci siano società del calibro di Black Rock e Morgan Stanley. Potete consultare la lista qui

Per non parlare della validissima inchiesta in quattro parti in cui si fa luce sul perchè sia tecnicamente necessaria una mappatura genomica mondiale:
Panorama globale sui passaporti vaccinali di identificazione Parte 4: BLOCKCHAINED

Dopo quasi un anno è lo stesso CDC a confessarlo, questo è un tweet del 16 febbraio 2022

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!