Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali Ci siamo: il dittatore africano ordina il blocco per l’ebola

Ci siamo: il dittatore africano ordina il blocco per l’ebola

17
0

Non guardare ora, ma un’altra ondata di virologia sta per invadere l’Africa. 

La temuta Ebola non è mai stata all’altezza del clamore, ma è ancora usata come un appello per un colpo di stato sulla sicurezza biologica. 

Sembra che il “Presidente a vita” dell’Uganda, Yoweri Museveni, abbia avvertito di potenziali disordini politici in arrivo a causa dell’economia in crisi e della corruzione sistemica del suo paese, e quindi ha fatto ciò che farebbe qualsiasi despota che si rispetti: dichiarare un’epidemia e iniziare a bloccare il paese.

Altri governi africani, come la Nigeria, hanno notato l’abile mossa di Museveni e stanno rimuginando sulla stessa linea d’azione.

Quindi ora stiamo solo aspettando con il fiato sospeso fino a quando il dottor Tedros non prenderà il sopravvento e dichiarerà un’altra “pandemia globale”…

L’Uganda ha imposto il blocco in due distretti sabato per contenere un’epidemia di Ebola, che ha già causato la morte di 19 persone, secondo il presidente Yoweri Museveni.

Durante un discorso televisivo, il presidente ha avvertito che, con 58 casi confermati, c’è il rischio che “l’ ebola possa diffondersi oltre l’Uganda”.

” Data la gravità del problema e per prevenire un’ulteriore diffusione e proteggere vite e mezzi di sussistenza, il governo sta adottando misure aggiuntive che richiedono un’azione da parte di tutti noi”,  ha affermato il presidente.

Le misure includono il coprifuoco notturno, la chiusura di mercati, luoghi di culto e intrattenimento e la limitazione dei movimenti in entrata e in uscita dai distretti di Mubende e Kassanda. Le scuole rimarranno aperte.

” Tutte queste misure inizieranno con effetto immediato e dureranno 21 giorni perché il periodo di incubazione per Ebola è fino a 21 giorni”,  ha affermato Museveni.

Ha ordinato al Ministero della Salute di intensificare la sorveglianza e il tracciamento dei contatti e di mobilitare risorse aggiuntive in due distretti, aggiungendo che la città di Kampala dovrebbe essere in ” modalità di risposta” in  seguito alla scoperta di due casi originati di Mubende.

Il ministero della Salute ha confermato l’epidemia il 20 settembre, affermando che era stata causata dal ceppo sudanese del virus Ebola.

Il ceppo, per il quale non esistono vaccini o farmaci autorizzati, ha precedentemente causato focolai in Uganda, Sud Sudan e Repubblica Democratica del Congo.

La Nigeria ha annunciato misure per prevenire la diffusione della malattia dal paese il 4 ottobre, nonostante non condivida il confine con l’Uganda…

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleL’ARDUO PERCORSO VERSO LA VITTORIA. UNITI ABBIAMO GIA’ VINTO | Raccolta fondi di ottobre
Next articleIL MINISTRO DELL’INTERNO SERBO VULIN: “Prima ammettiamo che l’UE non ha bisogno di noi e che non ci possiede, meglio sarà per noi”
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.