Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StateEight O’Clock in the Morning

Ci stiamo abituando alle notizie false. E ci stiamo stancando della guerra in Ucraina. Ecco perché dovresti preoccuparti

Giornalisti e membri del Congresso, in questi giorni sembrano essere uniformemente incapaci di controllare quantità eclatanti di denaro contante e materiale militare apparentemente inviati in Ucraina. In primo luogo, uno dei motivi potrebbe essere che non vengono inviati lì.

Articolo di Martin JAY per Strategic-Culture

Putin è morto, i soldati ucraini sono stati massacrati sull’isola dei serpenti e 300 ucraini sono morti nell’attacco al teatro di Mariupol. Quale di queste tre notizie provenienti dai media occidentali è vera? In effetti, sono tutte completamente false, ma sono state pubblicate come notizie reali e non sono state mai rettificate neanche quando le prove hanno dimostrato in modo schiacciante la loro faziosità.

Sembra che i media occidentali non facciano Mea Culpa, il che dovrebbe preoccuparti se sei preoccupato per come la guerra in Ucraina sta minacciando la pace nel mondo come la conosciamo. Quanto di ciò che leggiamo è autentico? Quanto di esso viene presentato come un dato di fatto, semplicemente perché viene fornito ai giornalisti da agenzie di intelligence che non solo hanno storicamente dimostrato senza dubbio di sbagliare le cose, ma spesso – molto peggio – hanno un’agenda nefasta da perseguire nell’arte oscura delle notizie false. Come possono i giornalisti britannici fidarsi del Mi6 che dice loro che Putin “potrebbe” essere morto, quando solo ieri gli veniva detto che Assad stava lanciando armi chimiche sulla sua stessa gente o che in precedenza Saddam aveva armi di distruzione di massa?

La cosa allarmante della “segnalazione” è che non è avvalorata. Non vediamo all’inizio del testo “non abbiamo modo di verificarlo e l’agenzia che lo sostiene non ci offre nemmeno prove concrete ma si limita ad affermare il suo punto di vista” o parole in tal senso.

Il massimo che fanno le testate giornalistiche occidentali è semplicemente attribuire quello che credono sia il modo più prudente per coprirsi quando ciò che offrono come le cosiddette notizie si rivela settimane o mesi dopo essere una finzione totale. Il titolo tonante sul sito web della CNN che afferma che 300 persone sono morte nell’attentato al teatro Mariopol è attribuito al governo ucraino. Niente di più. Nessun accenno al fatto che il regime di Zalenski non può o non vuole motivare l’affermazione, anche se giorni dopo Reuters ha affermato che non era affatto chiaro se 300 persone fossero morte o meno.

Queste sfumature sono importanti in quanto portano lettori e spettatori lontano dalla verità reale alla verità percepita che gli Stati Uniti e il Regno Unito vogliono presentare come notizie fattuali. La stampa britannica ha doverosamente riportato le affermazioni del Mi6 secondo cui Putin potrebbe essere morto, fuorviando il pubblico sul fatto che ci sono motivi molto solidi per crederlo, sapendo benissimo che la maggior parte dei lettori non digerirà le sfumature dell’affermazione e crederà semplicemente che l’affermazione sia vera . Se tale “intelligence” avesse un qualche valore, tuttavia, sicuramente l’agenzia di intelligence in questione non la condividerebbe con il mondo intero. L’intelligence, se sana, è preziosa come merce. Perché buttarla in giro come coriandoli economici? La risposta, purtroppo, è che probabilmente è un’assurdità assoluta inventata dagli esperti dei media in Mi6 e dal governo come una storia eccellente per mantenere viva la storia dell’Ucraina.

Sì, la stanchezza della guerra in Ucraina si sta diffondendo abbastanza rapidamente nell’opinione pubblica e la vera preoccupazione di governanti e politici è che la stampa la lascerà cadere preferendo i numerosi scandali legati alla politica locale.

Questo spiega uno dei motivi per cui stanno cambiando i rapporti dei corrispondenti nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Questi giornalisti, che si accontentano più spesso che non con l’editorialismo della guerra in Ucraina, come è stato notato, stanno iniziando a essere più pragmatici sulla vittoria di Putin.

Ci sono una serie di ragioni per questo. Principalmente, è perché i giornalisti sono agganciati alla storia della guerra in Ucraina e vogliono che sia una scorta infinita di click bait, saggi giornalistici da call center che continuano a essere leccati da un pubblico credulone; in realtà, l’interesse del pubblico britannico ora per il giornalismo ucraino è diminuito drasticamente nelle ultime settimane e i giornalisti vogliono resuscitare la storia, quindi, sentendo che la narrativa bigotta e limitata dell’Occidente sta diventando stantia, stanno cambiando terreno in ogni caso leggermente.  Il Regno Unito di certo non ha il tipo di denaro da buttare in guerra come vorrebbe il suo leader, visto che il Paese ha toccato il massimo da quarant’anni in termini di inflazione e uno tsunami politico si sta dirigendo verso Boris. E in terzo luogo, i media mainstream sono schiavi dei social media e le sue tendenze e gli hack stanno iniziando a notare che le persone che “influenzano” enormi quantità di traffico stanno iniziando a porre domande imbarazzanti sull’Ucraina. Roba come,come possiamo essere sicuri che tutti questi aiuti militari stiano effettivamente finendo in Ucraina?

Questo punto non deve essere deriso. Fino ad ora, nessuno sembra preoccuparsi di dimostrare effettivamente che è in atto una ricevuta di consegna che dovrebbe rendere qualsiasi giornalista degno del suo sale scettico sull’intero schema. Il congresso degli Stati Uniti, che sta attualmente indagando sugli affari loschi di Jared Kushner con il principe ereditario saudita, non vuole avere la prova della consegna di 30 miliardi di dollari di equipaggiamento militare? Non è un po’ sospetto che nessuno nell’intero establishment politico di Washington lo stia chiedendo?

Non proprio quando si guarda al mondo oscuro e pacchiano della politica e al modo in cui i governi occidentali pagano le persone per fare il loro lavoro sporco. Nella migliore delle ipotesi, pompare miliardi nelle tasche degli appaltatori della difesa americani sa di corruzione. Possiamo presumere che quegli stessi paesi premino i Biden con tangenti? Nel peggiore dei casi, dobbiamo solo guardare come le agenzie di intelligence britanniche e americane pagano i terroristi. Sì, hai letto bene. Gli inglesi e gli americani pagano i terroristi per fare il loro lavoro sporco, da omicidi e rapimenti all’esecuzione di attacchi sotto falsa bandiera per incastrare il tuo dittatore che non giocherà secondo le loro regole. Se non lo sai, probabilmente pensi ancora che Babbo Natale sia reale e che OJ sia innocente, o che ci siano delle fate in fondo al giardino.

Ufficialmente non possono effettivamente consegnare il denaro dei contribuenti, quindi vengono escogitate tattiche subdole che consentono a gruppi terroristici, regimi fascisti e organizzazioni mafiose di “raccogliere” denaro. Ai terroristi vengono spesso date armi che possono vendere sul mercato nero e, a volte, vengono persino aiutati a trasferire narcotici negli Stati Uniti per ripagare l’aiuto a Washington o la liberazione di ostaggi. I soldi e le armi presumibilmente inviati in Ucraina stanno davvero andando lì? O parte di esse si stanno dirigendo verso altri “progetti” in altre parti del mondo? Inverosimile? Non proprio. Negli anni ’80 Reagan dirottò 18 milioni di dollari in contanti – originariamente destinati agli iraniani per liberare gli ostaggi statunitensi – ai Contras in Nicaragua. Il pretesto perchè tutto fosse avvolto nel segreto era giustificato dal fatto che gli ostaggi statunitensi erano tenuti in Libano e qualsiasi pubblicità avrebbe messo a repentaglio la loro incolumità – e per poco non è riuscita a farla franca. Come facciamo a sapere, con un tale patetico resoconto che è la norma in questi giorni, che Biden non stia facendo lo stesso? Usare la guerra in Ucraina come un comodo pretesto per finanziare altre iniziative che il Congresso normalmente non sosterrebbe? Dove sono i giornalisti?

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!