Database Italia

CI VOGLIONO DIVISI, PERCHE’ DIVISI SIAMO DEBOLI. UN INVITO ALLA COESIONE: E’ ARRIVATO IL “TEMPO DI CAMBIARE”.



Lo abbiamo letto tante volte, ma non lo so se abbiamo capito veramente il significato di queste parole. Frustrazione, incertezza, rabbia, ansia emanazioni di un’unica parola, ovvero “Paura”.
Paura del presente, del futuro, paura di fallire, un bagaglio pesante incancrenito solo nella nostra mente che si dissolve immediatamente nel momento in cui abbiamo il coraggio di spostarci nel nostro cuore, nella parte più intima della nostra essenza. A volte è più facile, a volte meno anche perché viviamo in un periodo in cui sono giunti a noi i quattro cavalieri dell’Apocalisse, che simboleggiano nell’ordine la conquista militare (cavaliere con arco), violenza e stragi (cavaliere con spada), carestia (cavaliere con bilancia), morte e pestilenza (cavallo verdastro). Da giorni assisto a diatribe infinite tra blogger e divulgatori di contro informazione, come a seguito della pubblicazione del mio articolo “ Donald J. Trump è ancora il Presidente ? Ecco gli INDIZI “ (https://www.databaseitalia.it/donald-j-trump-e-ancora-il-presidente-degli-usa-ecco-gli-indizi/ ).Un titolo con il punto interrogativo in cui parlo solo di INDIZI e non di certezze, citando una visione ed una interpretazione personale corroborata da una modifica al PTA del 1963, segnalatami dall’amica ValQiria. Nell’articolo parlo anche della richiesta di Impeachment presentata dai Dem, che di per se sarebbe una follia se non un suicidio, qualora venisse rivolta nei confronti di un libero cittadino, ma avrebbe senso se invece fosse un attacco mirato verso il vero Acting President.Ma il punto più basso lo abbiamo toccato dopo l’intervista/chiacchierata avuta sempre con l’amica Valeria ieri sera sul discorso Corporation,

finita la quale siamo stati oggetto di un attacco incomprensibile da parte della blogger Rossella Fidanza, che oggi mi dicono aver pubblicato un audio in cui si scaglia contro la mia intervistata, probabilmente per diatribe personali, in cui si contesta con una certezza assoluta l’infondatezza di ogni argomento da noi trattato. Durante l’intervista ho parlato anche di una mia esperienza avuta circa 10 anni fa con Italo Cillo, che come sempre e prima di tutti portò alla luce l’annosa questione degli Stati/Corporation, in cui la Sig.ra Fidanza è arrivata a dire, senza comprendere su quali basi, che io neanche ho mai partecipato a questi eventi organizzati dalla grande anima, liquidando Tempo di Cambiare ad un semplice podcast e che io in questo modo stessi sfruttando il nome di una persona illuminata passata a miglior vita.
Certezze e sempre certezze in un momento storico in cui l’unica vera certezza che ognuno di noi può avere, oltre ai fatti incontestabili ma volutamente nascosti che stanno accadendo, risiede solo nel nostro “sentire”.
“Tempo di Cambiare” iniziò come un podcast per poi sfociare in una grande iniziativa di condivisione e sviluppo personale con un primo Raduno ad Abano Terme a Luglio del 2012 e successivamente un altro evento a Roma a fine Dicembre 2012, a cui ovviamente ho partecipato attivamente, nonostante le accuse che mi sono state mosse.

Ho avuto l’onore e il piacere di conoscere Italo non solo durante questi eventi dal vivo, ma anche come ospite a casa sua a Malta per un lavoro incredibile durato diversi giorni durante i quali ho passato dei momenti bellissimi anche con la sua splendida famiglia, la moglie Francesca e i suoi figli Shanti, Gabriel e Surya e proprio con quest’ultimo sono andato in Cina anni fa per conoscere le vie iniziatiche del Chi Qong.

Non amo molto parlare della mia vita privata, come non mi è mai piaciuto parlare di certezze anche quando conosco per esperienza diretta un argomento, perché continuo a dire che l’unica certezza che possiamo avere in questa vita è sempre e solo il nostro “sentire” in un mondo dominato dall’illusione della materia.
Scrivo di queste mie esperienze solo perché tirato in causa dalla Sig.ra Fidanza e per amore e rispetto alla figura di una grande persona che tanto ha fatto perché questi tempi potessero cambiare veramente e non solo attraverso articoli su blog, ma con i fatti.
E proprio grazie a questi fatti che ho conosciuto persone che tramite queste conoscenze sono riuscite ad uscire veramente dal sistema riappropriandosi della loro sovranità, smettendo di essere “uomini e donne di paglia”, ovvero soggetti giuridici di una Corporation/Stato, il cui certificato di nascita è scambiato come bond da un sistema che ormai sta crollando.
Queste persone oggi sono libere, non hanno un codice fiscale o documenti ma solo un codice di avviamento postale, sono liberi dal debito e vivono al di fuori della società, qualcuno addirittura all’estero.
Questo vuol dire che “la teoria delle Corporation” come la chiama la Sig.ra Fidanza non è poi tanto una teoria e per questo credo che ValQiria sia più che esperta e capace di spiegarne i pro e i contro, ma il senso di questo articolo non vuole essere un attacco a nessuno, tutt’altro. Una precisazione questo si, ma soprattutto un invito a ritrovare la coesione in un Mondo che ci vuole divisi, “l’un contro l’altro armati” perché se solo riuscissimo a mettere da parte il nostro ego alterato e limitato, le faide personali, il desiderio di protagonismo e il terribile individualismo imperante soprattutto in Italia, saremmo talmente forti da poter sconfiggere qualsiasi nemico, sia fisico che mentale.
Questa è l’essenza del Grande Risveglio che non parte dall’arresto di Biden, Hillary o Conte, ma solo da una profonda presa di consapevolezza che deve avvenire dentro di noi, in piena coesione col nostro prossimo, in armonia e con spirito di collaborazione che mi auguro di poter avere personalmente con tutti i veri ricercatori, che possa essere la Sig.ra Fidanza che stimo per il lavoro che svolge quotidianamente, ma anche con l’amica Valeria Gentili e chiunque con spirito costruttivo e positivo riesca a canalizzare queste paure, queste frustrazioni in un atto di creatività, di condivisione di percorso di crescita comune, perché a prescindere dai diversi punti di vista siamo tutti collegati, siamo tutti una cosa sola, siamo Uno, ed è per questo che ci vogliono separati.Spero un giorno di potermi incontrare anche di persona con tutte le persone appena citate, non per parlare di certezze, ma per capire come poter creare tutti insieme, qualcosa di bello e costruttivo, perché finalmente è arrivato il Tempo di Cambiare !!

 DEDICA DELLA SETTIMANA

“ Caro Italo un giorno a casa tua mi dicesti che era stato un onore conoscerci, lasciandomi spiazzato e con poche parole mie di risposta, piene di emozione. Allora non riuscì a dirti quello che ti voglio dire adesso. Ti vorrei dire che per me, oltre ad essere stato un onore conoscerti, è stata una gioia immensa vedere che ci possono essere state persone come te, in questo Mondo così fuori asse. Hai lasciato un’impronta indelebile sul cammino di ognuno di noi, col tuo esempio, la tua umiltà e il tuo gran cuore e ti vorrei dire adesso quello che non sono riuscito a dirti quando la tua anima ha deciso di lasciare questo piano. Grazie di tutto.. “

Luca La Bella

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

 



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.