Quantcast
Database Italia

CIA E MI6 Dietro Il Conflitto Armeno-Azero?

Lo scontro tra Azerbaigian e Armenia si è intensificato rapidamente. È in corso una guerra su vasta scala, con entrambe le parti che usano artiglieria pesante, carri armati e aviazione, con vittime confermate già a centinaia, compresi i civili.

Questo conflitto è vantaggioso sia per l’ élite azera che armena, a breve termine, in quanto consente di distrarre il popolo dalle questioni economiche (causate dalle misure anti-coronavirus con la recessione / depressione globale sullo sfondo) e unirle temporaneamente di fronte ad una minaccia percepita, ma c’è anche una dimensione internazionale distinta, con la Turchia che sostiene apertamente l’Azerbaigian attraverso le sue reti (il presidente della Francia, Emmanuel Macron, tra gli altri, ha affermato che i jihadisti siriani stanno combattendo in Nagorno-Karabakh) e diplomatici turchi che usano molta retorica militarista in relazione all’Armenia (la Turchia dovrebbe tacere su tutto ciò che ha a che fare con l’Armenia, data la storia tra i due all’inizio del XX secolo, ma questo è oltre il punto).
Ci sono molteplici fattori in gioco, ma ci sono alcuni piccoli dettagli a cui gli analisti non prestano molta attenzione.
L’attuale direttore della CIA, Gina Haspel , stava svolgendo incarichi sul campo in Turchia nelle prime fasi della sua carriera, secondo quanto riferito parla turco e ha lavorato come capo stazione a Baku, in Azerbaigian , alla fine degli anni ’90. È quindi presumibile che abbia ancora contatti con il governo locale e le élite imprenditoriali.
L’attuale capo dell’MI6, Richard Moore , ha anche lavorato in Turchia: svolgeva compiti per i servizi segreti britannici lì alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90. Moore parla correntemente turco ed è stato anche ambasciatore britannico in Turchia dal 2014 al 2017.
I capi dell’intelligence dei due paesi più potenti dell’Anglosfera sono turkologi con collegamenti in Turchia e Azerbaigian. Sarebbe ragionevole presumere che un conflitto regionale di tale portata in corso ora, sotto la loro sorveglianza, sia lungi dall’essere una semplice coincidenza.
Inoltre, ci sono altre due potenze nella regione che possono essere trascinate in questo conflitto, alla fine: la Russia dal nord e l’Iran dal sud, i paesi che hanno profondi interessi economici, culturali, diplomatici e di sicurezza rispettivamente in Armenia e Azerbaigian. Né la Russia né l’Iran hanno bisogno di un’altra zona di guerra ai loro confini, e nessuno dei due è noto per essere apprezzato dalle élite degli Stati Uniti e del Regno Unito.
Inoltre, non dobbiamo dimenticare che quest’anno è l’anno elezioni presidenziali negli Stati Uniti, ed è comune per gli americani cercare di risolvere i loro problemi interni attraverso una politica estera aggressiva anche se avranno problemi questa volta, (probabilmente il peggior tipo di problemi che hanno avuto dagli anni ’30, Trump). È interessante che questo conflitto tra Azerbaigian e Armenia (il conflitto che ha il potenziale di degenerare in una terza guerra mondiale) si stia verificando ora, poche settimane prima delle elezioni e di una potenziale guerra civile negli Stati Uniti.

Inoltre, è l’anno 2020, dopotutto, Pandemia, Recessioni, depressioni economiche, ultranazionalismo utilizzati da diversi gruppi di potere in tutto il mondo e il sistema globale in generale attraversa un enorme tumulto.

Niente di buono da aspettarsi da tutto questo.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments