Database Italia

CINA. Chi lascia lo Xinjiang viene costretto in quarantena e obbligato a prendere medicine sconosciute.

Lo scoppio del COVID-19 a Kashgar, nello Xinjiang , è peggiorato. I dati ufficiali del governo comunista cinese hanno visto un aumento di quasi 200 casi di Covid19 negli ultimi giorni.

Il territorio ha attivato un pronto intervento di primo livello. Persone di altre zone che si sono recate di recente a Kashgar sono state rintracciate dalle autorità e messe in quarantena , le porte delle loro stanze d’albergo sono state sigillate dalle autorità e gli “ospiti” nutriti con medicinali e sostanze sconosciute..
Il signor Li, un residente di Ürümqi che era di recente in viaggio d’affari a Kashgar, ha detto a The Epoch Times di essere arrivato a Kashgar il 22 ottobre e di essere partito il 25 ottobre. Dopo essere arrivato all’aeroporto di Ürümqi alle 18:00 del 25 ottobre, lui e più di 40 persone sullo stesso aereo sono stati immediatamente portati in un sito di quarantena. Ürümqi, la capitale dello Xinjiang, si trova a 900 miglia a nord est di Kashgar.

“Sono stato portato direttamente al sito di quarantena, un hotel nel distretto di Tianshan. Il personale non parlava molto e non ci ha detto nulla “, ha detto Li.
Sebbene sia stato testato per il virus del PCC , comunemente noto come coronavirus, all’arrivo, le autorità non gli hanno fornito il risultato. “Abbiamo chiesto quanto dura la quarantena e quando ci verranno comunicati i risultati del test degli acidi nucleici, ma nessuno ha risposto”, ha detto.
Li ha aggiunto che quando è iniziata la quarantena, farmaci sconosciuti sono stati consegnati loro due volte al giorno, la mattina e la sera.
“Questa, non è una medicina cinese. Non so cosa sia questa medicina “, ha detto. “Non l’ho presa. Sono riuscito a buttarla via. Non so cosa sia quella medicina … quali ingredienti ci siano “.

Li ha espresso la sua principale preoccupazione ora è perdere il lavoro e non essere in grado di guadagnarsi da vivere a causa della quarantena forzata del governo. Ha detto che prima di tornare da Kashgar, aveva già programmato di mettersi in quarantena in un hotel.

“Se non ci mettessero in un sito di quarantena, andrei in un hotel per mettermi in quarantena”, ha detto. “Perché se vado a casa e vengo trovato dall’ufficio della comunità, tutta la mia famiglia verrà portata via per essere messa in isolamento centralizzato”. Il PCC ha i cosiddetti “uffici comunitari” in ogni quartiere della Cina che gli consentono di sorvegliare gli affari locali.
Un altro residente di Ürümqi, Zhang Lu (alias), è stato anch’egli in quarantena forzata da quando è rientrato da un viaggio d’affari a Kashgar.

Zhang ha detto a The Epoch Times che lui e i suoi colleghi si sono recati in macchina nella contea di Bachu a Kashgar per affari il 20 ottobre e sono tornati a Ürümqi il giorno successivo. Poi, il 24 ottobre, si è recato in un’altra città, Changji, a 40 chilometri a ovest di Ürümqi. Durante il suo viaggio di ritorno a Ürümqi quella notte, è stato intercettato al checkpoint del fiume Toutun e trasferito in una struttura di quarantena.
Secondo Zhang, quella notte c’erano circa 100 veicoli inviati nell’area di quarantena, il che significa che almeno 100 persone sono state messe in quarantena insieme a lui. Venivano da tutto il paese, inclusi Sichuan, Henan, Guangdong e persone in viaggio, ha detto Zhang.

Zhang ha comunicato che sosterrà le quarantene imposte dal governo ai fini della prevenzione delle epidemie fintanto che si dimostreranno efficaci nell’evitare futuri blocchi della città.

Turisti costretti alla quarantena, documenti confiscati

Una turista in visita nello Xinjiang, che aveva già ricevuto un risultato negativo al test per il virus del PCC, ha detto di essere stata indotta dalle autorità locali a recarsi in un centro di confinamento dove è stata costretta in quarantena e non le è stato permesso di andarsene, mentre le è stata sequestrata la sua carta d’identità . Le autorità le avevano inizialmente detto che la avrebbero indirizzata all’ufficio della comunità locale da dove avrebbe potuto partire dopo la registrazione.
La donna ha pubblicato un lungo messaggio sul social media cinese Weibo il 26 ottobre descrivendo la sua situazione: “Hanno ingannato i turisti, passo dopo passo, dicendo che potremo lasciare lo Xinjiang dopo aver superato positivamente un esame sul test degli acidi nucleici dopo la registrazione presso l’ufficio comunitario di la città.

“Si è scoperto che le nostre carte d’identità sono state sequestrate direttamente da loro e siamo stati trascinati nel sito di quarantena. Non capisco perché hanno sequestrato le carte d’identità dei turisti “, ha detto.

Ha aggiunto che la Commissione sanitaria dello Xinjiang ha “mentito a tutti i turisti” dopo averle detto che avrebbero potuto lasciare lo Xinjiang entro sette giorni da un test negativo degli acidi nucleici. Invece, quando i turisti sono arrivati ​​alla struttura di quarantena, è stato detto loro che sarebbero dovuti restare in quarantena per almeno 14 giorni.

“Tutti i turisti che sono entrati nel sito di quarantena con me oggi sono stati indotti dalle autorità a venire qui”, ha aggiunto.

Nel suo messaggio lamenta che le sue chiamate al quartier generale per la prevenzione delle epidemie di Ürümqi sono rimaste senza risposta e che il personale presso il sito di quarantena ignora tutte le domande e le richieste.
Ha supplicato le autorità locali nel messaggio: “Molte persone sono state irragionevolmente messe in quarantena dall’assurda politica di prevenzione delle epidemie di Ürümqi. Per favore, lasciateci andare a casa! “

Ha anche pubblicato una foto su Weibo che mostra la porta della struttura di quarantena sigillata con nastro di plastica.

Quando The Epoch Times ha cercato di intervistare la donna, ha detto che tutto quello che voleva dire era sul suo Weibo e che non era conveniente per lei accettare un’intervista. The Epoch Times ha scoperto all’inizio del 29 ottobre che tutti i suoi contenuti pubblicati su Weibo sulla quarantena sono stati eliminati.

Secondo i dati ufficiali, al 27 ottobre ci sono stati 22 casi confermati e 161 infezioni asintomatiche nella contea di Shufu, nella città di Kashgar.

Articolo apparso su THE EPOCH TIMES tradotto da Davide Donateo



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.