Database Italia

CINA – IRAN. Accordo segreto sul petrolio per spaccare i mercati occidentali

Un accordo petrolifero segreto tra Cina e Iran nel cuore del progetto One road One Belt cambierà l’equilibrio geopolitico del potere in Medio Oriente. I prodotti manifatturieri creati utilizzando risorse iraniane a basso costo saranno utilizzati per spaccare i mercati occidentali attraverso l’asse Cina-Iran insieme ad un accesso illimitato alle basi militari iraniane. Come sempre, i politici indiani sono stati catturati in questa dinamica mutevole che si appoggiava pesantemente su un giocatore dopo l’altro senza una sua chiara visione.

The Secret China Iran Deal

Nel 2016 è stato firmato un accordo per sigillare il partenariato strategico di 25 anni Cina-Iran. Pertanto, lo scorso agosto, il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Zarif, ha fatto visita al suo omologo cinese, Wang Li, per presentare una tabella di marcia.

Sebbene le informazioni contenute nell’accordo aggiornato non siano state rivelate, la scorsa settimana l’ex presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha dato un chiaro indizio su alcune parti segrete di questo accordo. Ha dichiarato che:

“Non è valido stipulare un accordo segreto con parti straniere senza considerare la volontà della nazione iraniana e contro gli interessi del paese e della nazione, e la nazione iraniana non lo riconoscerà”.

Lo sconto del 12%

Questo accordo, firmato lo scorso anno, afferma che la Cina investirà 280 miliardi di dollari USA nell’espansione dei settori petroliferi e petrolchimici dell’Iran. Questo importo dato dalla Cina verrà caricato anticipatamente nel primo periodo di cinque anni del nuovo accordo della durata di 25 anni e ulteriori investimenti saranno disponibili ogni cinque anni, a condizione che entrambe le parti siano d’accordo.

Un altro investimento di 120 miliardi di dollari sarà destinato al potenziamento delle infrastrutture di trasporto e produzione dell’Iran, che aumenterà in ciascun periodo successivo, nel caso in cui entrambe le parti concordino.

Tanto per cominciare, le aziende cinesi faranno offerte per qualsiasi progetto bloccato o incompleto: petrolio, gas e prodotti petrolchimici in Iran. Alla Cina viene concessa l’offerta di acquisto di tutti i prodotti petroliferi, di gas e di petchems con uno sconto minimo garantito del 12%.

Una cintura una strada

L’accordo di 25 anni sottolinea che la Cina contribuirà alla costruzione dell’infrastruttura principale dell’Iran, che sarà in linea con il principale progetto multi-generazionale geopolitico della Cina, “One Belt, One Road” (OBOR).

La Cina mira a utilizzare la manodopera a basso costo disponibile in Iran per costruire fabbriche con infrastrutture master. Questi saranno finanziati, progettati e controllati da grandi aziende manifatturiere cinesi. I prodotti finiti finiranno poi nei mercati occidentali attraverso nuovi collegamenti di trasporto, anch’essi pianificati, finanziati e gestiti dalla Cina.

Ci sono anche piani per stabilire una linea ferroviaria ad alta velocità Teheran-Qom-Isfahan.

L’elemento militare

Ora, però, un altro elemento che cambierà l’intero equilibrio del potere geopolitico in Medio Oriente è stato aggiunto all’accordo. Se gli elementi militari aerei e navali lavorano in cooperazione tra Iran e Cina, con la Russia che svolge anche un ruolo fondamentale, questo accordo verrà esteso per includere anche nuovi elementi militari proposti da personaggi di spicco dell’IRGC [Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica ] e i servizi di intelligence.

“C’è un incontro in programma nella seconda settimana di agosto tra lo stesso gruppo iraniano e le loro controparti cinese e russa, che concorderà i dettagli rimanenti ma, a condizione che vada come previsto, quindi dal 9 novembre, i bombardieri sino-russi, combattenti e gli aerei da trasporto avranno accesso illimitato alle basi aeree iraniane “, ha detto.

Questo processo inizierà con strutture a duplice uso appositamente costruite vicino agli aeroporti esistenti di Hamedan, Bandar Abbas, Chabhar e Abadan.

Sanzioni iraniane e JCPOA

Ciò che l’Iran spera di ricevere in cambio della sua cooperazione con la Cina e la Russia, è espresso in questa dichiarazione che è arrivata la scorsa settimana quando Zhang Jun, rappresentante permanente delle Nazioni Unite (ONU), ha detto agli Stati Uniti:

“Per fermare le sue sanzioni unilaterali illegali all’Iran … La causa principale dell’attuale crisi è il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo nucleare iraniano nel maggio 2018 e la reimposizione di sanzioni unilaterali contro l’Iran”.

Si è anche opposto alla spinta degli Stati Uniti per l’estensione dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite contro l’Iran, che scade a ottobre. “Questo ha di nuovo minato gli sforzi congiunti per preservare il JCPOA [Piano d’azione globale congiunto]”, ha detto Zhang, e ha aggiunto: “L’accordo [JCPOA] è stato approvato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite [UNSC] ed è giuridicamente vincolante.”

Ha concluso: “Esortiamo gli Stati Uniti a porre fine alle loro sanzioni unilaterali illegali e alla giurisdizione a lungo termine e a ritornare sulla strada giusta per osservare il JCPOA e la risoluzione 2231 [dell’UNSC]”.

Questa partnership è stata un modo per garantire il sostegno della Cina ed è stato ipotizzato che la vera ragione sia inclusa nella parte segreta dell’accordo. Parlando di Russia, inclusa la Cina, questi due paesi hanno due quinti del totale dei voti dei membri permanenti sul Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, oltre a 400 miliardi di dollari USA + di investimenti promessi dalla Cina all’Iran. La Cina garantisce che continuerà a prendere tutto il petrolio, il gas e i petchem richiesti dall’Iran.

Dipendenza energetica indiana

Nel frattempo, l’ostilità dell’ amministrazione di Trump verso l’Iran ha portato a un ultimatum per portare a zero le importazioni di petrolio iraniano. Questo è stato rispettosamente seguito dai politici indiani. E ora in un duro colpo per l’Aatmanirbhar Bharat Abhiyan, l’India sta progettando di immagazzinare il suo petrolio nelle riserve statunitensi . Sebbene la mossa creerà un’ulteriore dipendenza energetica per l’India in caso di interruzione della catena di approvvigionamento o picchi di prezzo, la politica è stata proiettata come una mossa strategica dal Ministro del petrolio.

L’India ha sempre cercato di espandere la capacità di stoccaggio. Ma invece di costruire infrastrutture di stoccaggio e proteggere le riserve strategiche all’interno dell’India, il Ministero del petrolio sta assumendo depositi negli Stati Uniti e proiettandoli come un’opzione fattibile per l’India. Queste scorte, se all’interno del paese, possono essere utilizzate in periodi di estrema volatilità dei prezzi o interruzione dell’offerta. Le stesse diventano uno strumento di influenza geopolitica se situate in qualsiasi altro luogo straniero.

Quindi, ecco una domanda per gli “esperti strategici” dell’India: quale rotta pensate che i cinesi utilizzeranno perportare petrolio dall’Iran nella Cina continentale?

Leggi anche:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.