Quantcast
Database Italia

COCKTAIL CHIMICO TROVATO NELLE MASCHERINE “Respiriamo agenti cancerogeni, allergeni e microfibre sintetiche”





Scienziati tedeschi hanno scoperto che indossare determinati tipi di mascherine per il viso per lunghi periodi di tempo potrebbe comportare l’inalazione di sostanze chimiche potenzialmente pericolose e microplastiche dannose in profondità nei polmoni.

Il professor Michael Braungart, direttore dell’istituto ambientale di Amburgo e co-fondatore del famoso standard ambientale Cradle to Cradle, ha dichiarato a Ecotextile News che chi indossa la mascherina corre inconsapevolmente il rischio di respirare agenti cancerogeni, allergeni e minuscole microfibre sintetiche indossando sia tessuti che maschere chirurgiche in tessuto non tessuto per lunghi periodi di tempo.

Le sue recenti scoperte sono state supportate da un altro chimico tessile leader del settore, il dottor Dieter Sedlak, amministratore delegato e co-fondatore di Modern Testing Services Augsburg, Germania, in collaborazione con Modern Testing Services Global, Hong Kong, che ha trovato concentrazioni elevate di fluorocarburi pericolosi, formaldeide e altre sostanze potenzialmente cancerogene sulle maschere chirurgiche: “Posso solo dire al 100% di avere preoccupazioni simili al Prof. Braungart”.

Con oltre 40 anni di attività, il dott.Sedlak, che era anche l’ex direttore globale della sicurezza dei prodotti presso un importante fornitore globale di prodotti chimici speciali, è una delle figure più rispettate nel settore dei prodotti chimici tessili e ha contribuito a sviluppare vari sistemi di gestione delle sostanze chimiche EHS. e concetti RSL utilizzati oggi dai principali marchi globali di abbigliamento e calzature.

I primi test analitici di entrambi questi esperti hanno ora messo in dubbio l’opportunità di utilizzare determinati tipi di maschere per ore e ore. In particolare studenti, operai e pendolari che potrebbero essere maggiormente a rischio di danni a lungo termine ai polmoni attraverso l’esposizione sia a sostanze chimiche limitate che a microplastiche, forse superando il rischio a breve termine di qualsiasi esposizione al coronavirus?

“Ciò che respiriamo attraverso la bocca e il naso sono in realtà rifiuti pericolosi”, ha affermato il professor Braungart, che ha eseguito test preliminari su maschere chirurgiche usate che hanno trovato tracce di sostanze chimiche come la nota anilina cancerogena, nonché formaldeide e sbiancanti ottici, entrambi fortemente regolamentati sui beni di consumo da parte delle autorità europee e statunitensi a minuscole parti per milione di concentrazioni.

Studi separati del Dr. Sedlak hanno anche dimostrato la presenza di composti come i diisocianati bloccati di 2-butanone ossima (cancerogeni) usati come reticolanti per perfluorocarburi (PFC) sulle maschere facciali. Utilizzati nel settore tessile come oleorepellenti e idrorepellenti sui tessuti, i sottoprodotti dei PFC sono noti per essere bio-persistenti e il loro uso è fortemente limitato dalle autorità in Europa e negli Stati Uniti. L’anno scorso, un gruppo di scienziati statunitensi ha chiesto che tutte le sostanze per- e polifluorurate (PFAS) siano trattate come una singola classe di chimica e ha affermato che dovrebbero essere evitate per usi non essenziali a causa dei loro pericolosi tossicologici ed eco-tossicologici.

“Onestamente, non mi aspettavo che i PFC sarebbero stati trovati in una maschera chirurgica, ma nei nostri laboratori abbiamo metodi di routine speciali per rilevare facilmente queste sostanze chimiche e poterle identificare immediatamente. Questo è un grosso problema “, ha spiegato il dott. Sedlak.

“Sembra che questo sia stato deliberatamente applicato come repellente per i liquidi – funzionerebbe per respingere il virus in un formato di goccioline di aerosol – ma il PFC sul viso, sul naso, sulle mucose o sugli occhi non è buono”. Insieme ai PFC, ha anche rilevato, oltre ai reticolanti PFC, composti come formaldeide e acetaldeide, mentre un cromatogramma GCMS ha mostrato “centinaia di picchi da altri contaminanti”.

Preoccupazione in microfibra

Come Sedlak, Braungart ha notato che le maschere chirurgiche sono state progettate per essere indossate per scopi molto specifici come i medici o per un breve periodo di tempo prima di essere scartate. Non sono progettati per essere accartocciati nelle tasche delle persone dove “l’attrito e l’ambiente umido promuovono l’abrasione delle fibre e incoraggiano la colonizzazione batterica nel tempo”, ha detto.

Questa abrasione può causare il rilascio di minuscole microplastiche quando le fibre di polipropilene si rompono a causa dell’usura meccanica, scoprendo nei test che alcune maschere rilasciano microfibre classificate come “ polvere ” pericolosa dall’assicurazione sociale tedesca contro gli infortuni (DGUV). Le fibre con questo tipo di geometria che soddisfano questo standard sulle polveri vengono anche chiamate “fibre dell’OMS” dopo un precedente lavoro dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’amianto.

Tessuti preferibili ai non tessuti?

Durante la pandemia in corso, la maggior parte delle persone ora indossa anche maschere e rivestimenti per il viso realizzati con materiali tessili tradizionali che normalmente sarebbero utilizzati per realizzare i nostri vestiti.

Per fortuna, i rischi associati alle sostanze chimiche dannose sugli indumenti sono più bassi che mai, ma i rischi non sono pari a zero. “I rischi associati agli indumenti tendono ad essere dovuti al contatto con la pelle, a parte i bambini che tendono a succhiare tutto ciò che possono avvicinarsi alla bocca – e quindi è normale avere standard chimici più severi per i tessuti per abbigliamento per bambini”, secondo il tessile esperto di chimica, Phil Patterson di Color Connections, che lavora anche con la prestigiosa Fondazione ZDHC per la gestione delle sostanze chimiche.

“A mio parere, le maschere tessili non superano questo test di rischio più elementare per i bambini, per i quali è stato dimostrato categoricamente che i rischi di COVID sono minuscoli”, ha detto.

Potenziali rischi di contenzioso?

Un problema imprevisto per coloro che richiedono l’uso continuato e a lungo termine di mascherine per il viso, come i governi e le imprese, è il potenziale per contenziosi futuri se è dimostrato che avranno impatti negativi a lungo termine sulla salute umana, soprattutto perché a lungo termine gli studi devono ancora essere intrapresi.

Patterson, che ha consigliato alcuni dei più grandi rivenditori e marchi di abbigliamento al mondo sulla gestione dei prodotti chimici, concorda sul fatto che questo potrebbe essere un problema.

“Sarei molto attento nell’imporre maschere obbligatorie , poiché alcune sostanze chimiche e fibre possono avere effetti a lungo termine e questo potrebbe aprire le porte a richieste di risarcimento per lesioni personali in futuro”.

Grandi marchi

Nate Sponsler, direttore del gruppo AFIRM che rappresenta oltre 30 noti marchi di consumo, come Amazon, Nike e Levi Strauss, nel tentativo di ridurre l’uso di sostanze nocive nei tessuti, afferma che sono i primi giorni a guardare le mascherine per il viso. “Non abbiamo ancora effettuato alcuna aggregazione formale di dati o studi specifici per le maschere facciali, quindi sono contento che questo problema venga evidenziato”, ha affermato.

Dice che le maschere facciali in tessuto sono un problema diverso rispetto alle maschere chirurgiche, dove dice di non essere “sorpreso” di vedere potenziali sostanze pericolose a base di fluoro applicate a queste maschere, dato che sono progettate per l’uso nel settore medico, “dove esistono tutti i tipi di esenzioni per la chimica sui DPI “, ha affermato.

Ha anche osservato che per le maschere per il viso per bambini “la migliore pratica AFIRM sarebbe quella di utilizzare cotone organico, e per gli adulti in cui vengono utilizzati più materiali e sostanze chimiche (come le stampe, ad esempio), ciò richiede più attenzione”.

Le maschere sono state parte integrante della risposta globale al coronavirus e un intervento necessario, soprattutto al culmine della pandemia. Ma quando iniziamo a uscire da questa crisi sanitaria globale, i principali scienziati si stanno ora chiedendo se il rischio reale di esposizione a sostanze chimiche potenzialmente pericolose derivante dall’uso di maschere a lungo termine sia effettivamente superiore al rischio di entrare in contatto con il Sars-CoV-2 specialmente per bambini e giovani adulti che si trovano nella categoria a basso rischio quando si tratta di sviluppare il COVID-19 grave.

Questa è una versione ridotta di una funzionalità completa che appare sia nella versione cartacea che in quella elettronica di Ecotextile News, aprile 2021.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITELIA

La fonte originale di questo articolo è Ecotextile NewsCopyright © Ecotextile News , Ecotextile News , 2021



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments