Database Italia

Colture OGM: Gli studi falsi sui benefici e il conflitto di interessi

La ricerca rivela che il Bt Cotton in India è stato spinto dalla Monsanto pur non presentando nessun beneficio effettivo

Il 6 luglio 2020, un articolo che esalta i benefici delle colture geneticamente modificate (GM) è  apparso sul sito web BloombergQuint  basato su un’intervista con il dottor Ramesh Chand, un membro del think tank chiave del governo indiano Niti Aayog (National Institution for Transforming India). Il 17 luglio, sullo stesso sito è apparso un altro pezzo che ha dato una svolta positiva alle colture GM e alla tecnologia di modifica genetica ( Feeding 10 Billion People will Require Genetically Modified Food ).

Secondo il prof.Andrew Paul Gutierrez, il dott.Hans R. Herren e il dott.Peter E. Kenmore, ricercatori agricoli di fama internazionale, i pezzi riportavano “affermazioni radicali non supportate” sui benefici e la necessità di organismi geneticamente modificati (OGM) e tecnologie correlate nell’agricoltura in India .

I tre accademici hanno ritenuto che fosse necessaria “una risposta responsabile e fattuale” e hanno scritto una lettera – contenente quella che potrebbe essere definita l’analisi definitiva del cotone Bt in India – al dottor Ramesh Chand, al dottor Rajiv Kumar (vice cancelliere di Niti Aayog) e Dr Amitabh Kant (CEO di Niti Aayog).

Si dice che Chand abbia affermato che non esiste uno studio credibile che mostri alcun impatto negativo della coltivazione del cotone Bt negli ultimi 18 anni nel paese (l’unico raccolto GM ufficialmente approvato in India). Questo semplicemente non è vero. Inoltre, Gutierrez sostiene che tutte le prove credibili dimostrano che qualsiasi scarso aumento della resa del cotone dopo l’introduzione del cotone Bt nel 2002 era in gran parte dovuto all’aumento dell’uso di fertilizzanti.

Prima di procedere, è opportuno affrontare l’affermazione secondo cui  “nutrire 10 miliardi di persone richiederà alimenti geneticamente modificati” . Se prendiamo il caso dell’India e della sua popolazione di oltre 1,3 miliardi di persone, essa ha raggiunto l’autosufficienza nei cereali e si è assicurata che, almeno in teoria, ci fosse abbastanza cibo disponibile per sfamare l’intera popolazione. È il più grande produttore al mondo di latte, legumi e miglio e il secondo produttore di riso, grano, canna da zucchero, arachidi, verdura e frutta.

Tuttavia, la sicurezza alimentare per molti indiani rimane un sogno lontano. La fame e la malnutrizione rimangono prevalenti. Ma non è perché gli agricoltori non producono abbastanza cibo. Questi problemi derivano da altri fattori, tra cui una distribuzione alimentare inadeguata, politiche sociali ed economiche, disuguaglianza e povertà. È un caso di “scarsità” in mezzo all’abbondanza (che riflette la situazione a livello globale). L’India continua persino a esportare cibo mentre milioni di persone rimangono affamate. La produttività non è il problema.

E mentre i sostenitori affermano che GM aumenterà la produttività e aiuterà i coltivatori a ottenere un reddito migliore, anche questo ignora i contesti politici ed economici cruciali; con raccolti eccezionali, gli agricoltori indiani  si trovano ancora  in difficoltà finanziarie. Gli agricoltori indiani non stanno vivendo difficoltà a causa della bassa produttività. Si stanno riprendendo dagli effetti delle  politiche neoliberiste  e da anni di abbandono. È per una buona ragione che l’apporto calorico e di nutrienti essenziali dei poveri delle zone rurali è  diminuito drasticamente .

Eppure la lobby pro-OGM non ha perso tempo nello strappare queste questioni dai loro contesti politici per utilizzare le nozioni di “aiutare gli agricoltori” e “nutrire il mondo” come cardini della loro strategia promozionale.

PREOCCUPAZIONI VALIDE

L’intervista a Chand è avvenuta durante un evento di pubblicazione del libro per un nuovo volume intitolato ‘Socio Economic Impact Assessment of GM crop: Global Implications Based on Case Studies from India’ edito da Sachin Chaturvedi e Krishna Ravi Srinivas del Sistema di ricerca e informazione con sede a Delhi ( RIS) per i paesi in via di sviluppo: un think tank di ricerca sulle politiche presso il Ministero degli affari esteri.

Gutierrez et al affermano che ciò che Niti Aayog e i rappresentanti del RIS dicono e scrivono sono esistenzialmente importanti a causa dei loro profondi legami con i responsabili politici indiani: le loro opinioni possono avere un grande impatto sullo sviluppo futuro della politica nell’area dell’ingegneria genetica e delle tecnologie correlate come l’editing genomico, che influenzerà la salute, i mezzi di sussistenza e il benessere a lungo termine degli agricoltori indiani e della nazione.

Chand sostiene che l’opposizione e l’incertezza nei confronti della tecnologia GM permangono perché hanno creato paura nelle menti delle persone. Sembra implicare che questo sia uno dei motivi per cui il governo indiano non ha abbracciato la tecnologia e che i resoconti dei media si sono basati più sugli attivisti che sugli scienziati.

I lobbisti delle biotecnologie OGM hanno spesso affermato che la scienza è stata messa da parte dagli attivisti che hanno influenzato l’agenda politica.

Nella  rivista Current Science  (settembre 2019), il dottor Deepak Pental ha risposto a un precedente articolo nella stessa rivista di eminenti scienziati  PC Kesavan e MS Swaminathan , il cui articolo citava buone prove che mettevano in dubbio l’efficacia e la necessità dell’agricoltura OGM in India.

Pental ha sostenuto che i due autori si erano allineati con ambientalisti e ideologi che hanno “stupidamente” attaccato l’uso della tecnologia GM e che gli aspetti della loro analisi sono un riflesso delle loro “inclinazioni ideologiche”.

Tuttavia, in India è stata un’indagine scientifica unica di quattro mesi, non attivismo, che ha portato al rifiuto della commercializzazione di Bt Brinjal nel 2010. E se guardiamo all’Europa, sono in atto robusti meccanismi di regolamentazione per gli OGM.

Numerosi studi hanno evidenziato la  premessa errata  dell ‘”equivalenza sostanziale”. Inoltre, dall’inizio del progetto OGM, si è verificata l’  eliminazione di serie preoccupazioni  sulla tecnologia e, nonostante l’industria affermi il contrario, non  c’è consenso scientifico  sull’impatto sulla salute delle colture GM.

Sia il Protocollo di Cartagena che il Codex condividono un approccio precauzionale alle colture e agli alimenti GM in quanto concordano sul fatto che gli OGM differiscono dall’allevamento convenzionale e che dovrebbero essere richieste valutazioni di sicurezza prima che gli OGM vengano utilizzati negli alimenti o rilasciati nell’ambiente.

Queste preoccupazioni non possono essere messe da parte in quanto non basate sulla scienza. Tali accuse sono atteggiamenti politici, parte di una strategia per inclinare l’agenda politica e distogliere l’attenzione dalle prove che portano alla messa in discussione della sicurezza, dell’impatto ambientale e della registrazione delle colture GM.

FALSO NARRATIVO DI BT COTTON

Gutierrez et al commentano anche il libro Chaturvedi-Srinivas nella loro lettera e notano che, in contrasto con le affermazioni pro-OGM sul libro riportate dalla stampa, la maggior parte dei capitoli contiene alcuni punti che mitigano o criticano questo entusiasmo eccessivamente semplificato.

Nel riesaminare il libro, i tre ricercatori notano che la posizione politica generale, secondo cui il cotone Bt porta benefici agli agricoltori più piccoli e scarsamente collegati, non è sempre supportata dai dati del caso studio presentati. Inoltre, le rese di cotone Bt non erano necessariamente più alte (rispetto al cotone non Bt) per tutti gli agricoltori e anche quando si sono verificati guadagni economici, non è stato dimostrato che tali guadagni provenissero dai tratti Bt: livelli di fertilizzanti più elevati di solito aumentavano le rese.

Inoltre, il cotone Bt non è neutro in termini di scala: ha favorito principalmente gli agricoltori più grandi e gli alti prezzi dei semi di cotone Bt sono una grande preoccupazione per molti agricoltori, così come le pratiche di prezzo monopolistiche.

Gutierrez ei suoi colleghi concludono che il volume RIS ha citato guadagni di resa e riduzioni nell’uso di insetticidi nel cotone Bt che sono imprecisi.

Aggiungono:

… Emerge un’immagine fallimentare di un sistema di cotone Bt eco-sociale insostenibile basato su una relazione distopica tra coloro che controllano e vendono gli input, e la stragrande maggioranza degli agricoltori… In nessuna parte del volume si parla di potenziali alternative praticabili non OGM. ”

I tre ricercatori fanno notare che di recente in India sono stati pubblicati almeno 25-30 documenti peer review da quasi tutte le università agricole che si occupano di cotone, convalidando i concetti ad alta densità (SS-HD) di breve stagione utilizzando varietà non Bt. In tutti gli studi, le piantagioni di SS-HD hanno sempre ottenuto i rendimenti più alti, indicando chiaramente l’inadeguatezza dell’attuale sistema ibrido a bassa densità di lunga stagione. Tuttavia, nessuno di questi studi è stato citato nel volume RIS di Chaturvedi-Srinivas.

Gutierrez et al notano che i cotoni ibridi unici in India furono introdotti a metà degli anni ’70 presumibilmente per aumentare la resa e la qualità, ma il seme ibrido è considerevolmente più costoso, le piante richiedono più fertilizzanti e acqua stabile e la tecnologia ibrida serve come cattura di valore meccanismo che richiede acquisti annuali di sementi.

Sostengono che gli agricoltori indiani stanno piantando varietà di cotone ibrido di lunga stagione inadeguate a densità di impianto basse a causa degli alti costi dei semi, che contribuisce a una stagnazione della resa.

Forniscono inoltre una panoramica di come, nel cotone ibrido di lunga stagione, l’uso di insetticidi abbia causato disagi ecologici, inducendo focolai di insetti nocivi secondari:

Gli agricoltori spendevano soldi in insetticidi per perdere denaro da parassiti indotti da (insetticidi) … Mentre la tecnologia Bt inizialmente risolveva i problemi del bollworm, iniziarono a verificarsi epidemie di parassiti secondari non controllati dalle tossine Bt, aumentando nuovamente l’uso di insetticidi nel cotone Bt che entro il 2013 ha superato i livelli precedenti al 2002. Ciò ha causato sconvolgimento ecologico e focolai indotti di parassiti secondari ancora più recenti … e un aumento dei livelli di resistenza agli insetticidi. Nel 2013, gli agricoltori indiani erano saldamente sul tapis roulant sia insetticida che biotecnologico “.

I tre ricercatori concludono che il cotone Bt non ha aumentato le rese, ma ha contribuito ad aumentare i costi di produzione a fronte di rese stagnanti, portando a difficoltà economiche.

Sostengono che il cotone ibrido Bt in India è un fallimento o, nella migliore delle ipotesi, non ottimale per il benessere degli agricoltori e affermano che in India sono state sviluppate varietà di cotone pluviale di linea pura HD-SS non OGM che potrebbero raddoppiare la resa e triplicare il reddito netto. Esiste il potenziale per lo sviluppo di varietà HD-SS non ibride non OGM a resa ancora più elevata in India, che consentirebbero il risparmio di semi da parte degli agricoltori indiani.

Tuttavia, affermano che questo approccio è stato messo da parte: ora vediamo il cotone ibrido Bt usato falsamente come esempio di successo e come modello per la diffusione di OGM, editing genetico e altre tecnologie nell’agricoltura indiana.

Il 12 agosto 2013,  un articolo su The Hindu  (“Nip this in the bud”) osservava che il Ministero dell’agricoltura, il Consiglio indiano della ricerca agricola e il Ministero della scienza e della tecnologia erano stati profondamente compromessi a causa dei loro legami forti e attivi con l’industria delle biotecnologie OGM.

In effetti, alla Monsanto era stato concesso l’accesso alle istituzioni pubbliche di ricerca agricola, il che aveva messo quella società in grado di influenzare seriamente la politica. Nel 2014, il 95% del cotone coltivato in India era GM e i semi non GM erano quasi scomparsi dal mercato.

Si spinge ora a vedere un simile scenario di cattura del valore attecchire con colture alimentari geneticamente modificate, basato sul mito del successo del cotone Bt, che negli ultimi anni è stato promosso da un certo numero di funzionari governativi in ​​India.

La scienza e la ragione (e gli agricoltori e il pubblico) rischiano di essere sacrificate per le “tendenze ideologiche” di figure chiave e organismi direttamente collegati al processo decisionale nazionale.

La lettera citata in questo articolo può essere letta integralmente sul  sito GMWatch.org . Contiene un’analisi più approfondita del cotone Bt in India rispetto a quella qui presentata, inclusi numerosi grafici e riferimenti a studi chiave.


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.