Quantcast
Database Italia

Come cartelli della droga e terroristi stanno usando Covid-19 per ottenere il sostegno del popolo

Mentre il 2021 si avvicina sempre di più, è chiaro che la vita per il prossimo futuro sarà cambiata per sempre dallo scoppio del coronavirus. Mentre le nostre economie si sgretolavano lentamente e la maggior parte di noi rimaneva a porte chiuse nel tentativo di rallentare la diffusione del virus, i cartelli e i gruppi terroristici più pericolosi del mondo hanno fatto esattamente il contrario. Le organizzazioni violente in tutto il mondo hanno visto un’opportunità primaria per cogliere vantaggio dalla pandemia. Il loro scopo? Aumentare il sostegno popolare, impadronirsi di cuori e menti e proteggere il loro territorio.

I cartelli

Il paese costiero centroamericano del Messico si è classificato 11esimo nella lista dei paesi più colpiti dal coronavirus. Negli ultimi dieci anni, il Messico colpito dalla povertà ha combattuto una battaglia estenuante con la rete in continua crescita di potenti cartelli della droga del paese. Il coronavirus è servito solo ad abbattere ulteriormente l’economia messicana e il paese è in rotta verso la sua più dura recessione a memoria d’uomo.

Nella seconda città più grande del Messico, Guadalajara, una giovane donna di nome Alejandrina Guzman è stat ripresa in un video virale su Facebook mentre mostrava la gentile concessione di aiuti di beneficenza ai residenti colpiti dalla povertà che stanno lottando per sopravvivere attraverso la pandemia.

L’aiuto è stato consegnato in scatole con loghi chiari con l’immagine dell’ormai incarcerato signore del cartello Sinaloa Joaquin “El Chapo” Gusman. Che è anche il padre di Alejandrina. Le cassette di aiuto sono state distribuite come “disposizioni del Chapo” e contenevano olio da cucina, zucchero e riso e altri beni di prima necessità. Ma Alejandrina non è l’unica a trarre vantaggio dalla pandemia per carpire cuori e menti tra la popolazione messicana.

“Stiamo Lavorando E Contribuendo. Un Grande Piacere Visitare Le Case E Dare Questi Volantini Chapo ”

– Alejandrina Guzman’s Facebook page.

Vari cartelli in Messico sono apparsi sui social media mentre assegnano ai loro sostenitori il compito di distribuire aiuti ai residenti locali nei loro territori. Nonostante la raccapricciante reputazione di esecutori spietati, dalle decapitazioni ai bagni di acido solforico, i cartelli stanno diventando sempre più bravi nell’attingere cuori e menti dei messicani poveri che si sentono abbandonati dal governo. Le campagne di beneficenza hanno senza dubbio lo scopo di distrarre dalla violenza spietata compiuta da uomini armati del cartello e sicari.

Un dipendente del marchio di abbigliamento “El Chapo 701”, di proprietà di Alejandrina Gisselle Guzman, figlia del condannato re della droga Joaquin “El Chapo” Guzman, distribuisce una scatola con cibo, maschere per il viso e disinfettante per le mani a una donna anziana come parte di una campagna per aiutare gli anziani a corto di denaro durante l’epidemia di coronavirus (COVID-19), a Guadalajara, in Messico, il 16 aprile 2020. Il numero 701 si riferisce alla classifica dei miliardari del mondo del 2009 data dalla rivista Forbes al signore della droga messicano Joaquin “El Chapo “Guzman. REUTERS / Fernando Carranza

Uno dei video più popolari è stato realizzato dal famigerato cartello di Jalisco New Generation (CJNG) e presentava uomini mascherati in abiti militari che distribuivano pacchi di aiuto etichettati “Dai tuoi amici, CJNG, supporto di emergenza COVID-19” ai residenti locali. Questo mese, il CJNG è stato sospettato di aver compiuto l’omicidio di un giudice e sua moglie nello stato messicano di Colima e il tentativo di assassinio del capo della polizia a Città del Messico.

Terroristi

Dall’altra parte del mondo, alcuni dei più famosi gruppi terroristici si stanno mobilitando per combattere la diffusione del coronavirus su una scala più ampia rispetto alle reti del cartello messicano. In modo allarmante, questi gruppi anti-statali hanno creato l’illusione di essere più in grado di gestire la crisi rispetto ai governi centrali.

Hezbollah, il gruppo che è stato nominato l’ organizzazione terroristica più ricca del mondo dalla rivista Forbes, sta conducendo la lotta per combattere il coronavirus in Libano. Hezbollah gestisce ospedali che forniscono ai cittadini libanesi test e trattamenti gratuiti per il coronavirus. Gli hotel di lusso sono stati affittati come strutture di quarantena dal gruppo terroristico che ha anche mobilitato decine di migliaia di opere sanitarie per curare e fermare la diffusione del virus. Nella Striscia di Gaza, due gigantesche strutture di quarantena sono state costruite dall’organizzazione terroristica islamista di Hamas.

Perfino i gruppi terroristici considerati i più draconiani hanno fatto passi drastici nel fermare la diffusione del virus. I talebani, ad esempio, hanno creato video per educare gli afgani alla disinfezione e i militanti hanno distribuito saponi gratuiti e maschere mediche al pubblico. I talebani hanno offerto garanzie di sicurezza a tutti i gruppi di aiuto o enti di beneficenza che vogliono lavorare nel loro territorio in un ruolo anti-coronavirus, nonostante siano stati famosi per aver attaccato regolarmente gli operatori umanitari in passato.

“Stanno Cercando Di Sfruttare L’assenza Percepita Dello Stato Per Il Loro Bene E Di Diventare Più Radicati Nelle Comunità Locali”

FALKO ERNST, UN ANALISTA CON IL GRUPPO DI CRISI INTERNAZIONALE PENSA IL SERBATOIO

Ora un gruppo terroristico sunnita in gran parte sotterraneo e online, l’ISIS ha distribuito una newsletter che ha interrotto una serie di direttive emanate dal gruppo che mira a combattere la malattia. È interessante notare che quando l’ISIS ha controllato il cosiddetto Stato islamico in Siria e Iraq, anche loro hanno tentato di minare il governo centrale ostentando i propri sistemi sociali e sanitari che presentavano operatori sanitari britannici che si erano uniti al gruppo. In realtà, i sistemi offrivano assistenza limitata e di solito venivano dirottati da enti di beneficenza internazionali.

Gliene importa davvero?

Ho lavorato in varie aree controllate da gruppi armati violenti e il comportamento dei cartelli e dei gruppi terroristici in aree in cui il controllo del governo centrale è debole o inesistente non mi sorprende. Mentre è naturale supporre che i gruppi famosi per la violenza estrema che si prendono improvvisamente cura della comunità non siano altro che una trovata pubblicitaria, c’è un obiettivo pressante e serio.

I talebani distribuiscono aiuti al coronavirus in Afghanistan in uno degli ospedali da campo dei gruppi terroristici.

I territori controllati da gruppi terroristici o reti di cartello sono quasi esclusivamente fuori dalla portata delle autorità. Tuttavia, sono tutti a portata di coronavirus che non fa discriminazioni. I cartelli e i gruppi terroristici sono autocoscienti nel senso che il loro territorio è prezioso solo se è popolato da persone sane che li sostengono.

Indipendentemente da quanto sia spietata e violenta un’organizzazione, l’importanza del supporto da parte della gente viene raramente sottovalutata. In Messico, i cartelli che effettuano il furto di carburante dalle condutture spesso lasciano piccole quantità di benzina e diesel per gli agricoltori locali, per ottenere il loro sostegno e renderli felici. Idealmente, questi cittadini offrono in cambio intelligence vitale e sicurezza. Il sostegno popolare è un pilastro vitale per un’organizzazione violenta, quindi la protezione dei cittadini è molto importante.

Anche prima dello scoppio dell’attuale pandemia, gruppi come Hezbollah e alcuni cartelli stavano già fornendo servizi sociali e cure mediche alla gente. La debole risposta alla pandemia che è stata dimostrata da vari governi è un’opportunità primaria per terroristi e cartelli di acquisire ulteriore legittimità pubblica e trincerarsi nella vita regolare.

Cartelli e terroristi che fanno del loro meglio per aiutare le persone possono essere sconcertanti per alcuni, per altri non è un fenomeno nuovo. La campagna ambientalista del gruppo terroristico somalo al Shabaab è stata un precedente esempio di tentativo da parte di un’organizzazione violenta di ottenere rilevanza e dimostrare capacità di leadership attraverso il dirottamento di narrazioni globali.

In realtà, i cartelli e i gruppi terroristici non possono contribuire molto anche se la propaganda farebbe credere a molte persone il contrario. L’aumento di potere e il rafforzamento nella società di queste campagne faranno sì che varie organizzazioni violente restino , così come le conseguenze che avrà sul mondo.

Staremo a vedere l’effetto che queste campagne e l’aumento di potere di Cartelli e reti Terrorisctiche avranno sul mondo.

Fonte: Joel Gallagher è un consulente di sicurezza internazionale specializzato nei paesi dell’ex Unione Sovietica e del Medio Oriente.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.