CybersecurityDeep StateEight O’Clock in the MorningPoliticaScienza e Tecnologia

COME GOOGLE HA INFLUENZATO LE ELEZIONI USA DEL 2020

Per molti di noi, utilizzare Internet significa utilizzare Google. Essendo il sito web numero uno al mondo, Google riceve 5,6 miliardi di ricerche al giorno controllando oltre il 90% del traffico di ricerca globale.

Cercare qualcosa è solo un altro modo per dire che googlare e guardare un video significa utilizzare YouTube, una sussidiaria di Google.

YouTube è il secondo motore di ricerca più popolare al mondo con 2,3 miliardi di utenti e 1 miliardo di ore di video guardati ogni giorno.

In altre parole, le nostre menti, le nostre convinzioni politiche e le nostre visioni del mondo sono inseparabilmente legate ai risultati di ricerca di Google, ma Google non è più una fonte oggettiva di informazioni e il gigante della tecnologia sta attivamente censurando ciò che vediamo.

Leggi anche: COME GOOGLE E FACEBOOK HANNO TRUCCATO IL SETTORE DEGLI ANNUNCI DIGITALI

Nell’agosto del 2019, l’ingegnere senior di Google, Zachary Vorhies, ha fatto trapelare 950 pagine di documenti interni che forniscono prove dell’uso da parte di Google di black list, censura e algoritmi di apprendimento automatico per truccare le elezioni del 2020.

Questa particolare lista nera mostra centinaia di siti web conservatori che sono stati censurati sui risultati di ricerca delle notizie di Android. C’è un evidente pregiudizio politico.

Per esempio; Daily Caller, Western Journal, RedState, Gateway Pundit, Steven Crowder, Michelle Malkin, Glenn Beck e Rush Limbaugh, tra gli altri siti web conservatori, sono entrati nella lista nera.

Come Google ha truccato le elezioni del 2020 2
Come Google ha truccato le elezioni del 2020 3
Fonte:  Zach Vorhies Google Leaks

Nel 2021, Vorhies ha pubblicato un libro intitolato “Google Leaks: A Whistleblower’s Exposé of Big Tech Censorship”, dove spiega che il punto di svolta per Google è stata l’elezione di Donald Trump.

La mattina dopo le elezioni del 2016, quando si è presentato al lavoro presso l’ufficio di Google a San Bruno, in California, tutti stavano perdendo la testa. I dipendenti piangevano e parlavano come se un parente stretto fosse morto.

Leggi anche: Google, Twitter, Meta, TikTok e altri hanno appena firmato il codice “anti-disinformazione” dell’UE

Ovunque andasse, Vorhies sentiva i dipendenti parlare di quanto fossero state ingiuste le elezioni e insistere sul fatto che era necessaria una resistenza per affrontare Trump e il più ampio movimento populista emergente in tutto il mondo.

Poco dopo l’elezione del presidente Trump, il co-fondatore di Google, Sergey Brin, ha dichiarato in una riunione aziendale a tutti gli effetti: “Trovo certamente queste elezioni profondamente offensive e so che lo pensano anche molti di voi”.

Leggi anche: GOOGLE POSSIEDE IL VACCINO

Ha osservato che “molte persone apparentemente non condividono i valori che abbiamo”.

Kent Walker, vicepresidente per gli affari globali dell’azienda, ha accusato la vittoria di Trump di xenofobia e odio e ha affermato che Google deve lottare per garantire che l’ascesa del “populismo” e del “nazionalismo” sia solo un “punto debole” e un “singhiozzo” in un arco storico che “si piega al progresso”.

Altri articoli sull’argomento:

Ruth Porat, CFO della società madre di Google, Alphabet, è riuscita a malapena a trattenere le lacrime al pensiero della loro sconfitta elettorale quando ha detto: “È stato davvero doloroso. Sembrava che una tonnellata di mattoni cadesse sul mio petto”.

Il video dell’incontro è trapelato a Breitbart:

In molti modi, Google ha perso le elezioni del 2016 a favore di Donald Trump.

I dirigenti e i dipendenti di Google hanno adottato una varietà di strategie per eleggere Hillary Clinton.

Le e-mail dalla cache di Wikileaks mostrano che la campagna di Hillary Clinton ha chiesto al presidente di Alphabet Eric Schmidt di elaborare un piano di campagna , che è stato inviato al capo dello staff della Clinton quando era ancora segretario di stato, nell’aprile 2014, un anno intero prima che il politico democratico annunciasse di proporsi per la Casa Bianca.

Il chief technology officer della campagna Clinton, Stephanie Hannon, proveniva da Google , così come il chief product officer della campagna, Osi Imeokparia . Almeno altri due membri dello staff chiave della campagna elettorale di Clinton, Derek Parham e Jason Rosenbaum , hanno già lavorato in Google.

Un’altra catena di posta elettronica trapelata tra i dirigenti senior di Google dal giorno dopo le elezioni del 2016 ha rivelato che la società ha pagato per un’operazione di eliminazione del voto per l’operazione degli elettori ispanici – e i dipendenti l’hanno definita una “donazione silenziosa” alla campagna di Clinton perché pensavano che la linea d’azione l’avrebbe aiutata a vincere.

Come Google ha truccato le elezioni del 2020 4
A sinistra: il titano di Google Eric Schmidt alla manifestazione della notte elettorale di Clinton a New York, con indosso un distintivo del personale. A destra: un ingrandimento del badge del personale di Schmidt la notte delle elezioni.
Come Google ha truccato le elezioni del 2020 5
I dipendenti della tecnologia sono notoriamente politicamente allineati con la sinistra con il 96% dei dipendenti di Google che ha donato ai Democratici durante il ciclo elettorale di medio termine negli Stati Uniti del 2018 dopo la vittoria del presidente Trump nel 2016. Fonte:  Commissione elettorale federale

Dal punto di vista di Vorhies, quando Google ha lanciato una crociata contro le cosiddette “fake news”, ciò che in realtà significava censurare le idee e le argomentazioni dell’ormai eletto presidente e dei suoi sostenitori populisti.

Convenientemente, Google era quella che chiamavano un’azienda “aperta”, che metteva a disposizione di tutti i dipendenti la maggior parte dei suoi documenti interni. Vorhies ha semplicemente cercato “notizie false” – e i documenti che sono apparsi hanno mostrato uno schema chiaro – tutto ciò che era “pro-Trump” e tutto ciò che era “anti-Hillary” veniva etichettato come notizie false.

Nel 2019, Project Veritas ha pubblicato filmati del dirigente di Google, Jen Gennai, che discuteva di “prevenire la prossima situazione Donald Trump”.

Ha osservato: “Stiamo anche addestrando i nostri algoritmi, ad esempio, se il 2016 fosse accaduto di nuovo, l’avremmo fatto, il risultato sarebbe diverso?”

In un altro video trapelato , l’amministratore delegato di YouTube Susan Wojcicki ha descritto come Google ha riscritto i suoi algoritmi per seppellire le narrazioni che non supportavano l’agenda politica di sinistra dell’azienda, “stiamo reprimendo le notizie false e retrocedendo e stiamo aumentando la notizia autorevole per promuoverla”.

“Abbiamo un intero sistema, ci teniamo al passo con le notizie trash in cui abbiamo costruito classificatori, le identifichiamo, cerchiamo contenuti salaci e clickbait che non siano – che non pensiamo siano, sai, l’autorevole novità”, ha continuato.

Wojcicki ha rivelato che la società stava utilizzando “apprendimento automatico” e “classificatori” per censurare i risultati della ricerca.

L’apprendimento automatico è quando gli algoritmi vengono alimentati con informazioni del mondo reale, come le decisioni prese dagli esseri umani, e imparano a prendere decisioni da soli in base agli schemi che trovano.

Quali erano questi classificatori?

In un documento trapelato intitolato “Classifica/classificatore marginale: definizione della qualità del canale”, Google ha classificato ABC News, CBS News e CNN come più “autorevoli” di quelle che Wojcicki chiamerebbe “trash” Fox News, Russia Today e Breitbart.

Come Google ha truccato le elezioni del 2020 6
Fonte:  Zach Vorhies Google Leaks
Come Google ha truccato le elezioni del 2020 7
Uno studio della North Carolina State University ha rilevato che Gmail di Google è costato ai candidati repubblicani  oltre $ 2 miliardi di donazioni dal 2019  contrassegnando la maggior parte delle e-mail di raccolta fondi come spam. Gmail ha contrassegnato meno dell’11% delle email dei candidati di sinistra come spam, mentre più del 77% delle email di destra come spam.

Poco dopo la mezzanotte del 31 maggio 2017, Donald Trump ha twittato una frase di sei parole che ha finito per diventare più famosa di quanto chiunque avrebbe potuto prevedere: “Nonostante la stampa negativa costante covfefe”.

In un documento trapelato intitolato “covfefe Translate Easter egg”, gli ingegneri di Google sono arrivati ​​addirittura a eliminare la parola “covfefe” e il suo significato “Mi alzerò in piedi” dal dizionario arabo e sostituirla con un’emoji scrollata di spalle al fine della agenda politica anti-Trump.

Pochi click del mouse da parte di alcuni dipendenti di Google, e voilà: il tweet virale di Trump non aveva più alcun senso.

Come Google ha truccato le elezioni del 2020 8
Fonte:  Zach Vorhies Google Leaks

Inoltre, la censura di Google copre una vasta gamma di argomenti ben oltre la politica, come rivelato da questa lista nera di YouTube trapelata che mostra centinaia di argomenti che sono stati rimossi dai risultati di ricerca.

Per esempio; la verità sul massacro di las vegas, la compilation di attori di Sandy Hook Crisis, le cure per il cancro, l’omicidio di Anthony Bourdain, l’omicidio di Kate Spade, il pizzagate di Anthony Bourdain, il pizzagate di Kate Spade e AMLO (Andres Manuel Lopez Obrador) sono stati tutti inseriti nella lista nera dai risultati di ricerca di YouTube.

Come Google ha truccato le elezioni del 2020 9
Fonte:  Zach Vorhies Google Leaks

Nel dicembre 2018, il CEO di Google, Sundar Pichai, ha testimoniato sotto giuramento al Congresso che il motore di ricerca non era politicamente prevenuto nei confronti dei conservatori. Pichai ha detto: “Non interveniamo manualmente su nessun particolare risultato di ricerca” e ha negato l’uso della lista nera o della censura.

Nel luglio 2019, il vicepresidente di Google, Karan Bhatia, ha anche testimoniato sotto giuramento al Congresso che il motore di ricerca non stava “intervenendo manualmente” o “utilizzando la lista nera” nei risultati di ricerca.

Nell’agosto 2019, l’ingegnere senior di Google Zach Vorhies ha fatto trapelare documenti che dimostrano che il CEO di Google Sundar Pichai e il vicepresidente Karan Bhatia hanno mentito al Congresso.

Poiché non è stato fatto nulla per ritenere Google responsabile, la censura di Google è aumentata rapidamente durante il blocco del COVID-19, che ha portato alle elezioni del 2020, e ha continuato a progredire solo dopo aver bandito definitivamente il presidente Trump.

Non esiste una società libera finché una manciata di miliardari irresponsabili della Silicon Valley e i loro dipendenti attivisti di sinistra anti-libertà di parola stanno attivamente censurando, ingannando e manipolando le menti di miliardi di persone in tutto il mondo.

Questi effetti non assomigliano per niente alle pubblicità pubblicate in Russia o alle notizie false.

Google ha il potere di determinare quali contenuti vedono i cittadini americani e quali non vedranno e i documenti trapelati di Zach Vorhies dimostrano che il gigante della tecnologia ha utilizzato algoritmi di censura, lista nera e apprendimento automatico per “reprimere” le “notizie spazzatura” e ” per promuovere” le “notizie autorevoli”, quindi il movimento “nazionalista populista” del presidente Donald Trump è stato solo un “bip” e un “singhiozzo” nel loro arco storico che “si piega al progresso”.ù

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!