CulturaDeep StateEight O’Clock in the MorningPoliticaSocietà

Come i libri di testo dell’Ucraina insegnano ai bambini a odiare i russi

Il fronte di guerra psicologica in Ucraina è stato aperto decenni fa, anche la distorsione della storia ne fa parte ed è diventata una strategia chiave dopo il colpo di stato di Maidan del 2014.
Consulenti occidentali hanno distribuito i budget in modo diversificato. Le strategie formative dirette ai bambini sono diventate un punto focale del loro lavoro, indipendentemente e non curanti del danno causato alla psiche dei bambini.

Ecco un esempio:
“Formica Invincibile” di Larisa Nitsoy è un bestseller nazionale: un libro dai colori vivaci con una buona stampa e stampato su carta di qualità che racconta la storia di una “formica invincibile”. Il libro è pensato per bambini dai cinque anni in su.

Copertina di “Formica Invincibile” – un libro della scrittrice per bambini Larisa Nitsoy.

Il libro parla di una comunità di formiche che ha vissuto, lavorato e non ha conosciuto dolore della guerra prima di essere attaccata da una vicina colonia di insetti che aveva precedentemente giurato il loro affetto fraterno. I vicini attaccarono e distrussero il formicaio e rovinarono la loro vita felice. Tuttavia, alla fine, le formiche buone si uniscono, sconfiggono gli invasori e li scacciano dalla loro terra.
Un estratto da “Formiche invisibili” di Larisa Nitsoy.

Articoli correlati

“Nonno, togliamo le armi alle formiche. Perché i bambini dovrebbero imparare queste cose? Siamo un popolo pacifico. Perché dovrebbero sparare?”

“Quando ero giovane”, disse la vecchia formica, “siamo stati attaccati dai nemici”.

“Quali nemici nonno? Quando è successo questo?”

“Nemici ordinari! Leoni di formiche. Erano i nostri vicini e ci guardavano sempre con invidia, e alla fine si alzarono e ci attaccarono”.

Alle piccole formiche viene insegnato a sparare, con il personaggio principale, una formica piccola, che porta sempre con sé una mitragliatrice. Perché i “nemici” sono sempre vicini.

Per i bambini un po’ più grandicelli, c’è “ABC Ribelli”, una guida per l’alfabeto, e “Le avventure di Alarmik e i suoi amici”.

Copertina del libro per bambini nazionalista “ABC dei Ribelli” di Oleh Vitvitsky. ©

Il compito di creare letteratura nazionalista e militarista per gli scolari più giovani è toccato a Oleh Vitvitsky, un famoso scrittore locale per bambini. Ha creato un’intera serie di libri sulle avventure di “Alarmik” (dalla parola tedesca e inglese “alarm”). Alarmik è un eroe simpatico e adorabile per i bambini: un piccolo combattente dell’Esercito insorto ucraino (UPA) (la forza paramilitare fascista che ha combattuto l’Armata Rossa e ucciso decine di migliaia di polacchi ed ebrei durante la seconda guerra mondiale con uno dei suoi rappresentanti principali Stephan Bandera responsabile dello sterminio di 400.000 civili ucraini). Alarmik è anche un giovane seguace di Stepan Bandera, fondatore dell’Organizzazione fascista dei nazionalisti ucraini, che fondò l’UPA nel 1942.

Copertina del libro per bambini nazionalista “Le avventure di Alarmik e dei suoi amici” di Oleh Vitvitsky ©

Alarmik è un eroe incondizionatamente positivo che vince sempre, che distrugge tutti i nemici degli ucraini, primo e soprattutto il suo principale nemico: un imperatore di nome Liliputin.

Vitvitsky ha espresso grande orgoglio per il suo lavoro e non nasconde il fatto che i suoi libri hanno obiettivi apertamente manipolativi.

“Sono un candidato di scienze storiche, quindi mi sono avvicinato a questo compito come storico”, ha detto in un’intervista nel 2014. “Analizzando la mia ricerca di modelli di ruolo, mi sono reso conto che si era formato un vuoto quando si tratta di nuovi eroi letterari per i nostri figli… Al confine tra l’essere uno storico e un padre, mi è venuta l’idea di offrire ai bambini Alarmik – un supereroe ucraino, un giovane trombettista dell’UPA, che è diventato il personaggio principale degli ‘Insurgent ABCs’. Il libro contiene personaggi di fantasia, come Adolfik – è chiaro a chi è associato, e anche Liliputin. Medvechukovych è un incrocio tra [il politico dell’opposizione Viktor] Medvedchuk e [l’ex presidente ucraino Viktor] Yanukovich.

Ogni lettera degli “ABC dei ribelli” è illustrata da una parola associata alla storia e all’ideologia dell’UPA.

Là Liliputin è l’imperatore,

Medvechukovych è il lacchè locale.

Alarmik indosserà un Mazepinka, [un cappello indossato dai Sich Riflemen ucraini]

Caricherà il suo maschinengewehr [tedesco per ‘mitragliatrice’] e finka, [gergo per coltello finlandese],

Perché il vendicatore sa che i giorni verranno,

Quando Medvechukovych e Liliputin,
Proprio come ai suoi tempi
Cadrà nelle mani degli insorti”.

*Nikolai Vatutin, era un generale dell’Armata Rossa che prese parte alla liberazione dell’Ucraina dai nazisti. Fu ucciso dai combattenti dell’UPA nell’aprile 1944 a Kiev.
– Estratto da “ABC dei Ribelli” di Oleh Vitvitsky

per gli studenti delle medie inferiori c’è un’intera collana di libri con una inclinazione simile. Ciò include il libro per bambini “Return From the War” del 2018, opera prima della corrispondente speciale del canale televisivo ucraino 1+1 Natalya Nagorna. Fin dalle prime pagine, ai bambini vengono raccontati gli “eroi del Maidan”, tra cui il Settore Destro, un gruppo politico radicale e paramilitare neonazista le cui attività sono vietate in Russia e sarebbero vietate in ogni paese democratico e antinazifascista. Il libro presenta la storia recente dell’Ucraina nella sua versione “corretta” in uno stile giornalistico avvincente.

Pagine del libro per bambini “Il ritorno dalla guerra” di Natalya Nagorna. © 

Alcuni argomenti sono trattati in forma comica, e questo non sorprende, visto il codice culturale degli esperti e dei curatori dei progetti coinvolti. È probabile che gli psicologi infantili abbiano lavorato allo sviluppo della struttura e del messaggio di alcuni di questi lavori nel tentativo di formare paure stabili a livello del subconscio.

Copertina del fumetto “Confronto col Terrore Rosso”.

In questo fumetto “Confronto col Terrore Rosso”, viene instillata l’idea che l’esercito russo abbia l’ordine di rapire i bambini ucraini.

Pagina dal fumetto “Confronto col Terrore Rosso”.

Dialogo tra i personaggi di “Confronto col Terrore Rosso” :
“Lascia indietro gli adulti. La cosa principale è prendere tutti i bambini.
Mi permetta di fare una domanda, compagno commissario.
Andare avanti!
Perché portiamo i bambini? Non c’era un tale ordine dal Cremlino.
Questi idioti del Cremlino vogliono ricostruire l’impero saccheggiando i piccoli paesi vicini. È il pensiero dei banditi.
Costruirò un vero Grande IMPERO! Dal Baltico alle sabbie della Cina, dal Mar Nero al Mare di Barents. Conquisterò il mondo intero!
Questi bambini serviranno come il mio esercito spietato. E i loro figli cresceranno fedeli all’impero e loderanno i loro torturatori. Questa è la vera ricchezza!
E chi potrebbe ottenere una cosa del genere?
Solo qualcuno che non è umano”.

Pagina dal fumetto “Confronto col Terrore Rosso”.

“Ora stiamo assistendo all’agonia finale di un mostro mentre si divora. L’impero morente vuole portare con sé quante più vite possibili. Questa è una guerra per ogni anima.
Intendi la guerra nel Donbass?
Questo è proprio ciò che sta accadendo in superficie. L’impero sta conducendo una guerra astuta per le menti delle persone, per le loro anime.
Lo so! Questa è una guerra dell’informazione!
Sì. C’è una guerra colossale di bugie e calunnie, una guerra di paura. E le nostre armi sono verità e conoscenza. È tutto per oggi.
No! Dicci di più, per favore. Chi è The Hammer che si traveste da adesso?
Amico, hai visto l’orecchio dell’insegnante? Santo cielo, è come quello che ha Sirko. E il tatuaggio sul braccio.

“Confronto col Terrore Rosso” è stato commissionato dal Ministero della politica dell’informazione dell’Ucraina e pubblicato nel 2018. Racconta una versione alternativa della storia dell’inizio del XX secolo in cui i bolscevichi cercano di schiavizzare il popolo ucraino. Il pubblico di destinazione del fumetto sono i bambini dai 12 anni in su. Il fumetto è ufficialmente raccomandato come “materiale di lettura aggiuntivo” per le lezioni di storia nelle scuole.
Per i bambini più grandi, la messaggistica è più elaborata. Ecco ad esempio l’opuscolo “Qual è l’identità nazionale degli ucraini” di Valentin Kozhevnikov, trovato in una scuola nella città di Talakovka fuori Mariupol.

Opuscolo “Qual è l’idea nazionale degli ucraini”, di Valentin Kozhevnikov.

La foto in alto nella brochure mostra una capanna ucraina ben tenuta con un bellissimo giardino fiorito. La foto sotto mostra una foto in bianco e nero di una casa di tronchi russa con le mutande che pendono davanti. Vedete la differenza, bambini?

in questo libro di testo sulla storia dell’Ucraina è presentata una caricatura che prende in giro la “Legge ucraina del 2012 sui fondamenti della politica linguistica di Stato”. Un uomo “russo” obeso e sgradevole si siede accanto e letteralmente spreme la ragazza “ucraina” dal sedile di un vagone della metropolitana. In realtà, la legge del 2012 garantiva l’uso delle lingue regionali non al posto, ma alla pari con l’ucraino, lingua di Stato, e solo in quelle regioni in cui oltre il 10 per cento della popolazione parlava una lingua minoritaria, ad esempio il russo o Ungherese. La caricatura è offerta per favorire la discussione da parte degli scolari, dando all’insegnante la possibilità di consolidare determinati pensieri attraverso il dialogo. L’abrogazione della legge sulla lingua è stato uno dei primi atti delle autorità salite al potere dopo il colpo di stato di Maidan nel febbraio 2014.

Vitali Vlasov, autore di un libro di testo di storia per alunni di quinta elementare, si muove progressivamente verso una questione centrale: l’origine del nome Ucraina.

Copertina del libro di testo “Storia dell’Ucraina: Introduzione alla storia” per studenti di quinta elementare, di Vitali Vlasov.

A pagina 47, i lettori apprendono che Rus’ ha preceduto il nome Ucraina per designare il territorio abitato dai Rusiche ucraini, e che il nome deriva dalla parola Krajina, cioè terra natale, paese, terra.

L’autore afferma che il comandante militare ucraino e l’etman Bogdan Khmelnitsky conclusero un “trattato militare” con lo zar a Mosca nel 1654.

Il testo originale del trattato recita: “Ci rallegriamo della grande e innumerevole misericordia che Vostra Regia Maestà si è degnata di mostrarci, vi ringraziamo umilmente nostro Sovrano, Vostra Regia Maestà, e serviremo direttamente e fedelmente in tutti gli affari e gli ordini di la Maestà Reale per sempre”. Chiaramente non si trattava di un “trattato militare”, ma di una richiesta di ammissione a diventare sudditi della Russia. Gli alunni di quinta elementare vengono semplicemente ingannati qui.

Insieme alle falsificazioni dirette, Vlasov si impegna nella manipolazione dei fatti. L’autore riconosce, ad esempio, che nel XIX secolo non esisteva uno stato ucraino e che queste terre erano controllate dagli imperi russo e austro-ungarico. Ma nello stesso tempo scrive che le prime ferrovie “apparvero in Ucraina” nello stesso periodo, che si estendevano tra Przemysl e Lvov e Odessa e Balta. Non si dice una parola sul fatto che queste ferrovie siano apparse negli imperi austro-ungarico e russo, non “in Ucraina” o “sul territorio ucraino”.

A pagina 100, Vlasov spiega che a seguito della rivolta di Khmelnitsky, emerse una potenza cosacca ucraina, chiamandola in alternativa Zaporizhzhya Host. Quindi, gli studenti vengono informati che questa entità esiste da oltre 100 anni e che tra il 1760 e il 1780 l’Etmanato cadde sotto il dominio dello zarismo e fu liquidato. Un’altra falsità. L’Etmanato non è mai stato una potenza indipendente e, ancora una volta, all’epoca faceva parte dell’Impero russo.

Nel libro di testo di Vlasov, è presente il termine “Grande Guerra Patriottica” (cioè il termine sovietico e russo per il fronte orientale nella seconda guerra mondiale), con l’avvertenza “noto con il termine” – un suggerimento che questa guerra non fu né grande né patriottica per il popolo ucraino. Poche pagine dopo, si discute della resistenza agli invasori nazisti e l’UPA viene messa alla pari con i partigiani sovietici. Almeno Vlasov non pone gli allori del ruolo di “liberatore dell’Ucraina” davanti all’UPA, ma questo avverrà abbastanza presto con la “Rivoluzione della dignità”, ovvero il Maidan.

Il dopoguerra viene affrontato in maniera ancora più rozzo: semplicemente non esiste. Il periodo tra il 1945 e il 1991 e il crollo dell’URSS è solo un buco nel libro di testo. Dopo un paragrafo dedicato alla guerra, Vlasov passa direttamente all’Ucraina indipendente. Qui, una vittoria dopo l’altra: la creazione della moneta grivna, i trionfi nello sport, la conquista dello spazio (un riferimento al volo del cosmonauta Leonid Kadynyuk a bordo della navetta spaziale statunitense Columbia) e il coro popolare Grigory Veryovka.

In “Storia: l’Ucraina e il mondo”, un libro di testo di Oleksandr Gisem per studenti di prima media, l’autore perde ogni scrupolo e ricorre a rozzi falsi. In un caso, usa una fotografia di bambini dietro il filo spinato, etichettata come “Bambini prigionieri del Gulag, fine anni ’30”. Un cartello nella foto è scritto in russo e recita “Il campo di reinsediamento, l’ingresso e la conversazione attraverso il filo spinato sono vietati sotto pena di esecuzione”.

Pagina dal libro di testo di storia ucraina per alunni di 10a elementare. Il testo recita: “Bambini – prigionieri del Gulag. Fine anni ’30.

Basta una semplice ricerca in rete e l’originale si apre rapidamente. Si scopre che la scritta sul cartello è tagliata e che ha una parte superiore scritta in finlandese.

Foto di bambini sovietici in un campo di concentramento scattata dalla corrispondente di guerra Galina Sanko e presentata come prova durante il processo di Norimberga. 

I bambini nella foto sono prigionieri del 6° campo di concentramento finlandese a Petrozavodsk. Durante l’occupazione della Carelia sovietica, i finlandesi crearono sei di questi campi nell’area per ospitare residenti di lingua russa, Russofoni. La foto è stata scattata dalla corrispondente di guerra Galina Sanko dopo la liberazione di Petrozavodsk da parte delle truppe sovietiche il 28 giugno 1944. Sanko ha intitolato la foto “Prigionieri del fascismo”. Questa foto è stata persino presentata tra le prove al processo di Norimberga.

I libri di testo per i gradi superiori preparano i bambini a questioni più pratiche. Nei manuali di grado 11, intitolati “Difensore della madrepatria”, ai bambini viene insegnato come comportarsi in un combattimento, come attaccare e cosa fare se uno viene colpito da un proiettile. In linea di principio, questo è in linea con quanto insegnato in corsi simili in Russia, Bielorussia e altri paesi dell’Europa orientale.

Libri di testo “Defender of the Motherland” per studenti ucraini di grado 11. 

La differenza è che le istruzioni dei libri di testo ucraini sono state preparate sulla base dei manuali della NATO, come proclamano orgogliosamente gli autori stessi, e il “nemico” non è astratto o ipotetico, ma piuttosto specifico.In un’immagine contenuta nel libro, gli ufficiali del Servizio di sicurezza dell’Ucraina sono raffigurati mentre sottomettono i “terroristi” della Repubblica popolare di Donetsk che “agivano per ordine dei “curatori russi””.

Copertina del libro di testo “Il difensore della madrepatria” per gli alunni di 2a superiore.

Questa è l’edizione 2018, in un capitolo dedicato alla dottrina militare di Kiev, il primo paragrafo identifica la Russia come un avversario militare dell’Ucraina.
L’obiettivo principale della politica militare dell’Ucraina, come descritto nella dottrina, è “la creazione di condizioni per il ripristino dell’integrità territoriale dello stato, della sua sovranità e dell’inviolabilità all’interno dei suoi confini statali”.

Estratti dalle pagine 15 e 17 del libro di testo “Il difensore della madrepatria” per alunni di 10a elementare con informazioni sulla dottrina militare dell’Ucraina, il principale “nemico” del paese (la Russia) e le sue aspirazioni, inclusa l’adesione alla NATO e all’UE.

Gli obiettivi della dottrina militare ucraina includono anche “la difesa contro l’aggressione armata della Federazione Russa contro l’Ucraina” e “l’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea e alla NATO”.
I libri esaminati sopra sono solo alcuni esempi di un lavoro sistematico, incrollabile e scrupoloso per manipolare le menti malleabili dei giovani ucraini. Includono un nemico straniero semplice e comprensibile con cui anche i bambini piccoli devono combattere, appelli alla violenza, la riscrittura della storia per mostrare la superiorità del popolo ucraino rispetto ai suoi vicini e la leonizzazione dei nazionalisti.

a tutti questi testi si accompagna una radicalizzazione talmente profonda che i genitori stessi spingono i bambini a questo risultato visibile in queste foto.

essendo Sputnik News sotto censura in Italia ho estratto parte della loro pubblicazione ampliandola per i lettori di DATABASEITALIA.IT affinchè possiate comunque ricevere queste informazioni.
Gianfranco Uccheddu

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!