Database Italia

Come il governo degli Stati Uniti ha simulato una pandemia nel 1976


Nel 1976, un focolaio di influenza suina, sottotipo H1N1 del virus dell’influenza A a Fort Dix, nel New Jersey, provocò una vaccinazione di massa degli americani. Dopo l’inizio del programma, il vaccino è stato associato a un aumento delle segnalazioni di sindrome di Guillain-Barré, che può causare paralisi, arresto respiratorio e morte. Questa è la storia di come nel 1976 il governo degli Stati Uniti ha simulato una pandemia.

Questa cronologia è fortemente influenzata dalla storia ufficiale della vicenda, pubblicata nel 1978 dalla National Academies Press: The Swine Flu Affair: Decision-Making on a Slippery Disease .

Nel gennaio 1976, diversi soldati a Fort Dix si lamentarono di una malattia respiratoria diagnosticata come influenza. Il mese successivo, il soldato semplice David Lewis, che aveva i sintomi, partecipò a una marcia forzata di cinque miglia, collassò e morì.

Il Dipartimento della Salute del New Jersey ha testato i campioni dei soldati di Fort Dix. Mentre la maggior parte dei campioni era del più comune ceppo influenzale A, due non lo erano. I campioni atipici sono stati inviati ai Centers for Disease Control di Atlanta, in Georgia, che hanno trovato prove di influenza suina A correlata alla pandemia influenzale del 1918, che ha ucciso da 50 a 100 milioni di persone in tutto il mondo.

Il Center for Disease Control (ora Centers for Disease Control and Prevention) ha verificato i risultati e ha informato sia l’Organizzazione mondiale della sanità che lo stato del New Jersey. Il 13 febbraio, il direttore del CDC David Sencer ha completato un promemoria che chiedeva la vaccinazione di massa per l’influenza suina.

Il 19 febbraio l’ assistente direttore per i programmi del Centro per il controllo delle malattie del CDC, Bruce Dull, ha tenuto una conferenza stampa per discutere dell’epidemia di influenza a Fort Dix e, in risposta alle domande dei giornalisti, ha menzionato la relazione tra il ceppo influenzale e il virus del 1918. epidemia.

Il 15 marzo il presidente degli Stati Uniti Gerald Ford è stato ufficialmente informato della nota sull’epidemia e del programma di vaccinazione suggerito . Ha incontrato un comitato che includeva Jonas Salk e Albert Sabin. Ford ha poi fatto un annuncio televisivo a sostegno del programma di vaccinazione di massa.

Si è tenuta un’udienza davanti alla sottocommissione per gli stanziamenti del Senato degli Stati Uniti su lavoro, salute e servizi umani, istruzione e agenzie correlate, e C. Joseph Stetler, un portavoce della compagnia farmaceutica, ha chiesto un’indennità governativa per i produttori di vaccini .

Anche le aziende farmaceutiche Sharp & Dohme (Merck & Co.), Merrell, Wyeth e Parke-Davis si sono rifiutate di vendere dosi al governo a meno che non fosse stato loro garantito un profitto , una concessione che alla fine anche il governo ha fatto.

Il Comitato per gli stanziamenti della Camera ha presentato un disegno di legge sugli stanziamenti speciali, tra cui 135 milioni di dollari per il programma di vaccinazione contro l’influenza suina, approvato il 5 aprile. Due giorni dopo, l’Organizzazione mondiale della sanità ha tenuto una conferenza per discutere le implicazioni di un’epidemia di influenza suina per i più poveri nazioni.

L’8 aprile, un funzionario della Federal Insurance Company ha informato Merck & Co., un produttore del vaccino contro l’influenza suina, che avrebbe escluso l’indennità sulla responsabilità del prodotto di Merck per il vaccino contro l’influenza suina il 1 luglio 1976.

T. Lawrence Jones, presidente dell’American Insurance Association, ha informato l’Office of Management and Budget che l’industria assicurativa non avrebbe coperto la responsabilità per il vaccino a meno che il governo non avesse esteso la protezione della responsabilità.

Il giorno dopo, il 13 aprile, il presidente della Merck scrisse un promemoria a varie agenzie governative, tra cui la Casa Bianca, sottolineando il “dovere di avvertire”. A maggio, altri produttori di vaccini, tra cui Marion Merrell Dow, Parke-Davis e Wyeth, sono stati informati di problemi di indennizzo dai rispettivi assicuratori.

Il 2 giugno, l’assistente del segretario Theodore Cooper (HEW) ha informato la Casa Bianca che sarebbe stata necessaria una legislazione sull’indennità per garantire la cooperazione di Merrell. A giugno, altri produttori di vaccini hanno richiesto la stessa legislazione. Poco più di due settimane dopo, l’amministrazione Ford ha presentato una proposta al Congresso che offriva un’indennità ai produttori di vaccini.

Bruce Dull ha dichiarato in una conferenza sull’influenza il 1 luglio che non c’erano paralleli tra la pandemia di influenza del 1918 e la situazione attuale .

Più tardi quel mese, J. Anthony Morris, un ricercatore del Bureau of Biologics (BoB) della Food and Drug Administration, è stato licenziato per insubordinazione e ha reso pubblici i risultati che mettono in dubbio la sicurezza del vaccino , che è stato prodotto in uova di gallina fecondate .

Tre giorni dopo, diversi produttori hanno annunciato di aver cessato la produzione del vaccino . Più tardi quel mese, le indagini su presunte epidemie di influenza suina in altre parti del mondo non hanno riscontrato casi del ceppo . Il 23 luglio, il presidente ha inviato una lettera che sollecitava il Congresso a prendere provvedimenti in materia di indennizzo.

All’inizio di agosto, si pensava che un focolaio di malattia a Filadelfia fosse correlato all’influenza suina. In seguito si è scoperto che si trattava di una polmonite atipica che ora è chiamata malattia del legionario. Il 6 agosto, Ford ha tenuto una conferenza stampa e ha esortato il Congresso ad agire sulla legislazione in materia di indennizzo. Quattro giorni dopo, entrambe le camere del Congresso hanno approvato la legislazione.

Merrill è diventata la prima azienda a presentare campioni al Bureau of Biologics della FDA per i test di sicurezza, che lo ha approvato il 2 settembre. Merck ha effettuato la prima spedizione di vaccini ai dipartimenti sanitari statali entro il 22 settembre. Le prime vaccinazioni contro l’influenza suina sono state somministrate alla fiera di stato dell’Indiana .

A ottobre, tre persone sono morte di infarto dopo aver ricevuto il vaccino nella stessa clinica di Pittsburgh, il che ha scatenato un’indagine e il richiamo di quel lotto di vaccino .

L’indagine ha dimostrato che i decessi non erano correlati alla vaccinazione. Il presidente e la sua famiglia hanno ricevuto le vaccinazioni davanti alle telecamere . Il 2 novembre Ford perse le elezioni presidenziali contro Jimmy Carter.

Sempre all’inizio di novembre, Albert Sabin ha pubblicato un editoriale del New York Times, “Washington and the Flu”. Era d’accordo con la decisione di creare il vaccino e di essere preparato per un’epidemia, ma ha criticato le “tattiche intimidatorie” che erano state utilizzate da Washington per raggiungere questo obiettivo. Ha suggerito di accumulare il vaccino e di adottare una strategia di attesa.

Entro il 15 dicembre, sono stati segnalati casi di sindrome di Guillain-Barré (GBS) che colpiscono pazienti vaccinati in 10 stati, tra cui Minnesota, Maryland e Alabama. All’inizio di dicembre sono stati segnalati altri tre casi di Guillain-Barré e le indagini sui casi si sono estese a undici stati.

Il 16 dicembre Sencer ha annunciato una sospensione di un mese del programma di vaccinazione. William Foege del CDC ha stimato che l’ incidenza di GBS era quattro volte superiore nelle persone vaccinate rispetto a quelle che non ricevevano il vaccino contro l’influenza suina.

Ford ha detto ai giornalisti di essere d’accordo con la sospensione, ma ha difeso la decisione di creare il programma di vaccinazione. Joseph A. Califano, Jr., ha prestato giuramento come Segretario alla Salute, all’Istruzione e al Welfare il 20 gennaio 1977. Il 4 febbraio Sencer è stato informato che sarebbe stato sostituito come capo del CDC. Il programma di vaccinazione non è stato ripristinato.

Laurence Gostin, nel suo articolo “At Law: Vaccino contro l’influenza suina: cosa è giusto?” , ha scritto che “la vicenda dell’influenza suina non ci dice se, di fronte all’incertezza scientifica, sia meglio peccare dalla parte della cautela o dell’intervento aggressivo”.

Non c’è nemmeno un accordo completo sulla relazione causale tra il vaccino contro l’influenza suina e la sindrome di Guillain-Barré, come notato nel libro di Gina Kolata Flu: The Story of the Great Influenza Pandemic del 1918 e la ricerca del virus che lo ha causato .

Ha scritto che il CDC non aveva una “serie specifica di test e sintomi per definire Guillain-Barré” e che poiché i medici che hanno segnalato casi sapevano già che si sospettava un collegamento, è stata introdotta una distorsione nella segnalazione . Ha citato Keiji Fukuda: “se un nuovo virus viene identificato o riappare, non puoi permetterti di pensare che non stia accadendo una pandemia”.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

fonte Great Game India
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments