Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StatePolitica

COME POTREBBE UNA GUERRA CON IRAN, VENEZUELA, CINA E RUSSIA GIOVARE AGLI AMERICANI?

Quindi l’onesto Joe Biden ora darà altri 1,2 miliardi di dollari agli ucraini in aggiunta ai sessanta o giù di lì miliardi che sono già in cantiere, ma chi conta, in particolare perché il Congresso ha rifiutato di approvare un ispettore generale per monitorare le tasche che ne saranno foderate. Il denaro verrà stampato senza alcuna garanzia o “preso in prestito” e il contribuente americano dovrà in qualche modo sopportare il peso di quest’ultima follia che sta ipso facto trascinando gran parte del mondo in recessione. E sarà senza dubbio attribuita la colpa a Vladimir Putin, un processo che è già a buon punto. Ma devi chiederti perché nessuno ha detto a Joe che l’intero esercizio di spingere gran parte del mondo verso una guerra catastrofica è un’idea stupida. Ma poi di nuovo,

Avendo seguito il problema dell’Ucraina da quando gli Stati Uniti ei suoi barboncini si sono rifiutati di negoziare seriamente con Vladimir Putin nel mondo reale, ho dovuto chiedermi cosa c’è che non va in Washington.

In effetti, i sondaggi d’opinione suggeriscono che c’è una grande agitazione tra gli americani della classe media e operaia che vedono un ritorno all’instabilità finanziaria dell’era Jimmy Carter, a quel tempo causata dall’embargo petrolifero. Ebbene, è in atto un nuovo embargo energetico determinato dal desiderio dell’amministrazione Biden di condurre una guerra per procura per “indebolire” la Russia. Gli analisti prevedono che i costi per tutte le forme di energia raddoppieranno nei prossimi mesi e l’aumento dei costi energetici avrà un impatto sui prezzi di altri beni essenziali, compreso il cibo. Detto questo, la questione fondamentale che affligge sia i Democratici che i Repubblicani è la loro incapacità di spiegare effettivamente al popolo americano perché la politica di sicurezza estera e nazionale del paese sembra essere sempre in ebollizione, alla ricerca di nemici e anche quando non esistono ,

Che una discussione seria sul perché gli Stati Uniti debbano avere un esercito che costi tanto quanto le prossime nove nazioni in quella classifica messe insieme è attesa da tempo e raramente affrontata al di fuori dei media alternativi. Il budget militare per il 2023 è stato aumentato rispetto a quello di quest’anno, per un totale di 858 miliardi di dollari e, se si include la generosità in costante crescita all’Ucraina, si avvicina a un trilione di dollari fino ad ora inimmaginabile. Il bilancio militare è diventato uno dei principali motori dei disavanzi insostenibili del Paese. A parte la morte di milioni di persone direttamente e indirettamente nelle guerre iniziate nell’11 settembre, le guerre scelte sono costate circa 8 trilioni di dollari.

La Costituzione degli Stati Uniti chiarisce che un esercito nazionale era accettabile per i Fondatori solo quando era impegnato a difendere il paese dalle minacce straniere. Gli americani credono davvero che sopportare l’onere di avere qualcosa come 1.000 basi militari sparse per il mondo li renda davvero più sicuri? Il recente rapido crollo della situazione della sicurezza in Afghanistan suggerisce che avere tali basi trasforma soldati e burocrati in potenziali ostaggi ed è quindi un ostacolo. Si potrebbe anche suggerire che l’insicurezza attualmente prevalente nel paese può essere in gran parte attribuita alla rappresentazione da parte del governo di numerose “minacce” al fine di giustificare sia l’impegno che la spesa.

Allora dove vanno a finire tutti i soldi? E quali sono le minacce? A cominciare da una guerra in cui gli Stati Uniti sono coinvolti de facto  anche se non  de jure, in Ucraina, qual era la minaccia russa che richiedeva l’intervento di Washington? Ebbene, se si scarta l’assurdità di un “ordine internazionale basato su regole” o di una piccola democrazia coraggiosa L’Ucraina che combatte valorosamente contro l’orso russo, Mosca non ha minacciato in alcun modo gli Stati Uniti prima che i missili iniziassero a volare. Putin ha cercato di negoziare un accordo con l’Ucraina sulla base di una serie di presunti interessi esistenziali di sicurezza nazionale russa, che erano tutti negoziabili, ma gli Stati Uniti e i suoi amici non erano interessati al compromesso mentre si adoperavano anche per il regime corrotto di Zelensky con armi, denaro e sostegno politico . Il risultato finale è un conflitto che probabilmente finirà solo quando l’ultimo ucraino sarà morto e include la possibilità che un passo falso di Stati Uniti e Russia possa portare a un olocausto nucleare.

E poi c’è la Cina. Biden ha fatto uscire il gatto dal sacco nel suo recente viaggio in Estremo Oriente. 

BIDEN A GAMBA TESA CONTRO LA CINA: “SE NECESSARIO INVIEREMO I NOSTRI MILITARI PER DIFENDERE TAIWAN”

Ha affermato che gli Stati Uniti avrebbero difeso Taiwan se la Cina avesse tentato di annetterlo. Detto questo, Biden ha dimostrato di non comprendere l’ambiguità strategica che Usa e Cina hanno preferito negli ultimi cinquant’anni come alternativa alla guerra. La Casa Bianca, dal canto suo, ha prontamente emesso una correzione alla dichiarazione di Biden, spiegando che non era vero che Washington era obbligata a difendere Taiwan. Alcuni membri del Congresso super falchi hanno trovato attraente la gaffe di Biden e stanno promuovendo  un fermo impegno degli Stati Uniti  a difendere Taiwan, insieme a un pacchetto di assistenza militare da 4,5 miliardi di dollari, ovviamente.

Allo stesso tempo, alcuni funzionari del Pentagono e il solito branco di membri del Congresso continuano anche a mettere in guardia sulla minaccia all’orizzonte dalla Cina come scusa per aumentare le spese per la difesa. Più di recente, c’è stato allarme per la  partecipazione cinese a un incontro  a maggio alle Fiji per prendere in considerazione un patto di libero scambio tra Cina e Isole del Pacifico! In realtà, l’unica seria minaccia attuale proveniente dalla Cina è quella di essere un concorrente economico. Una guerra commerciale con la Cina sarebbe un disastro per l’economia statunitense, che è fortemente dipendente dai manufatti cinesi, ma Pechino, con il suo budget militare relativamente piccolo, non rappresenta una minaccia fisica per gli Stati Uniti.

E non ignoriamo l’Iran che è stato martellato da sanzioni economiche e anche dall’uccisione segreta dei suoi funzionari e scienziati. La guerra USA/Israele contro l’Iran si è estesa anche alla vicina Siria, dove Washington ha effettivamente truppe sul terreno che occupano la regione produttrice di petrolio del paese e rubano il petrolio. La possibile espansione del suo programma nucleare iraniano per produrre un’arma è stata effettivamente ostacolata dal monitoraggio collegato a un accordo multilaterale del 2015 chiamato Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) . Joe Biden è stato avvertito da Israele di non rientrare nell’accordo, quindi senza dubbio rispetterà la determinazione del primo ministro Naftali Bennett di fare in modo che Washington continui ad esercitare “pressioni estreme” sulla Repubblica islamica. L’Iran o il suo alleato Siria minacciano in qualche modo gli Stati Uniti? No. Il loro crimine è che si trovano nello stesso quartiere dello stato ebraico, che trova il governo degli Stati Uniti facile da manipolare per agire contro i propri interessi.

Infine, nell’emisfero americano c’è il Venezuela, che è stato elevato allo status di nazione più odiata di Washington nella regione. I venezuelani sono stati soggetti a sanzioni statunitensi sempre più punitive, comprese alcune nuove solo la scorsa settimana, che hanno danneggiato in modo sproporzionato i cittadini più poveri ma non hanno determinato un cambio di regime. Perché l’animosità? Perché il leader del paese Nicolas Maduro è ancora al potere nonostante l’affermazione degli Stati Uniti secondo cui il leader dell’opposizione del paese Juan Guaido dovrebbe essere legittimamente al comando dopo un’elezione fraudolenta nel 2018. L’ultima terapia applicata dagli Stati Uniti a Caracas consisteva in  blocco del paese così come il Nicaragua e Cuba dalla partecipazione al recente incontro del Nono Vertice delle Americhe che si è tenuto a Los Angeles. Un portavoce del Dipartimento di Stato ha spiegato che la mossa era dovuta ai tre paesi “privi di governance democratiche”. Il presidente messicano Lopez Obrador ha protestato contro la mossa e si è rimosso dalla delegazione del suo paese, dicendo: “Non può esserci un vertice delle Americhe se non tutti i paesi del continente americano partecipano”. Lo spregevole senatore statunitense Robert Menendez della commissione per le relazioni estere del Senato si è quindi sentito in dovere di aggiungere i suoi due centesimi, criticando il presidente messicano e avvertendo che la sua “decisione di schierarsi con dittatori e despoti” avrebbe danneggiato le relazioni USA-Messico. Allora, dov’era la minaccia dal Venezuela (e da Cuba e dal Nicaragua) e perché gli Stati Uniti sono coinvolti?

Tutto ciò significa che non esiste assolutamente alcuno standard di genuina sicurezza nazionale che motivi l’aggressione completamente illegale degli Stati Uniti in molte parti del mondo. Ciò che accade può essere collegato a un desiderio di dominio oa una follia talvolta descritta come “eccezionalismo” e/o “leadership del mondo libero”, nessuno dei quali ha nulla a che fare con la sicurezza effettiva. E il popolo americano ne sta pagando il prezzo sia in termini di calo del tenore di vita dovuto allo sconvolgimento creato in Ucraina e altrove, sia in termini di perdita di fiducia del tutto comprensibile nel sistema di governo statunitense. Con tutti i mezzi, riduciamo le forze armate statunitensi fino a quando non rispondono a minacce identificabili effettive. Eleggiamo un presidente che seguirà il saggio consiglio del presidente John Quincy Adams,  che lo ha dichiarato “Gli americani non dovrebbero andare all’estero per uccidere i draghi che non capiscono in nome della diffusione della democrazia”. A questo punto si può solo immaginare un’America che sia in pace con se stessa e con ciò che rappresenta pur essendo considerata amica del resto del mondo.

Philip M. Giraldi, Ph.D., è Direttore Esecutivo del Council for the National Interest, una fondazione educativa che cerca una politica estera statunitense più basata sugli interessi in Medio Oriente. Il sito web è  councilforthenationalinterest.org.

Clicca Qui

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!