CoronavirusEventi Avversi V.C.SaluteScienza e Tecnologia

COME PREVENIRE E CURARE LE REAZIONI AVVERSE AI “VACCINI” COVID

Negli ultimi due anni, la dottoressa Michelle Perro è stata in trincea per curare le complicazioni del COVID-19, non solo dall’infezione ma anche dal vaccino, che è molto più problematico e mortale.

Perro andò a Yale come studentessa universitaria e poi alla Mount Sinai Medical School. Ha completato la sua formazione post-laurea in pediatria al Bellevue Hospital di New York City. Ora vede i pazienti con un approccio integrativo, istruisce su OGM, pesticidi e salute ambientale e sta lavorando al suo secondo libro in California, dove la popolazione pediatrica è altamente vaccinata.

Il viaggio

Durante i primi 40 anni della sua carriera di pediatra, non ha messo in dubbio la validità dei vaccini. “Pensare che faremmo del male intenzionalmente ai bambini è una cosa molto difficile”, dice. “È fuori dalla portata di molti pediatri.”

Tuttavia, all’inizio degli anni 2000, ha iniziato a vedere un significativo aumento dell’autismo e questo l’ha portata lungo la proverbiale pista del coniglio verso i vaccini.

Ora sono consulente per NAEM [l’Accademia Nazionale di Medicina] e sto lavorando a un questionario sulla salute ambientale pediatrica. Ho scritto una Carta dei diritti sulla salute ambientale per i bambini. Quindi, ora ho approfondito, non solo concentrandomi sui vaccini, ma sulla questione globale della protezione dei bambini dalla tossicità ambientale…

Oltre 25 anni fa, sono diventata un omeopata e poi un medico integrato. Non parlo di essere un omeopata perché non è stato accolto bene da molti dei miei coetanei, ma la maggior parte dei miei successi terapeutici sono legati all’omeopatia”.

Le vecchie verità vengono svelate

È interessante notare che l’introduzione dei sieri sperimentali COVID ha davvero aperto gli occhi di un’ampia percentuale della popolazione sul fatto che ci sono difetti fondamentali nel programma vaccinale nel suo insieme, non solo con le iniezioni di mRNA, che non sono mai esistite prima, ma anche con i vaccini convenzionali.

Il dottor Maurice Hilleman, ad esempio, un ex capo della Merck che ha sviluppato vaccini contro la poliomielite, ha ammesso che questi vaccini erano contaminati da dozzine di agenti patogeni virali, incluso il virus scimmiesco 40 (SV40), che può causare il cancro.

“Questa idea di contaminazione da vaccinazione è stata esposta di nuovo nel 2017, quando in uno studio fuori dall’Italia hanno riscontrato nanocontaminazione con metalli pesanti in 43 vaccini su 44”, afferma Perro.

“E queste nanoparticelle, a causa delle loro dimensioni, sono infiammatorie. Attraversano la barriera ematoencefalica. E sono sicuro che, senza dubbio, questo è ciò che è collegato a questo processo neuroinfiammatorio che vediamo con i bambini nello spettro, all’aumento dell’ADHD e ad altri problemi neurosensoriali/neurocognitivi”.

Il glifosato peggiora la tossicità dell’alluminio

Perro cita anche una ricerca che mostra che il glifosato trasporta l’alluminio attraverso la barriera ematoencefalica in sei modi diversi. Quindi, il glifosato, l’erbicida più usato al mondo, e l’alluminio sono sinergici.

Anche questo è probabilmente parte dell’equazione, perché i bambini sono altamente esposti al glifosato attraverso il cibo, che poi trasporta l’alluminio dai loro vaccini infantili direttamente nel loro cervello. L’alluminio viene aggiunto a molti vaccini come adiuvante, perché provoca una risposta immunitaria più forte.

Questo, a sua volta, si traduce in titoli anticorpali più elevati, che è il modo in cui misurano l’efficacia del vaccino. Il problema è che, stimolando solo il sistema anticorpale umorale, e non il sistema immunitario cellulare, si crea uno squilibrio che alla fine può portare a una disregolazione immunitaria, con il peggior risultato che è il cancro.

In breve, la vaccinazione non è altrettanto efficace della risposta immunitaria multiforme che si ha quando si è esposti a infezioni naturali. Questo è ancora più vero per i bambini piccoli. Come spiegato da Perro:

“Parla davvero del motivo per cui i bambini sono immunologicamente diversi dagli adulti. I bambini non sono dei mini adulti, perché hanno quell’altro braccio del sistema immunitario, il sistema immunitario innato…

I bambini hanno un sistema immunitario innato molto robusto e hanno un timo, che si evolve con il tempo da adulti: il nostro è scomparso da tempo. A causa di questo sistema immunitario innato e dell’aumento delle cellule NK [natural killer], sono in grado di combattere il COVID.

Ecco perché i bambini se la cavano così bene con questo virus. Hanno una robusta immunità innata, che viene completamente bypassata quando si somministra a qualcuno una vaccinazione. Lo stesso Dr. Anthony Fauci ha affermato nel 2004 che l’immunità naturale è migliore dell’immunità indotta dal vaccino”.

Effetti collaterali pediatrici dal “vaccino” COVID

Una volta che la Food and Drug Administration statunitense ha autorizzato il siero COVID per i bambini, di età compresa tra 12 e 17 anni, non ci è voluto molto prima che Perro iniziasse a vedere lesioni nella sua pratica.

“Sono rimasta sbalordita da quanti bambini hanno subito reazioni avverse… I tipi di reazioni che ho iniziato a vedere erano inizialmente neurologici. Alcuni di loro all’inizio erano semplici ma preoccupanti, come l’acufene, che ronza nell’orecchio, e potrebbe essere orribile per un bambino…

Ho avuto un musicista che va da Julliard, e ha avuto un grave esordio di acufene dopo la prima iniezione di Pfizer. È peggiorato dopo il secondo. Ho colleghi che hanno visto la paralisi ascendente di Guillain-Barre … ho visto problemi cardiaci, sicuramente miocardite e risposte anormali della frequenza cardiaca come tachicardia e aumento della frequenza cardiaca …

Ho visto POTS – sindrome da tachicardia ortostatica posturale – qualcosa di molto comune nella malattia di Lyme che è molto difficile da trattare. Un’altra cosa strana che ho visto è stato questo bambino con rabdomiolisi, dove ha avuto una massiccia rottura del suo tessuto muscolare, che è un evento molto raro durante l’infanzia.

[Ho visto] ragazze adolescenti con forti emorragie mestruali, emorragie prolungate e altre irregolarità mestruali. C’era un’infarinatura di eruzioni cutanee, orticaria, orticaria – una bizzarra serie di eruzioni cutanee.

Quindi, questo è il tipo di cose che abbiamo iniziato a vedere, e questo è iniziato ad accadere lo scorso giugno [2021], dopo che l’ACIP, l’American Committee of Immunization Practice, ha detto: “Sì, i bambini di 12 anni possono essere vaccinati [contro il COVID]” …

Ancora una volta, noi clinici… dobbiamo risolvere il problema con strumenti che non fanno parte della tradizionale cassetta degli attrezzi. Questo è ciò che dobbiamo affrontare…

C’è un programma più ampio qui, perché chiaramente questi vaccini sono pericolosi per i bambini. Non c’è dubbio. I dati sono inconfutabili, eppure abbiamo proceduto. Quindi, abbiamo a che fare con altri programmi … Penso che i genitori debbano alzarsi e proteggere i loro figli.

Prevenzione e trattamento delle lesioni da vaccino COVID

Quando si cerca di prevenire e/o curare una lesione da puntura COVID, ci sono cinque componenti tossici che devono essere affrontati:

  • Tossicità delle proteine ​​​​spike
  • PEG
  • Infiammazione da nanolipidi
  • Ossido di grafene
  • Nanotossicità

Ognuno di questi può essere modulato in vari modi. “Ecco perché dobbiamo usare un intero menu di cose quando trattiamo una reazione al vaccino COVID”, dice. Uno strumento chiave nell’arsenale di trattamento di Perro è rappresentato da terapie che legano le proteine ​​spike come l’ivermectina e l’idrossiclorochina. Lei spiega:

“Se stai producendo spike [proteine], anche se i bambini non hanno molti recettori ACE2, quei picchi sono ovunque. Nei topi, è dimostrato che passano attraversano la barriera ematoencefalica. Sono diffusi e quindi tendono a concentrarsi nella tua area di debolezza.

Entrano nei tessuti amanti del grasso, nelle ovaie, sembrano andare ovunque. Quindi, legare la proteina spike, questo è un aspetto, e ci sono diverse cose che puoi fare, sia farmaceutiche che non farmaceutiche.

Il mio preferito è l’ivermectina per la punta. Davo ai bambini 12 milligrammi, inizialmente, una volta al giorno. Sono salito a 12 mg due volte al giorno per Omicron, ma dipende dalle dimensioni del bambino. Per i bambini più grandi, sono 18 mg due volte al giorno.

Non ho visto alcuna tossicità con l’ivermectina. Ho usato l’ivermectina in precedenza, principalmente per le infezioni parassitarie, e non ho mai avuto problemi con l’ivermectina. Non ho usato l’idrossiclorochina prima, ma ora, per Omicron, userei l’idrossiclorochina, 200 mg due volte al giorno.

Uso molta quercetina e zinco insieme … Per ridurre l’infiammazione, in particolare IL6, vuoi anche usare molti immunomodulatori e molti integratori possono farlo. “

Approfondimenti:

Cosa c’è nella cassetta degli attrezzi di Perro?

Oltre all’ivermectina e all’idrossiclorochina per legare la proteina spike tossica, e alla quercetina e allo zinco per potenziare la funzione immunitaria, Perro utilizza anche i seguenti rimedi per la prevenzione e il trattamento del COVID-19 e per la prevenzione e il trattamento delle lesioni da puntura COVID:

Enzimi fibrinolitici come la lombochinasi per prevenire i coaguli di sangue e digerire i coaguli esistenti, soprattutto se il livello di D-dimero è elevato, poiché questo è un biomarcatore per la coagulazione. Perché questo funzioni, tuttavia, è necessario assumerlo a stomaco vuoto. Se assunto con il cibo, funge da aiuto digestivo, ma se assunto un’ora prima dei pasti, o due ore dopo, si ottengono i benefici sistemici
N-acetilcisteina (NAC) , che inibisce l’espressione delle citochine proinfiammatorie, migliora la risposta dei linfociti T, avvantaggia una varietà di problemi polmonari e inibisce l’ipercoagulazione che può provocare ictus e/o coaguli di sangue
Tè agli aghi di pino, che ha benefici antiossidanti, antimutageni e antitumorali
Curcumina, per sedare l’infiammazione
Zeolite
Cibi integrali come aglio e zenzero
Rimedi omeopatici specifici per i sintomi
Acqua ossigenata nebulizzata e risciacqui orale/nasale con perossido e iodio

Consiglierei anche di prendere molto sole, poiché i raggi infrarossi, in particolare lo spettro del vicino infrarosso, innescano la produzione di melatonina nei mitocondri. La melatonina è un potente antiossidante e aumenta il glutatione, che è fondamentale per una disintossicazione efficiente. La melatonina aumenta anche l’efficienza mitocondriale e la produzione di energia sotto forma di ATP.

Leggi: SOLE, SOLE, SOLE. “NUTRIENTE” ESSENZIALE PER UNA VITA SANA

Naturalmente, mangiare biologico è fondamentale poiché è stato anche dimostrato che gli OGM riducono il glutatione – l’antiossidante principale – e aumentano lo stress ossidativo, che è alla base di tutte le malattie croniche. Se sei soggetto a scottature solari, potrebbe essere un segno che stai mangiando troppi oli di semi ricchi di acido linoleico (LA), quindi per ridurre la tua tendenza a scottarti, elimina tutti gli oli di semi dalla tua dieta.

Ciò include cibi da ristorante, alimenti trasformati e condimenti in particolare, ma anche pollo e maiale allevati in modo convenzionale. Una dieta a base di olio di semi molto bassa, praticamente pari a zero, è probabilmente uno dei modi migliori per prevenire le scottature solari e le malattie degenerative croniche, comprese le malattie cardiache e il cancro. L’aggiunta di più vitamina C nel cibo intero può anche essere utile per prevenire le scottature. La ciliegia acerola (ciliegia delle Barbados) contiene alcune delle più alte quantità di vitamina C.

Maggiori informazioni

Come ha notato Perro, riconoscere che c’è un problema è sempre il primo passo. Quindi, in primo luogo, dobbiamo riconoscere che i nostri bambini sono vittime di attacchi tossici e, in molti casi, il danno alla salute dei bambini sembra essere intenzionale.

Il passaggio 2, quindi, è che i genitori riprendano il controllo e rimuovano i sistemi che hanno preso il sopravvento e stanno danneggiando i loro figli. Anche se può sembrare un compito insormontabile, non deve esserlo. Inizia con la pulizia della dieta della tua famiglia, usando il cibo come medicina, coltivando parte del tuo cibo e tornando ai principi di base della salute e dell’assistenza sanitaria.

“Dobbiamo farli uscire da questo sistema infantile in cui le persone sentono di dover correre dal medico per ogni livido, taglio e fischio, ‘Presto, chiama il pediatra!’

Non così. I genitori hanno perso questa capacità e dobbiamo riguadagnarla. Pensa a quando eravamo bambini. Quante volte sei andato dal dottore? Penso di esserci andato una volta da bambino. I nostri genitori avevano una certa conoscenza, quindi dobbiamo riguadagnarla”.

Perro crede anche che dobbiamo iniziare a creare sistemi e strutture parallele , come suggerito da Mattias Desmet, Ph.D. Il potere di questa strategia è stato dimostrato da Vaclav Havel, un dissidente politico che alla fine divenne presidente della Cecoslovacchia.

Una struttura parallela è qualsiasi tipo di attività, organizzazione, tecnologia, movimento o ricerca creativa che si inserisce all’interno di una società totalitaria pur essendo moralmente al di fuori di essa. Una volta create un numero sufficiente di strutture parallele, nasce una cultura parallela che funziona come un santuario della sanità mentale all’interno di un mondo totalitario.

Per saperne di più, visita DrMichellePerro.com e GMOscience.org , che è l’organizzazione no profit che ha cofondato nel 2014. Tieni gli occhi aperti anche per il suo prossimo libro, “Making Our Children Well”, che dovrebbe essere pubblicato nel 2023.

Fonte

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!