Home Eventi Avversi V.C. Come un’università, i suoi principali finanziatori e un giornale hanno ucciso una...

Come un’università, i suoi principali finanziatori e un giornale hanno ucciso una ricerca affidabile sulla tossicità dei coadiuvanti dell’alluminio nei vaccini

71
0

Il boicottaggio del lavoro del professor Christopher Exley sulla tossicità dell’alluminio nei vaccini è emblematico di come le istituzioni scientifiche siano ostaggio di interessi privati, a spese del pubblico.

Questa è la storia di come un’università britannica abbia soffocato una scienza innovativa di interesse pubblico, solo per soddisfare potenti interessi e salvare la propria pancetta.

Ne avevamo scritto in questo articolo:

Per quanto riguarda il pubblico in generale, le università, quelle sale consacrate, rimangono luoghi in cui gli accademici possono perseguire la conoscenza senza ostacoli. Ma molte università e istituti di istruzione superiore sono compromessi dagli interessi dei loro finanziatori e da una visione sempre più ristretta e corporativa della scienza.

Il professor Christopher Exley, un lodato biologo, il principale esperto mondiale di alluminio e membro della Royal Society of Biology – un riconoscimento che pochi scienziati ottengono – l’anno scorso ha perso i fondi per la ricerca per il suo lavoro di lunga data sulla tossicità dell’alluminio in malattie come l’Alzheimer e l’autismo , e il suo ruolo come adiuvante nei vaccini.

È avvenuto attraverso una serie di mosse politicamente motivate che alla fine si sono concluse con l’interruzione totale di ogni finanziamento.

L’alluminio è tossico

Se ti prendi il tempo per ascoltare una delle tante conferenze di Exley – e dovresti – imparerai che l’alluminio è onnipresente. È ovunque nell’ambiente ed è altamente tossico per gli esseri umani.

Negli anni ’80 Exley stava facendo ricerche sul motivo per cui i pesci stavano morendo nei laghi e nei fiumi acidificati: arrivò a capire che stavano morendo per la tossicità dell’alluminio. L’alluminio, precedentemente rinchiuso nelle rocce e nelle argille o riciclato nell’ambiente dall’acido silicico, attraverso il processo di acidificazione dovuto alle piogge acide, era diventato biodisponibile ed era entrato nei cicli vitali biologici.

Oggi ingeriamo l’alluminio attraverso gli alimenti trasformati, lo beviamo in acqua, cuciniamo in pentole e padelle di alluminio (molte padelle sono ora realizzate in alluminio anodizzato). Si trova nelle formule per bambini, nei cosmetici ed è un ingrediente chiave in molti vaccini.

Le importanti implicazioni per la salute pubblica del lavoro di Exley

Professore di ruolo presso la Keele University nello Staffordshire per quasi 30 anni, con più di 200 articoli al suo attivo, Exley e il suo team di ricercatori hanno stabilito nel 2017 quella che descrive come una connessione “inequivocabile” tra la tossicità dell’alluminio e il morbo di Alzheimer .

 “Senza alluminio, non ci sarebbe l’ Alzheimer “, dice nel suo libro Immagina di essere un atomo di alluminio .

Alcuni anni dopo, nel 2020, il gruppo di Exley ha pubblicato il suo articolo seminale confrontando il contenuto di alluminio nel cervello di persone con Alzheimer, sclerosi multipla e autismo in Nature’s Scientific Reports.

Il team aveva sviluppato un protocollo per misurare il contenuto di alluminio del cervello, che aveva dimostrato che il cervello delle persone con Alzheimer, autismo e sclerosi multipla aveva livelli elevati di alluminio. È importante sottolineare che l’accesso ai campioni da una banca del cervello utilizzata nella ricerca era stato finanziato da donazioni di beneficenza piuttosto che da fonti di finanziamento più tradizionali.

Rispondendo alle domande di The Looking Glass, Exley afferma che quando questo articolo è stato pubblicato il focus della loro ricerca si era già rivolto ai coadiuvanti e ai vaccini in alluminio , un campo di studio che avevano perseguito per molti anni.

Un documento del 2021 ha misurato il contenuto di alluminio di 13 vaccini per bambini e lo ha confrontato con i dati del produttore. Solo tre vaccini contenevano la quantità di alluminio indicata dal produttore, mentre sei contenevano una quantità maggiore statisticamente significativa e quattro una quantità inferiore statisticamente significativa.

Il lavoro di Exley è rivoluzionario e ha ovvie implicazioni per la salute pubblica. Lui e il suo team sono stati l’ultimo gruppo di ricerca rimasto in Gran Bretagna a studiare l’impatto dell’esposizione tossica all’alluminio, un campo di studio attivo solo vent’anni prima.

La ricerca sull’alluminio soffocata silenziosamente

Exley spiega che all’inizio degli anni ’90 l’industria dell’alluminio ha intensificato i suoi sforzi per influenzare il governo, gli enti di beneficenza e varie industrie per rendere sempre più difficile per gli scienziati ottenere finanziamenti per fare ricerca sulla tossicità dell’alluminio.

“Quindi, gruppo per gruppo ha spostato la loro attenzione dall’alluminio ad altre aree in cui erano disponibili finanziamenti. L’ho detto molte volte, ma non sono diventato uno scienziato per il bene della scienza. Mi sono avvicinato alla scienza per risolvere il paradosso dell’alluminio e della vita umana.

“Ero imperterrito e ho lavorato sempre più duramente per ottenere finanziamenti per la ricerca da una base di finanziamento più ampia possibile. Dubito che uno scienziato abbia lavorato duramente come me per far sì che i finanziamenti per la ricerca arrivassero al mio laboratorio”, dice.

Sebbene Exley fosse stato in grado di essere conclusivo sulla connessione tra l’Alzheimer e la tossicità dell’alluminio, purtroppo il suo lavoro è naufragato prima che potesse essere altrettanto conclusivo sul legame tra la tossicità dell’alluminio e l’autismo e né poteva continuare il suo lavoro sull’alluminio nei vaccini.

In questa intervista del 2020, Exley parla della sua ricerca sull’alluminio e sulla tossicità cerebrale.

Una risposta tutt’altro che tiepida

I tassi di autismo e Alzheimer continuano a salire decennio dopo decennio.

Nel 2021, i Centers for Disease Control hanno riferito che a circa 1 bambino su 44 di otto anni negli Stati Uniti viene diagnosticato un disturbo dello spettro autistico, secondo i dati del 2018. Un aumento rispetto a quello su 54 riportato nel 2020 e un enorme aumento rispetto al primo studio noto sulla prevalenza dell’autismo negli Stati Uniti nel 1970, che ha stabilito un tasso inferiore a 1 su 10.000.

I tassi di Alzheimer sono aumentati di oltre il 145% tra il 2000 e il 2019 .

Nonostante la crescente incidenza di queste malattie, la sua ricerca sull’Alzheimer e l’autismo non aveva suscitato altro che silenzio dai principali enti di beneficenza dedicati a queste malattie. E l’università per cui lavorava, Keele, sembrava solo tollerarlo, dice, senza mai promuovere le sue scoperte o rilasciare comunicati stampa.

Forse non sorprende che anche Exley fosse stata insignito dell’etichetta di No-vax. L’insulto è stato appuntato su di lui dai troll di Internet subito dopo la pubblicazione della ricerca sull’alluminio nel tessuto cerebrale nell’autismo nel 2017, dice.

“L’esame del documento in questione e di tutti i nostri lavori pubblicati non forniscono alcun supporto per questa etichetta. Anche se, in verità, non capisco perché non si possa essere contrari alla vaccinazione allo stesso modo in cui si potrebbe opporsi a qualsiasi altra cosa. No-vax sembra come essere etichettato come ateo in un mondo prevalentemente cristiano”.

Exley dice di essere agnostico, nella tradizione di uno dei suoi eroi della scienza, TH Huxley, riluttante a rivendicare certezze su cose che non può sapere o dimostrare. Eppure, inopportunamente, ha dimostrato che livelli elevati di alluminio si trovano nel cervello delle persone morte con autismo.

Un documento del 2020 intitolato ” Un adiuvante di alluminio in un vaccino è un’esposizione acuta all’alluminio “, ha tentato di spiegare perché le cosiddette quantità “piccole” di alluminio nei vaccini per bambini erano significative.

 L’esposizione all’alluminio attraverso un vaccino è, rispetto alla dieta, un’esposizione acuta e la fisiologia di un bambino risponderà in modo diverso all’esposizione a un’elevata concentrazione di alluminio in un periodo di tempo molto breve. Quest’ultima, l’esposizione acuta rispetto a quella cronica, sebbene non venga ancora presa in considerazione nei programmi di vaccinazione infantile, deve ora essere considerata per aiutare a garantire che i programmi di vaccinazione futuri siano sicuri”, conclude il documento.

La scienza può essere “anti-vaccino”?

Il lavoro di Exley ha esaminato ampiamente l’impatto dell’alluminio sulla biologia umana e non si è certo limitato all’esposizione tramite vaccini, ma il suo lavoro ha attirato un’attenzione negativa. In seguito divenne chiaro che l’attenzione era indesiderata per quanto riguardava l’università.

Attraverso una serie di interazioni bizzarre e prolungate con l’amministrazione universitaria, e ciò che alla fine divenne chiaro fu un attacco alle sue fonti di finanziamento, la posizione di lunga data di Exley a Keele iniziò a sgretolarsi.

Exley ha detto a The Looking Glass che durante i suoi ultimi anni a Keele, in più di un’occasione l’alta dirigenza ha tentato “un’azione disciplinare falsamente fondata” contro di lui.

“Solo il mio uso di avvocati del lavoro di livello mondiale e costosi mi ha protetto dall’essere espulso. Inutile dire che questi eventi hanno avuto un impatto negativo sulla mia salute, ma non ho ceduto, almeno non finché avevo i fondi per continuare a fare della buona scienza.

“Sono sicuro che se fossi rimasto a Keele come professore di anatra zoppa, avrebbero continuato a darmi la caccia fino a quando non me ne sarei andato.”

Ma non è stato espulso – alla fine, Exley si è dimesso. Senza la capacità di continuare la sua ricerca, non aveva entusiasmo per restare.

“Per oltre vent’anni, ho avuto il pieno e incondizionato sostegno dell’Università”, ha scritto Exley nella sua dichiarazione di partenza .

Allora, cos’è successo?

L’inizio della fine

Nel 2016 l’università ha creato un portale semplificato per il team di Exley per ricevere donazioni, che secondo lui ha funzionato bene per un paio d’anni Ma nel 2018, l’alta dirigenza ha iniziato a interferire. Sono state avanzate scuse per l’inadeguatezza del portale online e si sarebbe dovuto predisporre un sistema alternativo.

Exley aveva avuto molto successo nell’attrarre finanziamenti indipendenti e non richiesti per la sua ricerca da fonti tradizionali, nonché dal pubblico e dai filantropi. Aveva guadagnato circa 6 milioni di sterline nei suoi 30 anni di mandato a Keele, la maggior parte dei quali da finanziatori tradizionali (azienda, governo e grandi enti di beneficenza).

Questo era insolito, almeno a Keele, dice.

“Hai bisogno di un profilo per poter ottenere finanziamenti, ad esempio, da servizi filantropici e devi essere preparato a lavorare sodo per attirare sponsor. Ad esempio, prepararsi a viaggiare per il mondo tenendo discorsi in un’ampia varietà di situazioni”.

La ricerca sul ruolo dell’alluminio nei vaccini era una delle sue principali aree tematiche, ma questa ricerca non era popolare tra i principali finanziatori. Eppure Exley era riuscito a portare circa 1 milione di sterline in donazioni filantropiche nei suoi ultimi sette o otto anni all’università, il che aveva permesso alla loro ricerca sui vaccini di sopravvivere. Era questo flusso di finanziamento che Keele ha assicurato non poteva fluire.

Ha iniziato a ricevere e-mail da potenziali donatori su malfunzionamenti del portale e ha scoperto che era stato disabilitato. Gli amministratori gli hanno poi detto che c’era bisogno di regole più chiare per quanto riguarda il ‘crowdfunding’, regole, dice, che all’interno dell’università si applicavano solo a lui. Questo nonostante non avesse mai tentato il crowdfunding e nessuno dei suoi finanziamenti fosse stato guadagnato in quel modo.

Il ruolo dei media

Nel 2019, il Guardian ha pubblicato un articolo in cui esaminava i suoi finanziamenti tramite il portale di finanziamento online di Keele e attirava l’attenzione sul suo lavoro sull’alluminio nei vaccini e sul loro potenziale collegamento all’autismo. L’articolo era chiaramente volto a screditare il suo lavoro e a mettere in dubbio la validità del suo finanziamento.

Exley ha detto a The Looking Glass che crede che qualcuno di Keele abbia quasi certamente avviato l’articolo del Guardian e fornito le informazioni finanziarie. Ha fatto numerose indagini tramite i suoi avvocati all’università chiedendo prove della richiesta FOI del giornalista, ma questo non è avvenuto .

“Il Guardian è chiaramente un braccio di un corpo ‘più grande’ e non è contrario a dire bugie. Altri media mainstream nel Regno Unito, come The Times, non sono migliori. Dal 2016 ho ricevuto solo pubblicità negativa sulla nostra ricerca. Non è sempre stato così”.

Ciò che ha innescato il cambiamento è stata probabilmente la pubblicazione di questo articolo sulla tossicità degli adiuvanti di alluminio nei vaccini clinicamente approvati, dice.

A fine 2019 è stato realizzato un nuovo portale, ora gestito dall’ufficio alumni. Questo ha funzionato per circa sei mesi. Ma i donatori hanno contattato ancora una volta Exley, questa volta per dire che il suo nome non è apparso nel menu a discesa del portale delle donazioni.

“Il senior management di Keele sembrava determinato a rendere le donazioni per la mia ricerca il più difficile possibile per i potenziali donatori. Ciò includeva il rifiuto di informarmi quando era stata fatta una donazione.

“Ho dovuto fare affidamento sui donatori che mi contattavano per informarmi che avevano fatto una donazione. Tuttavia, le donazioni hanno continuato a essere ricevute e questo supporto incondizionato alla nostra ricerca da parte di singoli donatori si è concluso solo nel febbraio 2021, quando l’alta dirigenza di Keele ha agito per impedire tutte le donazioni al mio gruppo”, afferma nella sua dichiarazione di dimissioni.

L’articolo del Guardian aveva portato a una discussione interna tra l’alta dirigenza di Keele che etichettava Exley come un no-vax, nonostante un’e-mail datata 25 febbraio a Exley affermasse che avevano una visione neutrale:

“Come sapete, di tanto in tanto, le nostre comunità esterne e interne hanno sollevato preoccupazioni, a seguito di articoli di stampa, sulla ricerca intrapresa presso l’Università da voi e sul suo utilizzo per mettere in discussione la sicurezza dei vaccini in un modo che potrebbe minare le iniziative di salute pubblica. Su questo, non esprimiamo alcun giudizio. “

Il sito web del gruppo di ricerca, che raccoglieva tutte le sue ricerche e ospitava il portale dei finanziamenti, è stato sospeso. I finanziamenti sarebbero stati consentiti solo dall’industria o da fonti governative, vietandogli di ricevere finanziamenti da filantropi, enti di beneficenza e donazioni personali, una regola che si applicava solo a Exley.

Robert Kennedy e la politicizzazione della scienza della sicurezza dei vaccini

Nel 2021 questa nuova regola ha portato al rifiuto di Keele di una donazione di 15.000 dollari USA da parte di Robert F. Kennedy. Robert F. Kennedy è il fondatore di Children’s Health Defense, un’organizzazione che lavora per fare luce sui danni da vaccino e la corruzione nell’industria farmaceutica e nei suoi regolatori.

Kennedy ha commentato in un articolo su CHD :

“Gli sforzi di ricerca di Exley hanno documentato gravi effetti tossici dell’esposizione all’alluminio sulla salute umana. Verso la fine dell’anno scorso, ho appreso che la ricerca futura nel laboratorio del dottor Exley era in pericolo se non fosse stato in grado di raccogliere ulteriori fondi per la ricerca. Temendo che la sua ricerca sarebbe svanita, ho inviato un assegno personale di $ 15.000 a Exley tramite Keele.

“Non mi sarei mai aspettato che la mia donazione sarebbe stata rifiutata. Non ho mai sentito parlare di un’università che restituisca una donazione da un privato senza conflitti aziendali… Sono un sostenitore dell’ambiente e della salute pubblica e un avvocato che ha trascorso anni a citare in giudizio con successo i più grandi inquinatori del mondo e le aziende farmaceutiche nell’interesse pubblico”.

Il rifiuto della donazione di Kennedy del 2021 ha innescato un altro articolo sul Guardian dello stesso giornalista, Patrick Greenfield, con il titolo “La Keele University accetta fondi per un ricercatore che ha condiviso la disinformazione sul vaccino”.

Conteneva questa dichiarazione di Keele: “L’università sostiene enfaticamente i programmi di vaccinazione per la salute pubblica e riconosce l’importanza che gli attuali vaccini svolgono nella protezione della salute sia nel Regno Unito che nel mondo”.

Exley ha detto a The Looking Glass che un indizio su chi potrebbe aver tirato le fila a Keele proveniva da una lettera scritta a Kennedy da Keele , che spiegava perché la sua donazione era stata rifiutata.

“Si fa menzione dei principali partner finanziatori. Quelli più ovvi sono il SSN, non più che un’aggiunta all’industria farmaceutica globale, Astra Zeneca, che ha una presenza considerevole nel campus, e la Bill & Melinda Gates Foundation”.

Un’e-mail interna tra due amministratori dell’università che Exley è riuscita a ottenere indicava anche che l’università stava cercando di rimanere dalla parte giusta di un altro importante finanziatore.

“Penso che sia chiaro che la decisione è nel migliore interesse dell’ente di beneficenza: accettare donazioni sollecitate da un individuo che sostiene la disinformazione anti-vaccino rischia di farci perdere un reddito di ricerca di 9 milioni di sterline all’anno dal NIHR. Il titolo del Guardian è azzeccato: Keele facilita il flusso di denaro verso un importante accademico anti-vaccino”, si legge nell’e-mail.

L’amministratore delegato del National Institute for Health Research (NIHR), un’agenzia governativa che finanzia la ricerca sulla salute e l’assistenza sociale è Chris Whitty, che era anche il capo consulente medico del governo britannico al culmine della risposta al covid.

A seguire La scienza

Nell’ultimo decennio “seguire la scienza” è diventato una specie di mantra nel discorso pubblico. Un pubblico ingenuo potrebbe supporre che ciò significherebbe che le scoperte di Exley finirebbero per riflettersi nella politica di salute pubblica, o che il pubblico sarebbe almeno informato dei rischi e delle fonti dell’esposizione all’alluminio. Ma il lavoro di Exley è stato ampiamente ignorato.

“Non c’è stato alcun contraccolpo scientifico, nessuno ha confutato le nostre scoperte. Tuttavia, i troll di Internet sembrano avere il supporto di motori di ricerca come Google e quindi i loro attacchi al nostro lavoro sono sempre sulla prima pagina di qualsiasi ricerca”.

Il suo lavoro ha anche comportato la ricerca di come liberare il corpo dalla tossina, con risultati piuttosto sorprendenti. Potrebbe essere che la soluzione sia semplice come consumare acqua minerale ricca di acido silicico? 

Exley afferma che la lobby dell’alluminio è in gran parte non riconosciuta, a differenza di big pharma, big ag e big tech, ma è probabilmente la più potente di tutte.

“È un ‘fratello maggiore’ silenzioso che, sebbene raramente commenta la tossicità dell’alluminio negli esseri umani, è sempre lì per supportare la miriade di industrie che dipendono dal suo prodotto”.

La scienza sta in piedi

È probabile che i membri creduloni del pubblico che accettino acriticamente di riferire sul Guardian o su qualsiasi altro mezzo di comunicazione legacy, percepiscano Exley come un ciarlatano. Questo è il senso di tali storie.

Ma nonostante la resa del suo datore di lavoro alle potenti forze dell’industria, Exley non è stato apertamente ostracizzato dalla comunità scientifica.

“La nostra ricerca, su oltre 200 articoli sottoposti a revisione paritaria, è considerata valida e, ad esempio, ha portato a un invito a diventare membro della Royal Society of Biology. Probabilmente è vero che i miei colleghi scienziati non si sono affrettati a sostenermi in questo momento, ma non sono stati nemmeno in prima linea nelle critiche.

“Potrei aggiungere che è stata inviata una lettera al vicecancelliere di Keele firmata da oltre 100 scienziati chiedendo il ripristino mio e del mio finanziamento a Keele. È stato ignorato. Altri eminenti scienziati hanno scritto al VC come individui e non hanno ricevuto risposta”.

Il pubblico rimane in gran parte all’oscuro delle dinamiche che attanagliano le istituzioni scientifiche (e il giornalismo scientifico), che è controllato dal denaro e che alcune narrazioni sono promosse, spesso attraverso sofisticate campagne di pubbliche relazioni di vasta portata che hanno incluso l’acquisizione dei media.

Quello che è successo a Exley ne è un esempio di alto profilo, ma potremmo ugualmente indicare l’ assassinio del personaggio dell’epidemiologo Dr Simon Thornley in Nuova Zelanda o la diffusa censura di medici e scienziati che si pronunciano contro la risposta covid che sta avvenendo a livello globale.

C’è infatti una lunga storia di censura sulla scienza scomoda e diffamazione di coloro che insistono nel farlo. Il biochimico Árpád Pusztai , il gastroenterologo Andrew Wakefield e il genetista Gilles Eric Séralini sono solo altri tre che mi vengono in mente. Tutti loro hanno avuto carriere di grande successo prima che le campagne diffamatorie sulla reputazione, i pezzi di successo dei media e le pressioni istituzionali venissero esercitate su di loro.

Il grado in cui il denaro ha insudiciato le acque della scienza di interesse pubblico è dimostrato anche dal fatto che la maggior parte dei finanziamenti è ora convogliata verso la scienza applicata, con imperativi commerciali. La scienza come quella di Exley, che esplora la tossicità ambientale e umana, generalmente non porta a brevetti redditizi.

Gli ho chiesto come potrebbe essere riparato questo sistema rotto.

“La scienza non può prosperare quando i finanziamenti provengono dall’industria, dal governo e dai principali enti di beneficenza, che hanno tutti interessi importanti e non ci si può fidare. Forse le istituzioni sostenute esclusivamente dalla filantropia potrebbero riportare in vita parte dell’integrità che è andata perduta”.

Exley è ora in pensione, anche se, se emergesse un filantropo volenteroso, dice che riprenderebbe la sua ricerca.

Articolo pubblicato da The Exposè

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleIl sistema medico lotta con il trattamento delle malattie cardiache causate dai vaccini COVID
Next articleIn Italia ricaricare l’auto elettrica può costare più della benzina
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments