Quantcast
Database Italia

CON IL COVID PANICO E PAURA DIVENTANO VIRTÙ. GLI EROI DEL PASSATO OGGI SAREBBERO ETICHETTATI COME “IDIOTI”




La pandemia di Covid-19 ha deformato la mentalità dell’umanità, trasformando la paura in un valore intellettuale. Il panico è ora la scelta intelligente e coloro che lo rifiutano sono considerati barbari pericolosi.

Sociologi, teorici politici e altri esperti attribuiscono alla pandemia di coronavirus in corso la creazione di innumerevoli cambiamenti nella società globale. Alcuni sono pratici, altri psicologici. Alcuni sono temporanei, mentre altri rimarranno in forme in evoluzione.

È difficile dedurre se il cambiamento più preoccupante che stiamo vedendo sia stato davvero il risultato della crisi virale, o se stesse aspettando sotto il rumore superficiale della vita quotidiana per la piena esposizione grazie al Covid-19. Per la prima volta nella storia umana, la paura è ora considerata un segno di superiorità intellettuale, mentre la scelta di resistere al panico è vista come una stoltezza ostinata.

Per le prime settimane della pandemia all’inizio della primavera del 2020, il panico ha dominato la giornata e le chiusure si sono diffuse in tutto il mondo. La stragrande maggioranza di noi è andata giù, sia che si trattasse di ” appiattire la curva ” o semplicemente perché nessuno sapeva cosa aspettarsi da questo virus. Sembrava una risposta ragionata alla situazione, soprattutto considerando che il contagio ha avuto origine in Cina, una nazione le cui comunicazioni esterne sono (nella migliore delle ipotesi) reticenti o (nel peggiore dei casi) vere e proprie bugie.

Man mano che le settimane si allungavano in mesi, convivere con “il virus” ogni giorno svelava alcune verità evidenti: da chi il virus attaccava più aggressivamente, a come e perché si diffondeva, a quanto fosse controllabile con maschere, allontanamento sociale, disinfettante, ecc. Gran parte delle prove provenienti dal CDC e dagli studi universitari indicavano che il Covid-19 non era neanche lontanamente così serio come il mondo temeva nel marzo di quest’anno. Il virus era reale, ma identificabile. Era pericoloso, ma gestibile.

Stranamente, quelle notizie incoraggianti sono spesso scontate o ignorate dalla folla bunkerata che sembra tifare per le infezioni per giustificare la propria ansia. Chiunque agisca in base a rapporti ragionati con preoccupazioni ridotte, o anche solo al punto da lasciarsi alleggerire l’umore, viene licenziato o apertamente insultato come superficiale egoista e ignorante.

L’individuo che crede di poter affrontare questa crisi temporanea con successo fino a quando non si conclude con una cura o un vaccino – che si rifiuta semplicemente di correre urlando in una tuta ignifuga – è considerato un clown. È quindi vero il contrario. La persona che va nel panico e vive nella paura costante è in qualche modo più intelligente.

Se non rimani rinchiuso nella tua camera da letto a favore di andare in giro per la tua vita – ancora mascherato, disinfettato e distante – sei uno sciocco. Ancora peggio, sei uno sciocco spericolato a cui manca la compassione per le persone che potresti infettare. Indipendentemente da ciò, il filo conduttore è la ” crisi ” e la disperazione al posto della ” sfida ” e della risoluzione dei problemi.

I governi statali e locali dominati dai progressisti della California si dilettano nelle loro trasmissioni quotidiane nella sala di guerra e negli ordini arbitrari che limitano la cittadinanza con o senza l’autorità legale. I pensatori indipendenti che desiderano un po ‘di ripristino della normalità pur vivendo con il rischio virale sono visti come stupidi, egoisti o del tutto criminali.

Prima che la destra assegni questa esagerazione all’ipersensibilità progressiva, dovrebbe guardare al governo conservatore del Regno Unito mentre il primo ministro Boris Johnson lancia editti casuali a un ritmo maniacale, chiedendo alla popolazione britannica di accovacciarsi in un modo che non si vedeva dai tempi del Blitz. Chi non si nasconde nella metropolitana è un idiota del villaggio.

È certo che questo fenomeno è ancora un altro prodotto della nostra era del narcisismo. Svergognare gli altri per non essere saliti a bordo del carrozzone di Doom è poco più che un biglietto veloce, pigro e immeritato per una presunta forma di superiorità intellettuale. “ Guardami! Ho paura perché sono intelligente . “

L’unico principio unificante è la paura continua e il licenziamento di chiunque non la condivida. Quella visione del mondo corre contro la lunga marea della civiltà umana. Prima del 2020, la paura doveva essere evitata. Anche se non era necessariamente una reazione emotiva di debolezza, era una minaccia per il progresso e la civiltà.

Usiamo la cultura popolare come nostra libreria dimostrativa. In Dune, la paura è il ” killer della mente “. Lo sceriffo Brody deve ignorare la sua paura dell’acqua per uccidere uno squalo mortale. I malvagi fantasmi di Poltergeist ” sanno cosa ti spaventa “. Rocky Balboa deve superare la sua paura per rivendicare il suo titolo dei pesi massimi. L’eroina di V per Vendetta può combattere l’oppressione solo una volta che si sarà liberata della sua paura. In Star Wars, la paura minaccia di trasformare Rey nel lato oscuro della Forza.

Autori da William Shakespeare a Jane Austen, Anatoly Rybakov, Sir Arthur Conan Doyle, Harper Lee e Alice Walker, hanno fatto del superamento della paura un tema centrale dei loro capolavori. Se vuoi voltare le pagine indietro a un’era prima che la lingua inglese esistesse come la conosciamo, Beowulf è diventato uno dei primi grandi eroi del mondo occidentale sconfiggendo la paura causata da Grendel e sua madre. Torna indietro di un’altra era e leggerai come Gilgamesh ha superato la sua paura della morte mentre si preparava a diventare un eroe.

Infine, se permettiamo a un po’ di religione d’altri tempi di entrare nella mischia e controlliamo gli scrittori evangelici, ci viene detto che Gesù pianse di paura la notte prima di sconfiggere le sue tentazioni e affrontare la crocifissione. Dall’altra parte del mondo, il Buddha affermò: “ L’intero segreto dell’esistenza è non avere paura. Non temere mai cosa ne sarà di te . “

L’attuale zeitgeist psicologico ridicolizzerebbe tutte quelle figure o quegli autori e i loro protagonisti come frettolosi e senza cervello per non scappare e nascondersi da una minaccia indefinitamente finché non ha fatto il suo danno o ha deciso di andarsene.

Quelli nel culto dell’allarme diranno che tutti quei riferimenti sono finzione e il Covid è la vita reale. Vorrei fare un cenno a Joseph Campbell e ricordare loro che i miti e le loro favole indicano valori culturali. Nessuno che ridicolizza i propri simili per non aver indossato una maschera mentre è solo nella propria auto, cenato fuori dalle proprie cucine o addirittura desideroso di tornare al proprio posto di lavoro ha un ruolo da svolgere in una storia emozionante o negli eventi del mondo reale che li ispirano .

Forse questa nuova adorazione della trepidazione è un altro sintomo del coronavirus che passerà. Fino ad allora, viviamo nella speranza di un vaccino contro la nostra afflizione del 2020 di paura noiosa e autoadulatoria.

Come giornalista, John Scott Lewinski lavora in tutto il mondo, scrivendo per oltre 30 testate giornalistiche internazionali che coprono notizie, stile di vita e tecnologia. Come autore, è rappresentato dalla Fineprint Literary Agency, New York.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.